Mondiali: chiusa l’era Prandelli, “il nuovo ct in tempi stretti”

Pubblicato il 26 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Tutti a casa. La nazionale rientra in Italia, Prandelli saluta tutti, Buffon e Cassano si abbracciano con qualche sfottò. Il gruppo azzurro si scioglie. E aspetta di sapere chi sarà il nuovo ct. ”Per la scelta ci saranno tempi molto stretti”, indica sul volo di ritorno da Rio Demetrio Albertini, vicepresidente Figc. In effetti, i tempi tecnici per una assemblea elettiva della Federcalcio da svolgersi l’11 agosto ci sono. A verificarlo sono stati oggi gli uffici federali, che hanno riscontrato la compatibilità dei vari iter burocratici con la data inizialmente prevista per l’assemblea per le modifiche dello statuto. Il discorso, però, passa per il consiglio federale di lunedì che politicamente può prendere altri indirizzi. I nomi restano gli stessi: Allegri, Mancini, Guidolin, in ordine di pole, senza escludere inserimenti dalle ultime file. Ma la prima questione è capire chi e quando deciderà. E quanto peserà la competizione politica cominciata sottotraccia per la nuova presidenza federale. Il primo appuntamento è lunedì alle 12 in via Allegri. Il consiglio federale ratificherà le dimissioni irrevocabili di Abete. Al coro di quanti chiedono a Prandelli di ripensarci si è unito Gigi Riva: ”Lui è nato per fare il ct”. Ma il tecnico dimissionario ha ribadito per la terza volta il suo no sull’aereo di ritorno, confessando ai dirigenti federali di sentire su di sé tutte le colpe del fallimento, in primis la scelta di puntare su Balotelli. Abete proverà fino all’ultimo, ”ma conoscendo Prandelli credo la sua sia una scelta definitiva”, ricordava Albertini. L’idea di Abete è formare un gruppo ristretto che si prenda la responsabilità di una scelta condivisa: lui, ha ribadito ancora in aereo, non farà alcuna proposta. Ma secondo la Figc il consiglio dimissionario può senza problemi individuare il nuovo tecnico, e’ ordinaria amministrazione e non ci sono impedimenti statutari. Oltre tutto, si fa notare dalla federazione, i presidenti delle componenti rimangono in carica anche con il consiglio federale dimissionario, e ”tra loro potrebbe esserci anche il futuro presidente”, sottolineava Abete. Beretta, Tavecchio, Macalli, Tommasi, Ulivieri e Nicchi (e forse Albertini, se Abete lo indicherà nel gruppo ristretto come presidente del Club Italia in carica per l’ordinaria amministrazione) dovranno mettersi però d’accordo su un nome. I crediti maggiori li ha Allegri: libero, già in passato accostato alla nazionale, non ‘competitivo’ come Mancini sul mercato estero. Il tecnico jesino gode di maggiore esperienza, e secondo alcuni ha il profilo giusto. La scelta in ogni caso scotta. Per questo non sono da escludere candidature come Guidolin. Cannavaro e’ la suggestione. Di Biagio una possibile soluzione di emergenza se non si trovasse un’intesa. La Figc esclude però la figura di un traghettatore anche in panchina, come Pirlo in campo. Con l’amichevole con l’Olanda il 4 settembre, l’intenzione è arrivare a un nome presto per consentire al nuovo tecnico di cominciare a lavorare. Contatti, assicurano in federazione, non sono stati avviati. Una volta individuato il nome si dovrà fare una trattativa lampo, con i paletti economici propri del ruolo. Non esiste più il diritto di veto, il nuovo presidente si elegge a maggioranza semplice: il rischio di nulla di fatto (e conseguente commissariamento) esiste ma è teorico. Anche in questo caso, i candidati sono per il momento quelli: Tavecchio, forte del voto dilettanti, Abodi, Albertini. Il nome segreto della Lega di A resta per ora solo un rumor. ”Una persona non cambia il calcio, se mi chiedono di candidarmi con questo meccanismo di governo oggi dico di no”, le parole di Albertini, che però ha anche aggiunto una sorta di linea guida per un’eventuale candidatura: ”Dobbiamo rimettere al centro lo sport, e chiudere col corporativismo”. Al nuovo presidente quello uscente ha già promesso collaborazione, mentre il dg Antonello Valentini, nominato dal consiglio federale su indicazione di Abete, affiderà la delega del suo incarico. Intanto, oggi al rientro in Figc i dipendenti hanno riservato un saluto ad Abete: ”c’è solo un presidente” lo striscione accompagnato da applausi. La risposta e’ stata la promessa di una transizione rapida e sostanzialmente indolore per gli uffici. E tuttavia piena di lavoro, in questa estate di crisi del calcio italiano.

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora