Meriam, l’incubo è finito, donna cristiana ora è libera

Pubblicato il 26 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Meriam è libera, per la seconda volta. La donna cristiana che ha rischiato l’impiccagione per apostasia, è stata rilasciata dopo essere stata fermata martedì in aeroporto mentre tentava di lasciare il Sudan per raggiungere gli Usa e trattenuta per circa 48 ore. Tuttavia, non può ancora lasciare il Paese: deve aspettare il nulla osta della Corte d’appello che ratifichi l’annullamento della sentenza di condanna. A riferire le ultime notizie relative al caso della donna cristiana è stata Antonella Napoli, presidente dell’Ong ‘Italians for Darfur’, che insieme all’ong ‘Sudan Change Now’, è da tempo impegnato sulla vicenda. L’ottenimento del nulla osta “richiederà alcuni giorni”. Meriam sarò probabilmente in grado di lasciare il Sudan domenica prossima, ma fino ad allora rimane in custodia. Dopo la seconda liberazione, Meriam e la sua famiglia sono stati trasferiti in un luogo sicuro dagli stessi Servizi segreti che due giorni fa li avevano bloccati in aeroporto. Secondo gli attivisti, la liberazione sarebbe stata confermata anche dal Dipartimento di Stato americano. Sulla vicenda del fermo, il ministro degli Esteri Federica Mogherini aveva “avviato i contatti, nel rispetto delle autorità locali” per arrivare “in tempi brevi a una soluzione positiva e definitiva” del caso. Il marito della donna, Daniel Wani, cittadino americano e sud sudanese, ieri aveva chiesto l’aiuto dell’Italia per sbloccare il fermo della moglie e risolvere una volta per tutte la vicenda. Anche il viceministro Lapo Pistelli aveva ribadito l’impegno italiano sul caso, che sarebbe stato affrontato durante la missione della prossima settimana nel Corno d’Africa. Ancora una volta insomma Meriam è libera, ma non ha ancora lasciato il Paese. Secondo il Daily Mail, la donna e la sua famiglia dovranno andare in Sud Sudan e da lì partire per gli Stati Uniti. Tuttavia la situazione resta confusa, e la donna non sarà sicura di essere libera finché non lascerà il Paese. Dopo la condanna a morte per apostasia e 100 frustate per adulterio a maggio, la Corte d’appello aveva annullato pochi giorni fa la sentenza e rimesso in libertà Meriam. Il giorno dopo l’annullamento la donna e la sua famiglia si sono recati in aeroporto a Khartoum per lasciare il Paese e raggiungere gli Usa. Giunta ai controlli, 50 membri dei servizi segreti l’hanno fermata e trasferita, insieme al marito e ai figli, in un centro di detenzione vicino all’aeroporto. Lì è stata interrogata, con l’accusa di aver utilizzato dei documenti irregolari per lasciare il Paese: un visto americano e un documento rilasciato dall’ambasciata del Sud Sudan. Il caso ha suscitato una piccola tensione diplomatica, con la convocazione degli ambasciatori americano e sud sudanese da parte delle autorità del Paese. Sembra tuttavia che i documenti non fossero l’unica motivazione del fermo: in un’intervista rilasciata al giornale sudanese Al Intibaha e riportata dal Telegraph, il fratello di Meriam, Al Samani Al Hadi Mohamed Abdullah, ha dichiarato di essere andato dalla polizia per denunciare il “rapimento” di Meriam da parte del marito, poco prima che lei cercasse di partire per gli Stati Uniti. Si tratta dello stesso parente della donna che pochi giorni fa aveva dichiarato che “se non si fosse pentita, avrebbe dovuto morire”. Ora Meriam è di nuovo libera, ma non ancora definitivamente al sicuro.

Ultima ora

22:29Calcio: Atalanta, Papu Gomez “attenti a Icardi domenica”

(ANSA) - BERGAMO, 17 NOV - "Bisogna stare attenti a Icardi, perché negli ultimi venti metri sbaglia poche palle e noi abbiamo bisogno di fare punti". A due giorni dalla sfida con l'Inter a San Siro alla ripresa del campionato, Alejandro Gomez mette in guardia la sua Atalanta: "Sarà la prima delle tante sfide di un tour de force da qui a gennaio in cui dobbiamo anche chiudere la qualificazione in Europa League - spiega il Papu -. Domenica sera sarà dura, perché Mauro è micidiale dentro l'area anche se magari non partecipa molto al gioco". In casa dei bergamaschi c'è voglia di rivalsa per il 7-1 del 12 marzo scorso: "Cose che capitano, da lì comunque non perdemmo più arrivando quarti", prosegue il numero 10 atalantino. Chiosa sull'esclusione della nazionale azzurra da Russia 2018: "Mi spiace per Spinazzola e per gli altri ragazzi che conosco bene da anni. L'Italia è un Paese che vive di calcio e un Mondiale azzurri senza fa una strana sensazione".

