L’Italicum di Renzi, tenta Cinquestelle su preferenze

Pubblicato il 25 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Matteo Renzi mischia ancora le carte e gioca un jolly a sorpresa sul tavolo delle riforme: chiama in partita il M5S, rimasto finora escluso dal dibattito, anche se in serata rassicura sulla tenuta degli accordi già fatti. L’Italicum, precisano fonti vicine al premier, resta la via mastra della legge elettorale. Il premier incontra i cinquestelle alla Camera, in diretta streaming, accettando il confronto richiesto. Il capo del Governo ascolta i pentastellati, evidentemente animati da una nuova intraprendenza parlamentare, e si dice addirittura pronto a valutare l’inserimento delle preferenze nell’Italicum ma soltanto qualora la nuova legge garantisse pienamente la governabilità. Poi, è la mossa inaspettata, prova a coinvolgerli nella discussione sulla legge di riforma costituzionale al Senato. Tanto basta per allarmare Forza Italia e, soprattutto, gli alleati di maggioranza che temono di rimanere stretti da una possibile tenaglia Pd-Grillo. Ncd reagisce presentando un nuovo emendamento a Palazzo Madama che rilancia l’elezione diretta dei senatori (norma che, invece, Renzi non vuole assolutamente). Ed anche Fi si mostra nervosa: “L’accordo resta sull’Italicum – sottolinea il capogruppo al Senato Paolo Romani in una nota ispirata da Silvio Berlusconi dopo un vertice a Palazzo Grazioli – e siamo pronti ad approvarlo nei tempi previsti”. Dall’esecutivo, però, trapela una rassicurazione: l’asse preferenziale resta quello attuale. Chissà se basta agli alleati che lo leggono come l’inizio della politica dei due forni: mettere in concorrenza i contendenti per scegliere, a seconda delle evenienze, l’interlocutore migliore. Lo scenario soddisfa anche il M5S che ottiene l’obiettivo, mediatico più che politico, che si era preposto prima del vertice: “scongelarsi” agli occhi degli elettori e dimostrare di essere una forza politica propositiva e non solo di rottura. Sarà per questo che, al termine dell’incontro durato circa un’ora, il primo al quale Grillo non partecipa, tutti appaiono soddisfatti. Renzi può appuntarsi un’ulteriore medaglia come ‘premier costituente’; i cinquestelle incassano un nuovo incontro tra una settimana. Ma l’esito del vertice non era così scontato, anzi inizia in un clima di diffidenza reciproca. L’incontro parte con un colpo di scena: dieci minuti prima della riunione, Renzi cambia la “formazione” dem e annuncia che scenderà in campo insieme a Debora Serracchiani, Stefano Speranza e Alessandra Moretti. Per i cinquestelle, ci sono Luigi Di Maio, Danilo Toninelli, i capigruppo Maurizio Buccarella e Giuseppe Brescia. Tocca proprio a Toninelli rompere il ghiaccio e presentare la proposta di legge M5S. Renzi si mostra subito disponibile e sottolinea di essere “felice di poter ragionare e confrontarsi insieme”: “Le regole si scrivono insieme e lo diciamo fin dal primo momento”. E’ un accenno alle prime prove di dialogo a dicembre, bocciate da Grillo, e alle consultazioni in streaming nel corso delle quali fu chiuso ogni spiraglio. Quindi, entra nel merito. Per Renzi la proposta M5S non è percorribile perché “il Toninellum”, come lo definisce lui, “non garantisce la governabilità”. Il premier pone una serie di rilievi, in particolare bocciando le preferenze negative che – sostiene – potrebbero favorire il voto di scambio e ricordano “le nomination del Grande Fratello”. Però, fa una apertura inattesa: “Siamo pronti a ragionare di preferenze se c’é la certezza della governabilità – dice – Deve esserci la certezza che chi vince le elezioni, il giorno dopo governi”. La delegazione M5S difende la propria proposta ma raccoglie l’offerta. “La legge elettorale che portiamo qui è solo un punto di partenza”, sottolinea Di Maio. Il neo-leader rilancia: “Tra tre o quattro giorni ci rincontriamo e valutiamo i punti di caduta sui quali poter discutere insieme”, aggiunge. Renzi accetta (“ma venite con le idee chiare”) e contro-rilancia: “Visto che siamo nella immediata scadenza delle riforme costituzionali al Senato, siete anche disponibili a ragionare di riforme?”. Al di là di qualche difficoltà sui tempi per presentare emendamenti o proposte, uno spiraglio sembra aperto. Difficile comprendere, però, se il dialogo Pd-M5S possa portare a modifiche dei testi in esame o sia soltanto una mossa mediatica utile ad entrambi.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora