Iraq: bombardati i qaedisti ma non sono stati i droni Usa

Pubblicato il 24 giugno 2014 da redazione

BEIRUT/BAGHDAD. – Un vero e proprio mistero circonda i bombardamenti aerei avvenuti contro postazioni dei miliziani qaedisti al confine siro-iracheno: media governativi iracheni puntano il dito sui droni Usa, il Pentagono smentisce e fonti sul terreno affermano che i raid sono stati compiuti da caccia del regime siriano. E mentre l’Onu afferma che negli ultimi 17 giorni di violenze sono morte circa mille persone, sono proseguiti i combattimenti tra insorti e forze lealiste attorno al complesso petrolifero di Baiji. L’Iraq attuale, scosso dall’offensiva dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (Isis) e sempre più diviso lungo linee politico-etnico-confessionali, ha detto il presidente del Kurdistan iracheno, Massud Barzani dopo l’incontro con il segretario di Stato John Kerry, non è più il Paese di prima. Kerry, giunto a Bruxelles per la ministeriale della Nato proprio su Iraq e Ucraina, ha ribadito che “la chiave” della crisi è la creazione di un “governo di unità nazionale” e che “(in Iraq) non c’è solo una soluzione militare”. Parole che contrastano in modo evidente con la conferma del Pentagono che sono stati dispiegati sul terreno i primi dei 300 consiglieri militari giunti in Iraq, e con la notizia, poi smentita dallo stesso ministero della difesa americano, di raid aerei condotti lungo il confine siro-iracheno “da droni Usa”. L’informazione era stata riferita dalla tv governativa irachena al Iraqiya, secondo cui i bombardamenti avevano colpito postazioni dell’Isis nei pressi del valico frontaliero di al Qaim, nella regione occidentale di al Anbar, limitrofa con quella siriana di Dayr az Zawr. Proprio da quest’area, testimoni locali in Siria hanno confermato all’Ansa i bombardamenti, senza però poter precisare la nazionalità e il tipo di aereo. Fonti tribali irachene ad al Qaim, solidali con l’insurrezione anti-Baghdad e citate dalla tv panaraba al Arabiya (di proprietà saudita), affermano che a sganciare le bombe sono stati aerei militari di Damasco. Il regime siriano non ha finora mai fatto la guerra direttamente all’Isis, che in Siria controlla ampie regioni nell’est e nel nord. Altre notizie contrastanti sono giunte dalla provincia di Baiji, dove sorge il più vasto complesso di raffinerie petrolifere del Paese, ma dal quale non proviene il petrolio per l’esportazione. Secondo fonti tribali citate stamani dalla Bbc, i qaedisti e gli insorti avevano preso possesso dell’intero complesso. Ma la notizia è stata smentita dallo Stato maggiore di Baghdad, secondo cui elicotteri militari hanno condotto raid aerei uccidendo una ventina di miliziani. Dal governo hanno inoltre assicurato che l’autostrada Baghdad-Samarra-Mosul, che attraversa Baiji, è pienamente sotto il controllo delle forze governative. Lo Stato maggiore ha inoltre smentito che i qaedisti controllino i valichi di frontiera di Turaybil e di Walid rispettivamente con Giordania e Siria. E ha affermato che i valichi sono invece controllati dalle forze di Baghdad col sostegno delle tribù locali. Il governo giordano da ieri afferma però il contrario. “L’Iraq sta cadendo a pezzi”, ha commentato Barzani e per questo “è giunto il momento per il popolo del Kurdistan di determinare il proprio futuro, e noi applicheremo la decisione del popolo”. “Stiamo ora vivendo in un nuovo Iraq – ha continuato – che è completamente diverso dall’Iraq che abbiamo sempre visto, l’Iraq in cui vivevamo dieci giorni fa, o due settimane fa”. (Lorenzo Trombetta/Ansa)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora