Mondiali: T.Motta e Marchisio, “caldo decisivo, eccome”

Pubblicato il 20 giugno 2014 da redazione

RECIFE (BRASILE),. – Cesare Prandelli non vuole scusanti, i giocatori invece parlano soprattutto di caldo. E, come dice Claudio Marchisio, “non si tratta di un alibi ma della realtà”. Per Thiago Motta “si può parlare di tante cose ma le squadre sudamericane sono avvantaggiate con questo clima sulle europee”. I pochi azzurri che hanno voglia di parlare raccontano di un Costarica in grado di attaccare e difendere con più intensità e di una situazione climatica – parole di Andrea Pirlo – “peggiore di Manaus”. “I costaricani sono più abituati – dice Thiago Motta – hanno potuto dare intensità al loro. Sinceramente, con tutto il rispetto che ho per il Costarica, non mi sembra che molti di loro giochino in squadre europee di rango… ma facevano più pressing di noi e ripartivano. Il problema fondamentale è stato il caldo, non è una scusa ma la verità”. Thiago Motta diventa un fiume in piena e non si ferma neppure quando gli fanno notare che il ct ha detto di non voler accampare la scusa del caldo: “ma va bene che il ct dica questo, e io non dico che non abbiamo fatto errori in campo. Ad esempio, il loro gol è stato un nostro errore. Ma il problema fondamentale è stato la temperatura. E adesso contro l’Uruguay dovremo fare una grande partita ma non sarà facile, giochiamo a Natal e di nuovo alle 13”. Gli fa eco Marchisio: “cercheremo di recuperare nei prossimi tre giorni, si possono dire tante cosem ma certo è che abbiamo giocato contro una squadra più abituata a questo clima. Poi è vero anche che ci sono stati episodi importanti che non abbiamo sfruttato, sarebbe cambiata la partita. Però nel secondo tempo il caldo ha fatto la differenza, questo è sicuro. Non è un alibi. Contro l’Uruguay servirà recuperare, in campo dovrà andare un’Italia più cattiva”. (dell’inviato Tullio Giannotti/ANSA)

Ultima ora

17:55Terremoto: a D’Angelis coordinamento sicurezza idrogeologica

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Sarà Erasmo D'Angelis, capo di Italiasicura a Palazzo Chigi, ad occuparsi della messa in sicurezza idrogeologica delle aree colpite dal terremoto tra Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo. Le 5 scosse principali dal 24 agosto 2016 e il lungo sciame sismico hanno devastato parte del territorio naturale, il reticolo idrico di torrenti e fiumi e hanno mosso migliaia di movimenti franosi. Dal prossimo mese di settembre, D'Angelis, infatti, assumerà l'incarico di Segretario generale dell'Autorità di distretto idrografico dell'Italia centrale, il nuovo organismo che accorpa tutte le Autorità di bacino preesistenti, a partire dall'Autorità del Tevere, il fiume che sarà oggetto di opere di difesa dalle alluvioni attese da decenni.

17:49Svizzera: frana al confine con val Chiavenna, 100 evacuati

(ANSA) - SONDRIO, 23 AGO - Una frana di notevoli proporzioni è caduta oggi dal pizzo Cengalo, in territorio di Bondo (Svizzera), in Val Bregaglia, al confine con la provincia di Sondrio. Si è trattato di un imponente quantità di detriti, ancora in corso di esatta quantificazione, che ha travolto vecchie stalle e abitazioni. Non si registrano vittime. L'enorme massa di detriti è arrivata a lambire la strada principale del borgo, a poca distanza da Villa di Chiavenna, e le autorità elvetiche hanno deciso di evacuare a scopo precauzionale diverse famiglie di residenti, circa un centinaio di persone, tutte di nazionalità svizzera.

17:49Terremoto: nuove bandiere su torre civica Amatrice

(ANSA) - AMATRICE (RIETI), 23 AGO - A un anno dal sisma del 24 agosto i Vigili del Fuoco hanno sostituito le due bandiere, il tricolore e quella della Città di Amatrice, che nell'inverno scorso erano state poste in cima alla Torre Civica di Amatrice, simbolo del terremoto con il suo orologio fermo alle 3:36. A sostituirle, con una autoscala, è stato lo stesso Vigile del Fuoco amatriciano, Lino Coltellese, che quest'inverno per primo aveva raggiunto la cima della Torre.(ANSA).

17:44A ‘Vela a Vela’i big della Coppa America

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Andrà in onda oggi alle 18.48 su Raisport +HD la quinta puntata della Rubrica "Vela a Vela Speciale 20 anni" la trasmissione di Raisport curata e condotta da Giulio Guazzini che ripropone, durante la pausa estiva dell' "Uomo e il Mare", la storia delle imprese veliche più importanti. Puntata odierna sarà dedicata in particolare alle testimonianze dei personaggi della grande navigazione a vela, dalla Coppa America alle traversate oceaniche.

17:36Terremoto Ischia: Pinotti dona medaglia a piccolo Ciro

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 23 AGO - "È solo una medaglia ricordo che ho messo personalmente a Ciro per testimoniare che tutta l'Italia lo ha guardato". Così il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al termine della visita fatta all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno (Ischia) dove ha incontrato Ciro, uno dei tre fratellini, rimasti sotto le macerie della casa crollata per ore e ore. "Ho portato anche un orsetto a lui e al fratellino più piccolo, Mathias, e altri gadget delle forze armate", ha aggiunto sottolineato. Una visita a Casamicciola, quella del ministro, finalizzata anche a portare i ringraziamenti, a nome anche del premier Gentiloni a tutti i soccorritori. Non solo, il ministro della Difesa ha anche annunciato che il giorno 29 agosto "ci sarà il consiglio dei ministri dove porteremo la delibera per lo stato di emergenza e seguiremo, anche attraverso i sindaci, le successive necessità".

17:34Calcio: Niang ‘stressato’, rompe con Milan e aspetta Torino

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - E' braccio di ferro fra il Milan e Mbaye Niang. L'attaccante francese, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ieri ha presentato un certificato medico che lo esonera dagli allenamenti per dieci giorni a causa di stress psicologico. In sostanza il giocatore sta vivendo da separato in casa al Milan e ha affidato la ricerca di una destinazione gradita al suo procuratore, Mino Raiola. Niang vorrebbe essere ceduto al Torino di Sinisa Mihajlovic, l'allenatore che meglio lo ha fatto rendere negli ultimi anni. Il Torino, però, finora ha offerto una cifra ben inferiore ai circa 20 milioni messi sul tavolo dai russi. Negli ultimi giorni di mercato si cercherà una soluzione.

17:33Terremoto: frati Assisi pregano per le vittime di un anno fa

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 23 AGO - Ad un anno dal terremoto che colpì il centro Italia i frati di Assisi ricorderanno domani, nella preghiera del mattino e durante le celebrazioni eucaristiche, le vittime e le famiglie colpite dal sisma. "È necessario superare i limiti del sistema Paese in generale e dei territori martoriati dal sisma - afferma in una nota il custode del Sacro convento, padre Mauro Gambetti - attivando un processo critico tramite la valorizzazione sinergica di esperti in sicurezza, occupazione ed economia. Proprio per questo - continua padre Gambetti - il 15 settembre ad Assisi, nell'ambito dell'evento internazionale 'Il Cortile di Francesco', si terrà una giornata dedicata alla prevenzione dove parteciperanno tra gli altri il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, e il governatore Banca d'Italia, Ignazio Visco".

Archivio Ultima ora