Ucraina: tregua fragile, Obama minaccia nuove sanzioni

Pubblicato il 25 giugno 2014 da redazione

MOSCA. – Tregua sempre in bilico in Ucraina. Il cessate il fuoco che avrebbe dovuto far tacere cannoni e kalashnikov per una settimana, fino a venerdi’ 27, non ha mai portato a una vera interruzione del conflitto nell’est, e l’abbattimento ieri sera di un elicottero militare di Kiev ha fatto temere il tracollo immediato del piano di pace del presidente Petro Poroshenko. La colpa secondo il governo ucraino e i suoi alleati occidentali ricade almeno in parte su Mosca – accusata di sostenere i separatisti e di armarli – e il leader della Casa Bianca, Barack Obama, ha gia’ pronto un piano per inasprire le sanzioni nei confronti della Russia. La risposta americana a Mosca, sulla carta, potrebbe andare questa volta ben oltre le sanzioni individuali gia’ adottate contro alcuni personaggi legati al Cremlino, e colpire in larga parte le industrie russe della finanza, della difesa e dell’energia. Diversi Paesi Ue – e la stessa business community americana – vedono pero’ come il fumo negli occhi nuove sanzioni al gigante russo, e puntano piuttosto a risolvere la crisi in Ucraina con una soluzione condivisa e meno traumatica. Anche per evitare di inimicarsi una potenza mondiale da cui non pochi dipendono largamente per il gas. A schierarsi su questo fronte sono Italia, Francia e Germania. E proprio la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande hanno avuto stasera una lunga conversazione telefonica con Putin e Poroshenko in cui hanno esortato i leader di Russia e Ucraina “a lavorare insieme” e “con l’appoggio dell’Osce” perche’ sia rispettato il cessate il fuoco e siano garantiti controlli rigorosi alla frontiera, attraversata – secondo Kiev – da uomini armati e mezzi militari provenienti dalla Russia. Nella telefonata a quattro di oggi – che dovrebbe ripetersi domani nello stesso formato – Poroshenko ha chiesto a Putin “passi concreti” che portino a una reale de-escalation del conflitto. La stessa richiesta avanzata nel pomeriggio dal segretario di Stato Usa John Kerry a conclusione della ministeriale esteri Nato a Bruxelles. Mentre dal canto suo il leader del Cremlino si e’ detto a favore di una proroga della tregua tra le truppe di Kiev e i miliziani e di “uno stabile processo negoziale” a cui il Cremlino vuole che partecipino anche i separatisti. Le continue violazioni del cessate il fuoco (annunciato unilateralmente da Kiev il 20 giugno e solo lunedi’ scorso dai separatisti) hanno messo d’altronde a serio rischio i passi in avanti di questi ultimi giorni per una soluzione pacifica del conflitto, al punto che ieri sera Poroshenko non aveva escluso di mettere fine anticipatamente alla tregua. A scongiurare una nuova impennata nei combattimenti ci ha pero’ pensato il nuovo capo della diplomazia ucraina, Pavlo Klimkin, che – a margine d’una riunione a Bruxelles con i colleghi dei Paesi Nato – ha assicurato che il governo di Kiev lascera’ “in vigore il cessate il fuoco”. Almeno fino a venerdi’ mattina, lo stesso giorno in cui l’Ucraina dovrebbe compiere un piccolo passo verso l’Europa firmando a Bruxelles un accordo di associazione con l’Ue che il Cremlino ha cercato in tutti i modi di esorcizzare per non vedere l’Ucraina allontanarsi dalla propria sfera d’influenza. Un timido segnale di apertura arriva pero’ proprio da Mosca, dove dopo quattro mesi il Senato ha cancellato (almeno per il momento) la minaccia di un intervento armato russo revocando l’autorizzazione all’uso delle forze armate in Ucraina concessa in fretta e furia al Cremlino il primo marzo, in piena crisi di Crimea. Si tratta ovviamente di una scelta che piove dall’alto, e cioe’ da Putin in persona, che ieri ha proposto questa misura alla camera alta del parlamento come segnale di distensione. E infatti un solo senatore si e’ permesso di votare contro.  (Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

Archivio Ultima ora