La giornata politica: prima i programmi e poi i nomi dei ministri

Pubblicato il 23 giugno 2014 da redazione

ROMA. – La tattica europea di Matteo Renzi sottoscritta da tutto il Pse (prima i programmi e poi i nomi dei ministri) ha ottenuto un primo risultato: la Germania, come ha annunciato la Cancelliera Angela Merkel, accetta che il patto di stabilità sia interpretato in modo più flessibile in cambio – è implicito – della presidenza della Commissione Ue per il popolare Jean Claude Juncker. Difficile per ora dire chi abbia vinto e chi abbia perso. Il compromesso che si va delineando assomiglia ad un pareggio. E’ vero tuttavia che il muro del rigorismo tedesco mostra per la prima volta una crepa: i socialisti hanno chiesto e ottenuto che il nuovo presidente sottoscriva un’agenda nella quale crescita e lavoro hanno un ruolo centrale, sia pure all’interno dei parametri del patto di stabilità. L’Italia inoltre, ha fatto sapere il sottosegretario Gozi al termine dell’incontro che il premier ha avuto a palazzo Chigi con i capi dei gruppi parlamentari di Strasburgo, avrà commissari ”di peso”. La candidatura di Federica Mogherini a Mrs. Pesc, cioè a responsabile della politica estera europea, ”è un’ipotesi”, come ha ammesso la stessa interessata che attualmente guida la Farnesina. Al di là dello sviluppo dei negoziati, che sono ancora in divenire, è difficile negare che l’Italia abbia assunto improvvisamente un ruolo di maggiore prestigio sullo scenario continentale. Frutto della clamorosa vittoria elettorale del Pd, certo, ma anche della stanchezza dell’opinione pubblica europea che vive ormai il rapporto con Bruxelles ”come un incubo” per stare alle parole del Rottamatore. Il segretario-premier insiste da tempo sulla necessità di rivitalizzare tale rapporto sciogliendo i nodi che attanagliano quasi tutti i Paesi: più lavoro per i giovani, innanzitutto, e poi investimenti produttivi che dovranno essere scomputati dal deficit per generare un effetto volano sull’economia. Questa battaglia cruciale ha fatto passare fatalmente in secondo piano un altro scontro, quello sulle riforme. L’ immunità dei senatori è l’ultimo terreno sul quale si dispiegano le resistenze delle forze politiche. Ma non ha torto Gianni Cuperlo quando parla di ”una tempesta in un bicchiere d’acqua”: innanzitutto perché originariamente un po’ tutti i gruppi la richiedevano (compresi 5 stelle e berlusconiani) e poi perché sarebbe difficile introdurre una differenza di trattamento tra senatori e deputati se la seconda Camera manterrà comunque funzioni di rilievo costituzionale. In realtà la battaglia sull’immunità sembra soprattutto un modo per aprire un varco nell’asse Pd-Fi che sorregge il patto delle riforme. Paolo Becchi, ideologo del M5S, spiega infatti che il punto politico è mettere in crisi l’accordo tra Renzi e Berlusconi; e Luigi Di Maio, che guiderà la delegazione dei grillini insieme ai capigruppo nel vertice con il Pd, ne fa una delle bandiere del Movimento. L’impressione è che i 5 stelle punteranno le proprie carte sulla cancellazione dell’immunità e sulla possibilità che i democratici accolgano alcuni punti della loro proposta di legge elettorale (taglio dei costi della politica e dimezzamento dei parlamentari, preferenze). Ufficialmente l’M5S vuole sondare la reale disponibilità del Rottamatore alla trattativa per ”smascherarlo”, come dice Paola Taverna: se non ci saranno margini, perché i giochi sono già fatti, partirà una campagna per denunciare l’esclusione della seconda forza politica italiana dal percorso riformista. I democratici si preparano con la disponibilità a discutere la cancellazione dell’immunità per i senatori e l’ulteriore riduzione dei costi della politica, ma a condizione che ciò non significhi ripartire da zero. Il calcolo è che i grillini non accetteranno con ogni probabilità di ridurre la propria proposta ad un semplice percorso parlamentare emendativo che li porrebbe sullo stesso piano delle altre forze politiche. Ma sorprese sono sempre possibili. (Pierfrancesco Frerè /ANSA).

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora