La giornata politica: il nodo dell’austerity non è ancora sciolto

Pubblicato il 24 giugno 2014 da redazione

ROMA. – La narrazione europea di Matteo Renzi è indubbiamente affascinante, come gli riconoscono anche gli avversari (Nichi Vendola), tuttavia a questo punto ha bisogno anch’essa di tradursi in fatti concreti. Il premier fa sapere che l’Italia si presenterà al Consiglio europeo di giovedì e venerdì armata di determinazione e con in mano un ”metodo” di successo: parlare prima dei programmi e poi dei nomi perché non sarà un presidente della Commissione a cambiare il destino della Ue. Eppure il pacchetto di riforme legato alla diluzione del suo cronoprogramma in un medio periodo di 1.000 giorni dimostra quanto il compito sia difficile: intanto lascia il fianco scoperto alle critiche dell’opposizione che si chiede come mai i 100 giorni promessi per la rivoluzione si siano decuplicati; e poi appare legato agli sviluppi di una crisi che – ammette il Rottamatore – è tutt’altro che superata. In altre parole il semestre di presidenza italiana della Ue, che avrà soprattutto il carattere della moral suasion, deve fare i conti con quella che l’opposizione definisce la politica ”germanocentrica”. Secondo molti i margini di flessibilità sui quali palazzo Chigi conta per riavviare la ripresa economica sono in realtà troppo esigui per determinare una vera ripresa. Certo, Renzi punta sulla forza propulsiva del suo successo alle europee per condizionare Berlino insieme alle altre forze del Pse e per imprimere la svolta in politica economica invocata anche da Pierferdinando Casini quale unico esito possibile per parlare di un nuovo corso. In tal senso non ha torto l’azzurra Renata Polverini quando individua nell’assenza del lavoro come baricentro dell’agenda italiana il vero limite della strategia illustrata dal presidente del Consiglio alle Camere. In realtà sembra che l’intesa tra popolari e socialisti sia ancora in parte da costruire: il Rottamatore punta a condannare come violazione dei trattati il parlare solo di stabilità, ma sullo sfondo si capisce che il nodo della filosofia dell’austerity non è ancora sciolto (vedi le prese di posizione della Bundesbank e del ministro del Tesoro tedesco). Molto dipenderà dalle trattative in corso sull’attribuzione della poltrone chiave del governo europeo. Se un’italiana siederà sulla poltrona di ministro degli Esteri, è probabile che almeno la politica dell’immigrazione prenderà un’altra direzione (Renzi ha parlato addirittura dell’affiorare nella Ue di posizioni xenofobe da combattere con decisione). Intanto il premier cerca di tenersi a distanza dalle polemiche interne sulle riforme. Anna Finocchiaro ha assicurato che le discussioni sull’immunità dei futuri senatori non ritarderanno l’approdo in aula della riforma del secondo ramo del Parlamento. Forza Italia ha lasciato la patata bollente al Rottamatore, invitando il Pd a decidere la strada da imboccare che per gli azzurri è sostanzialmente neutra: un modo per fare pressione sulle divisioni interne dei democratici che domani incontrano la delegazione del Movimento 5 Stelle. Luigi Di Maio spiega che i grillini vogliono capire se c’è la possibilità di un percorso comune sulla legge elettorale: dal momento che le due proposte, quella del Pd e quella del M5S, sono molto distanti tra loro, la cosa sembra assai difficile. E comunque i 5 stelle interpellerebbero la rete anche in caso di accordo. La posizione di Renzi è quella di non farsi insabbiare in una estenuante trattativa: i suoi hanno ripetuto più volte che non si ricomincia da zero. E del resto non si capisce quali siano i margini se il Movimento ha già bocciato il testo Boschi su Senato e Titolo V come ”una porcata”. Testo che ogni evidenza è legato all’Italicum le cui modifiche dovrebbero comunque essere approvate anche da Forza Italia. Si vedrà, ma intanto Renzi può contare sull’appoggio dei fuoriusciti da Sel, guidati da Gennaro Migliore, che puntano trasformare la sinistra italiana con un processo unitario speculare a quello che dovrebbe avvenire nel centrodestra. (Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora