Renzi incassa i primi segnali per la svolta in Ue

Pubblicato il 23 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Matteo Renzi incassa l’apertura dell’Europa e della cancelliera di ferro Angela Merkel su una maggiore flessibilità delle regole Ue per sostenere crescita e lavoro. Il premier assapora “il ritrovato protagonismo italiano”. E sfogliando le bozze che si susseguono del documento Van Rompuy intravede i “primi segnali” della svolta, fanno notare i suoi. A quel documento Renzi lega il suo via libera alle nomine: una partita per cui è pronto a partire per il Belgio – dove giovedì e venerdì si gioca il risiko delle poltrone – con un traguardo. Anzi due: spuntare un ‘top player’ italiano ai vertici Ue puntando su ‘Lady Pesc’, casella che il premier vuole riempire con il nome di Federica Mogherini; e chiedere che i 28 definiscano un pacchetto chiuso sulle nomine. Un accordo cioè su tutte le poltrone chiave – Consiglio, Europarlamento, Eurogruppo e ‘ministro degli Esteri’ Ue – e non solo su quella, ormai scontata, di Jean Claude Juncker alla Commissione. Per dare un’immagine di “un’Europa che cambia passo e metodo, presentandosi d’accordo e compatta”, si fa notare. Ma, è ovvio, anche per evitare che rinvii sulla composizione del puzzle possano riaprire il vaso di Pandora degli appetiti nazionali. Tra le cancelliere rimbalzano, intanto, frasi della bozza Van Rompuy che sembrano sempre più avvicinarsi a quella sua idea di flessibilità: “primi segnali”, commenta prudente chi è vicino al premier. Su cui ancora si lavora e si deve lavorare. Lo stanno facendo, e lo faranno fino all’ultimo minuto prima della cena dei leader a Bruxelles, il ministro Padoan e la sua squadra insieme a Palazzo Chigi. Perché la missione del mandato al nuovo presidente recepisca in pieno un ‘cambio di verso’ dell’Europa. Lasciando – tra le maglie delle regole che Roma rispetta e ha intenzione di rispettare appieno – margini di flessibilità per gli investimenti, pubblici e privati, unica leva per dare ossigeno all’economia, e quindi alla crescita e al lavoro. Renzi non vorrebbe una ricetta troppo dettagliata ma la conferma della sua idea di cambiamento. Non è un mistero che l’obiettivo è quello di un consolidamento ‘differenziato’, per consentire a quei Paesi che fanno le riforme un allentamento dei vincoli temporali di rientro del debito verso quel 60% in 20 anni, che all’Italia rischia di costare manovre salatissime ogni anno. “Svolta possibile”, assicura la Mogherini. Un concetto di flessibilità su cui Renzi non solo sembra aver spuntato un primo via libera nel testo Van Rompuy. Ma anche e soprattutto da Frau Angela. Uno dei principali punti di contatto Germania-Italia – scrive oggi Wolfang Manchau, autorevole editorialista dell’Ft – sono gli investimenti: “La Germania, come l’Italia, deve investire”. E di fronte alla “forza irresistibile della smania di Renzi”, prosegue il quotidiano della City, Berlino è pronta a esplorare la strada. Forse anche per non perdere punti tra i 28 che sembrano avvicinarsi sempre più alla linea del giovane premier italiano. “Le nostre priorità e il nostro metodo sono già ampiamente condivisi” e il documento di Van Rompuy li “sta recependo”, commenta soddisfatto il responsabile per la Ue Sandro Gozi. Rilanciando il ‘peso’ di Roma che avrà – assicura – un commissario di punta. Ha “ottimi candidati”, dice senza sbilanciarsi sulla Mogherini. Ma le quotazioni della titolare della Farnesina come prossimo ‘ministro degli Esteri’ dell’Europa salgono: “Senza dubbio è una buona candidata”, dice il capo della diplomazia olandese Frans Timmermans. Mentre lei stessa conferma: “E’ un’ipotesi”. Renzi nella ‘piattaforma’ di Van Rompuy vuole incassare anche impegni chiari della Ue sull’immigrazione, pronto a spingere per modificare le prime bozze che sembrano un po’ troppo caute. “Voglio vedere i fatti”, ha detto, ridetto e ripetuto. E messo nero su bianco nell’appunto dato da Roma a Van Rompuy, senza dimenticare la sua anima fiorentina: ‘Nomina sunt consequentia rerum’ è riportato in apertura del testo. La citazione dantesca della ‘Vita nova’ è un memo per i colleghi: il suo via libera è, e resta, condizionato al paradigma di una nuova Europa per la crescita e il lavoro. Domani lo ribadirà anche in Parlamento, prima alla Camera e poi al Senato, dove presenterà le priorità del semestre italiano. (Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora