La giornata politica: l’opinione pubblica è con Renzi

Pubblicato il 19 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Il moto centripeto determinato dalla vittoria elettorale del Pd alle europee sta rivoluzionando il panorama politico italiano. Matteo Renzi in un certo senso lavora su uno scenario liquido nel quale l’unico punto di riferimento è l’attrazione gravitazionale del ”suo” partito. Lo dimostra la spaccatura di Sel sul sostegno al governo, con le dimissioni di figure di primo piano come Gennaro Migliore e Claudio Fava proprio sul terreno del rapporto con l’esecutivo, e la crisi di Scelta Civica con l’addio del primo parlamentare che confluisce nel Pd (Giampiero Dalla Zuanna). Naturalmente lo scossone non risparmia il centrodestra, definito ”una Babele di voci” da Gianfranco Fini, e nemmeno il Movimento 5 Stelle che ha chiesto al premier di sedere al tavolo delle riforme pur di non essere inghiottito nel limbo degli emarginati (l’incontro con i grillini è stato fissato dal Rottamatore per mercoledì prossimo). Renzi ripete ai suoi di avere poco tempo e di essere deciso ad andare avanti nel processo riformista come un treno, forte del 40 per cento di voti raccolto alle europee. E’ sicuro che l’opinione pubblica sia con lui, anche per un fatto generazionale: si tratta di archiviare tutti i riti della vecchia politica. E’ un messaggio diretto innanzitutto al Cavaliere che, infatti, ha abbandonato improvvisamente ogni esitazione dando il via libera all’accordo sul Senato e sulla riforma elettorale. Berlusconi si è reso conto di non poter temporeggiare: il pericolo di essere scavalcato nella trattativa da Grillo è concreto perché i 5 stelle stanno dimostrando una imprevista spregiudicatezza. Dopo essersi negati al dialogo per tanto tempo, hanno deciso di abbracciare la linea della responsabilità sedendosi al tavolo negoziale. Senza nessuna pretesa di imporre un prendere o lasciare, precisa Luigi Di Maio, ma con un pacchetto di proposte (dimezzamento del numero dei parlamentari, tagli ai costi della politica, preferenze) a cui potrebbe essere difficile per Renzi dire di no. Non a caso nella sua risposta al M5S il Rottamatore dice che nessuno ha la verità in tasca e che le regole si scrivono tutti insieme. Naturalmente il fatto di avviare il dialogo con Grillo avendo in tasca l’accordo già chiuso con Forza Italia e con la Lega limita la disponibilità a rimaneggiare il testo delle riforme. In qualche modo ribadisce la validità del patto del Nazareno che ha innescato tutta questa rivoluzione. Ecco perché, dopo i colloqui tra il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi e il capogruppo dei senatori azzurri Paolo Romani, in Forza Italia si parla di passi avanti significativi e di stretta finale: il tentativo è quello di ridurre i 5 stelle nel ruolo dei supporter, sebbene tutti sappiano che – in caso di reale disponibilità – sarà impossibile negar loro un ruolo con l’accettazione di qualche emendamento alla Grande Riforma. Il più grande successo del premier comunque resta quello di aver allineato tutto l’arco politico alla discussione: adesso sembra davvero impossibile tornare indietro. L’Italia avrà le sue riforme, spendibili in Europa per chiedere quei cambi di strategia che costituiscono il vero obiettivo della presidenza italiana della Ue. Del resto l’invito del Fmi alla Bce ad imbracciare il bazooka dei quantitative easing per rimettere in moto l’economia dell’eurozona si muove nello stesso solco della strategia renziana: fine dell’austerity e immissione di liquidità nel sistema per incoraggiare i consumi e dare un taglio alla disoccupazione. L’interrogativo è sullo scenario politico che emergerà al termine del semestre italiano di presidenza della Ue. Se Renzi dovesse avere successo anche a Bruxelles, la sua offensiva diverrebbe inarrestabile. Per primo il centrodestra dovrà dotarsi di un nuovo piano di riunificazione. Raffaele Fitto per esempio scommette sul fatto che gli alfaniani non vi confluiranno; il che è garantito, ammette Fabrizio Cicchitto, se si sceglierà come leader Matteo Salvini che, a suo avviso, rappresenterebbe la sicurezza di restare opposizione a vita. Anche il centro sembra avere esaurito l’appeal dopo il collasso dei montiani. E perfino l’estrema sinistra rischia la marginalità dopo la spaccatura: le critiche di Nichi Vendola ai fuoriusciti sono in contraddizione con la sua stessa analisi che parla di un progetto ”fascinoso” del Rottamatore. Infine il posizionamento di Grillo a destra in Europa introduce un’altra incognita al momento difficile da decifrare. Tutto ciò dà a Renzi una forza sulla quale probabilmente nessuno ha potuto contare prima di lui. (Pierfrancesco Frerè/ANSA).

Ultima ora

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

Archivio Ultima ora