Renzi vuole flessibilità e Mogherini, battaglia in Ue

Pubblicato il 25 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Matteo Renzi si prepara alla battaglia europea. Pronto a sedersi, dopo aver concordato la linea anche con con Giorgio Napolitano, al tavolo dei 28 rivendicando la sua ‘svolta’ fatta di crescita, lavoro e investimenti. Mettendo sul piatto riforme in cambio di vera flessibilità. E puntando ad una poltrona di peso con Federica Mogherini ‘ministro degli Esteri della Ue’ in una partita che alla vigilia appare ancora tutta in salita. Il premier parte per il Belgio – prima Ypres e poi Bruxelles – anche con una carta in più: quell’asse sulla crescita con Barack Obama, da sempre preoccupato per le derive troppo rigoriste nel Vecchio continente, che i due si sono probabilmente ribaditi nelle telefonata di oggi in vista del vertice Ue e proprio nel giorno dei dati che fotografano un drammatico crollo del Pil americano. Dal presidente Usa Renzi avrebbe incassato, riferiscono fonti di governo, parole di attenzione per le “ambiziose riforme strutturali” messe in campo da un Paese, l’Italia, “spina dorsale del progetto europeo”. Al summit per il premier italiano c’è da spuntare molto. Quel mandato – nero su bianco per il prossimo presidente della Commissione – con cui l’Europa si impegna a spingere su crescita e lavoro, usando in pieno (gli sherpa italiani insistono per un’indicazione più esplicita nel testo Van Rompuy) la flessibilità già prevista nel patto. Ma ci sono da spuntare anche poltrone. Renzi vuole il posto di Mr Pesc (che è anche quello di vicepresidente della Commissione) ed in pista ha messo la Mogherini, che resta non solo candidata ma il bersaglio da centrare. E vuole anche che il pacchetto nomine si chiuda con un’intesa politica di massima su tutto il puzzle. Da formalizzare in un nuovo vertice dei leader a stretto giro, probabilmente dopo il 16 luglio (da Bruxelles rimbalzano infatti notizie che domani e dopodomani si indicherà solo Juncker alla Commissione, rinviando la definizione del finale della partita). L’Italia non scopre altre carte ed il nome della titolare della Farnesina che ha già ricevuto l’ok di massima di alcune cancellerie – quella olandese e greca, per citarne alcune – resta il ‘piano A’. Ma i giochi restano aperti. Roma punta su di lei e non fa filtrare alcuna ipotesi di soluzioni alternative. Un ‘piano B’ potrebbe però esserci – si ipotizza in ambienti parlamentari – nel caso si mancasse la poltrona di capo della diplomazia europea. Nel toto-nomi che accompagna, come sempre, questo tipo di manovre c’è chi ancora lascerebbe aperta l’idea di un colpo a sorpresa, come la richiesta del Consiglio (per il quale il nome della premier danese Thorning Schmidt, con Copenaghen fuori da Eurolandia e Schengen, incontrerebbe qualche resistenza in alcune cancellerie). O – sono i rumors di fonti parlamentari italiane anche dopo la visita di oggi di Padoan a Palazzo Chigi – la casella dell’Eurogruppo, da coprire proprio con il responsabile dell’Economia. Resterebbe comunque, in entrambi i casi, da risolvere il nodo di Mario Draghi alla Bce. Nomine a parte, la partita di Renzi va oltre. E’ quella di ottenere che quel mandato su cui sta lavorando Van Rompuy per il prossimo presidente della Commissione preveda l’uso pieno e chiaro della flessibilità. Per quel rinnovamento di cui ha parlato anche oggi con Napolitano. Con il capo dello Stato si è discusso delle “prospettive che si presentano per un mandato di forte rinnovamento delle politiche dell’Unione europea su cui si impegni il candidato presidente della Commissione”. Una posizione, quella filtrata nelle poche righe del comunicato ufficiale, che fotografa la piena sintonia con il Colle sulla linea Renzi. Il premier insomma fa le valige per il Belgio per un summit da cui vuole ottenere un ‘cambio di passo’ dell’Europa. E si attende risposte. Pronto a soppesare ogni riga di quel ‘mandato’, quel programma che Van Rompuy e gli sherpa stanno limando fino all’ultimo. Palazzo Chigi insiste per avere un “passaggio meno generico”, “un passo in più” sulla flessibilità, mettendo nero su bianco la possibilità di usare tutti i margini di manovra. La partita con l’osso duro, Angela Merkel, sembra spuntata. Dopo le prime aperture, affidate al suo portavoce, la cancelliera oggi è uscita allo scoperto al Bundestag: “Dobbiamo usare sia le regole che la flessibilià” previste dal Patto, ha detto Frau Angela, guardando anche in casa sua, a quella fronda rigorista – dalla Bundesbank al suo ministro delle Finanze – cui oggi si sono aggiunti anche imprenditori e commercianti tedeschi. Parole che il premier – riferiscono i suoi – ha accolto in maniera molto positiva, rimarcando che l’enfasi della cancelliera sulla crescita “è la nostra”. Renzi, in queste settimane, ha cercato – e sembra in gran parte esserci riuscito – una sintonia diretta con Berlino. L’alleanza con Hollande e Parigi (da sempre interlocutori privilegiati della Germania) c’è. Ma lui preferisce il rapporto diretto con la cancelliera. (Marina Perna/ANSA)

Ultima ora

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

Archivio Ultima ora