22:07Diciassettenne in rianimazione con meningite a Imola

(ANSA) - BOLOGNA, 17 NOV - Un ragazzo di 17 anni è ricoverato in rianimazione all'ospedale Santa Maria della Scaletta di Imola per una meningite, confermata dagli esami. Sarebbe in gravi condizioni. E' stata attivata la tipica profilassi, con segnalazione al dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl e individuazione delle persone in contatto, come familiari, amici, compagni di classe del ragazzo, che è residente a Imola; la profilassi antibiotica è stata somministrata anche agli operatori sanitari che lo hanno preso in cura. (ANSA).

21:56Calcio: Toro, Rincon “Belotti sognava mondiale,lo aiuteremo”

(ANSA) - TORINO, 17 NOV - "Belotti sognava di giocare il suo primo Mondiale, dobbiamo aiutarlo a riprendersi da questo brutto colpo". Rincon sprona il 'Gallo', scoppiato in un pianto a dirotto lunedì sera dopo Italia-Svezia: "Cercheremo di dargli nuovi stimoli al Toro, di fargli ritrovare il gol e il sorriso. Spiace per Andrea, per tutti gli azzurri e per il calcio italiano: un Mondiale senza di loro sarà strano, particolare". Il Torino cerca di tenere la rotta per il sesto posto finale, che varrebbe un posto in Europa League: "Siamo reduci - ricorda Rincon - da una buona prova contro l'Inter davanti a 70 mia spettatori. Dobbiamo trovare continuità nelle prestazioni, quella nei risultati arriverà di conseguenza. Il Chievo sarà un avversario di tutto rispetto, è da tanti anni che gioca in A".

21:39Ippica: Agnano festeggia il driver più anziano al mondo

(ANSA) - NAPOLI, 17 NOV - Festa grande all'ippodromo di Agnano di Napoli per 'O barone, al secolo Carmine Di Vincenzo, che con i suoi 90 anni appena compiuti è il driver, ancora in attività, più anziano del mondo. Amici, colleghi e cavalli hanno accolto con calore ed entusiasmo quello che tutti considerano una leggenda vivente dell'ippica italiana, il cui nome e' stato scritto duemila volte nelle griglie di partenza dei maggiori ippodromi. Una cifra da record come da Guinness le volte che e' salito sul podio, quattrocento. 'O barone, indossata la divisa con i suoi colori di scuderia - bianca e cappellino rosso - si e' concesso un giro di anello portando al traguardo il suo Totem.''Festeggio solo i miei primi 90 anni di amore per questo sport e per i cavalli'' ha detto al taglio di torta che, manco a dirlo, era a forma di testa equina. Gia', solo i primi 90 visto che 'O barone non ha nessuna intenzione di scendere dal sulky e, come tutti gli anni, si e' presentato alle visite mediche per la prossima stagione di corse.

21:18Calcio: Spalletti a tifosi Inter,onorati per vostra passione

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Luciano Spalletti ricorda i numeri da record dei tifosi dell'Inter e li ringrazia per aver raggiunto i 50.115 biglietti venduti anche contro l'Atalanta, per un totale di 413.499 spettatori in poco meno di tre mesi. "La vostra clausola rescissoria non ha prezzo, onorati di essere la vostra passione", si legge nella foto pubblicata su Instagram dal tecnico nerazzurro. Poi Spalletti elenca i dati sugli spettatori in questo avvio di stagione: 51.752 contro la Fiorentina, 57.235 con la neopromossa Spal, 50.037 col Genoa poi il record del derby con 78.328 spettatori. Contro la Sampdoria riempirono gli spalti di San Siro 54.451 tifosi e prima della sosta, in 71-581 col Torino nell'ultima sfida prima della sosta del campionato.

21:06Biotestamento: Zanda invia a senatori Pd messaggio Papa

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il presidente dei senatori del Pd, Luigi Zanda, secondo quanto apprende l'Ansa, ha inviato ai senatori del proprio gruppo il messaggio inviato ieri da Papa Francesco al convegno al convegno sul 'fine vita' promosso dalla Pontificia Accademia. "Care amiche e cari amici - scrive Zanda ai senatori Dem - penso possa interessarvi il testo integrale del messaggio di Papa Francesco sulla questione del fine vita".

21:05Lavoro: Prodi, quello precario deve costare di più

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Il lavoro precario deve costare di più, altrimenti togliamo ai giovani la prospettiva, destrutturiamo il Paese. Il riformismo deve dare certezze, fare i cammini che si possono fare". Queste le parole di Romano Prodi sul tema del lavoro, nel corso del dibattito sulle migrazioni a Bologna col ministro della Giustizia Andrea Orlando e il segretario generale della Cei Nunzio Galantino.

Archivio Ultima ora