Calciomercato: il Napoli ci prova per Candreva, Lotito aspetta Parolo

ROMA. – Mentre il City fa sul serio e acquista ‘o polpo’ FERNANDO dal Porto per 15 milioni, il calciomercato italiano deve accontentarsi per il momento di Cyril THEREAU che per 2 milioni si trasferisce 200 km più a nord, da Verona, sponda Chievo, a Udine. Per il resto il solito pourparler fatto solo di voci, indiscrezioni, rumors, anche se il naufragio azzurro a Brasile 2014 avrà come effetto immediato l’accelerazione delle operazioni sul mercato da parte di molti club. E’ il caso del Napoli che potrebbe tornare alla carica per CANDREVA della Lazio (l’alternativa il croato PERISIC) che, a sua volta, sta per mettere le mani su PAROLO (“Abbiamo l’accordo col parma, ora tocca al giocatore”, le parole di Lotito) e Astori. Il cantiere-Milan deve prima pensare alle cessioni e poi valutare gli ingressi, lo impongono questioni di bilancio considerando che la squadra rossonera non farà quest’anno le coppe. Così se KAKÀ starebbe per tornare in Brasile fino alla fine dell’anno, prima del trasferimento a Orlando nella Mls nordamericana, per ROBINHO non c’è ancora la stretta. Restano quindi in stand-by la suggestione DZEMAILI (ma il Napoli avrebbe controproposto PAZZINI) e il ‘sogno’ ITURBE sul quale ci sarebbe adesso anche l’interesse dell’Atletico Madrid. Stesso discorso per la Fiorentina (per i viola oggi cda) che deve prima decidere il futuro di CUADRADO (per i media colombiani “lascerà sicuramente Firenze”) e poi pianificare gli acquisti. Per adesso radiomercato parla di un sondaggio col Marsiglia per Valbuena che bene sta facendo al Mondiale e per Bonaventura con l’Atalanta. A Mihajlovic piace il costaricense CAMPBELL di proprietà dell’Arsenal, mentre a Pioli, neo tecnico della Lazio non dispiace KONÈ, suo giocatore quest’anno a Bologna, me deve vincere la concorrenza di Torino e Palermo. Al passo d’addio potrebbe invece essere GONZALEZ, chiesto dal Fulham. Sull’altra sponda del Tevere riserbo più assoluto che potrebbe preludere a qualche grande colpo in ingresso (i nomi sono sempre i soliti: ITURBE, CUADRADO, J.MARTINEZ, AUBAMEYANG ma Sabatini è bravo a depistare), con il nodo BENATIA ancora da sciogliere e UCAN non ancora ufficializzato. Oggi comunque era in programma un cda che avrà avuto inevitabilmente riscontri anche in chiave mercato con tanto di ‘tesoretto’ da spendere. L’Inter smentisce la pista JOVETIC (“non c’e’ nulla”, la parole del dg Ausilio) e Mario SUAREZ (“impossibile) e cerca di imbastire un discorso col Chievo su BENASSI, DUNCAN E BARDI. In entrata oltre al solito M’VILA, piace SONG del Barcellona e non perde di vista OSVALDO (e VUCINIC). Il Cagliari di Zeman sta per perdere PINILLA e per sostituirlo starebbe pensando a BABACAR e al nazionale Under 21 della Roma PETTINARI, quest’anno al Crotone. Il Genoa cerca l’asta per VRSALJKO (in corsa Inter e Milan), mentre la Juventus tiene ancora sottotraccia i suoi veri obiettivi di mercato, vuoi per la forte concorrenza, vuoi per i prezzi salati. MORATA è sempre d’attualità (in quel caso Llorente potrebbe tornare in Spagna fruttando una bella liquidità al club bianconero), mentre Alexis SANCHEZ sarebbe una pista difficilmente percorribile perché, scrive ‘Marca’, potrebbe finire nella maxi-operazione che porterebbe Luis Suarez a Barcellona (ma adesso dopo la super squalifica è tornato tutto in altro mare) e “el nino maravilla” ad Anfield Road. E anche su ITURBE continua a monitorare la situazione: la nuova carta per convincere gli scaligeri si chiama Mirko VUCINIC. Due gli ostacoli: convincere il giocatore e pagargli parte del lauto stipendio.

Condividi: