Meriam, l’incubo è finito, donna cristiana ora è libera

Pubblicato il 26 giugno 2014 da redazione

ROMA. – Meriam è libera, per la seconda volta. La donna cristiana che ha rischiato l’impiccagione per apostasia, è stata rilasciata dopo essere stata fermata martedì in aeroporto mentre tentava di lasciare il Sudan per raggiungere gli Usa e trattenuta per circa 48 ore. Tuttavia, non può ancora lasciare il Paese: deve aspettare il nulla osta della Corte d’appello che ratifichi l’annullamento della sentenza di condanna. A riferire le ultime notizie relative al caso della donna cristiana è stata Antonella Napoli, presidente dell’Ong ‘Italians for Darfur’, che insieme all’ong ‘Sudan Change Now’, è da tempo impegnato sulla vicenda. L’ottenimento del nulla osta “richiederà alcuni giorni”. Meriam sarò probabilmente in grado di lasciare il Sudan domenica prossima, ma fino ad allora rimane in custodia. Dopo la seconda liberazione, Meriam e la sua famiglia sono stati trasferiti in un luogo sicuro dagli stessi Servizi segreti che due giorni fa li avevano bloccati in aeroporto. Secondo gli attivisti, la liberazione sarebbe stata confermata anche dal Dipartimento di Stato americano. Sulla vicenda del fermo, il ministro degli Esteri Federica Mogherini aveva “avviato i contatti, nel rispetto delle autorità locali” per arrivare “in tempi brevi a una soluzione positiva e definitiva” del caso. Il marito della donna, Daniel Wani, cittadino americano e sud sudanese, ieri aveva chiesto l’aiuto dell’Italia per sbloccare il fermo della moglie e risolvere una volta per tutte la vicenda. Anche il viceministro Lapo Pistelli aveva ribadito l’impegno italiano sul caso, che sarebbe stato affrontato durante la missione della prossima settimana nel Corno d’Africa. Ancora una volta insomma Meriam è libera, ma non ha ancora lasciato il Paese. Secondo il Daily Mail, la donna e la sua famiglia dovranno andare in Sud Sudan e da lì partire per gli Stati Uniti. Tuttavia la situazione resta confusa, e la donna non sarà sicura di essere libera finché non lascerà il Paese. Dopo la condanna a morte per apostasia e 100 frustate per adulterio a maggio, la Corte d’appello aveva annullato pochi giorni fa la sentenza e rimesso in libertà Meriam. Il giorno dopo l’annullamento la donna e la sua famiglia si sono recati in aeroporto a Khartoum per lasciare il Paese e raggiungere gli Usa. Giunta ai controlli, 50 membri dei servizi segreti l’hanno fermata e trasferita, insieme al marito e ai figli, in un centro di detenzione vicino all’aeroporto. Lì è stata interrogata, con l’accusa di aver utilizzato dei documenti irregolari per lasciare il Paese: un visto americano e un documento rilasciato dall’ambasciata del Sud Sudan. Il caso ha suscitato una piccola tensione diplomatica, con la convocazione degli ambasciatori americano e sud sudanese da parte delle autorità del Paese. Sembra tuttavia che i documenti non fossero l’unica motivazione del fermo: in un’intervista rilasciata al giornale sudanese Al Intibaha e riportata dal Telegraph, il fratello di Meriam, Al Samani Al Hadi Mohamed Abdullah, ha dichiarato di essere andato dalla polizia per denunciare il “rapimento” di Meriam da parte del marito, poco prima che lei cercasse di partire per gli Stati Uniti. Si tratta dello stesso parente della donna che pochi giorni fa aveva dichiarato che “se non si fosse pentita, avrebbe dovuto morire”. Ora Meriam è di nuovo libera, ma non ancora definitivamente al sicuro.

Ultima ora

09:48Mafia: Scu e omicidio, 50 arresti in Puglia

(ANSA) - BRINDISI, 20 SET - Un'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 50 persone viene eseguita dai carabinieri di Brindisi: si tratta di una inchiesta nell'ambito della quale vengono contestate a vario titolo accuse di associazione mafiosa per la partecipazione alla organizzazione Sacra Corona Unita, concorso in omicidio, con l'aggravante del metodo mafioso, droga e armi. Le indagini sono state condotte dalla Direzione distrettuale antimafia di Lecce. Gli arresti vengono eseguiti nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto. Si tratta - a quanto si è saputo - del seguito di una operazione nell'ambito della quale nello scorso mese di dicembre, per un vizio di forma, vi furono alcune scarcerazioni. Tra i capi d'accusa anche l'omicidio, a San Donaci (Brindisi), di Antonio Presta, il figlio di un collaboratore di giustizia.

09:39Tennis: Serena Williams,mia madre insegnato forza donna nera

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - Serena Williams ringrazia la madre per averle insegnato la forza di essere una donna nera. In una lettera pubblicata su Reddit, la campionessa di tennis ricorda di essere stata definita un ''uomo per la sua apparenza. E' stato detto che ho usato droghe, che non appartengo allo sport femminile ma a quello maschile''. ''Non so come sei riuscita a non prendertela con coloro che sono stati troppo ignoranti per capire il potere di una donna nera. Sono orgogliosa di aver mostrato loro che non tutte le donne sono uguali'', mette in evidenza Williams, che ha da poco avuto la sua prima figlia.

09:09Attentato Londra, terzo arresto

(ANSA) - LONDRA, 19 SET - La polizia britannica ha arrestato un terzo sospetto in connessione all'attentato alla stazione di metropolitana di Parsons Green a Londra. L'uomo, 25 anni, scrive il Guardian online, è stato arrestato dall'antiterrorismo londinese e le polizie locali a Newport, nel Galles del sud.

09:04Brexit, May lavora a offerta da 20 miliardi

(ANSA) - NEW YORK, 19 SET - Theresa May lavora alla sua offerta all'Unione Europea per la Brexit. E sarebbe pronta a mettere sul piatto 20 miliardi di euro, in quello che è il primo tentativo di Londra di andare incontro alle richieste europee. Lo riporta il Financial Times citando alcune fonti, secondo le quali May presenterà la sua offerta venerdì. La speranza del primo ministro è quella di spezzare l'impasse sulle trattative, facendole così progredire fino a entrare nella seconda fase con oggetto i futuri rapporti commerciali fra l'Ue e la Gran Bretagna.

08:57Messico: i morti sono almeno 248, la metà nella capitale

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Il coordinatore nazionale della Protezione civile messicana ha rivisto al rialzo il bilancio dei morti provocati finora dal terremoto in Messico rispetto alla stima fatta pochi minuti fa dal ministero dell'Interno. Secondo quanto ha reso noto in un tweet Luis Felipe Puente, le vittime accertate del sisma sono 248, di cui circa la metà nella capitale: 72 nello Stato di Morelos, 117 a Città del Messico, 43 nello Stato di Puebla, 12 nello stato del Messico, 3 in quello di Guerrero e uno in quello di Oaxaca.

06:56Messico: terremoto, 20 i bimbi morti in crollo scuola

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - Sono 20 i bambini e due gli adulti morti nel crollo della scuola a Città del Messico per il terremoto di ieri. A riferirlo è stato il presidente messicano Enrique Pena Nieto, che nella notte ha visitato il collegio 'Enrique Rebasamen' della capitale. "Sfortunatamente sono morti dei bambini. Sono stati trovati 22 corpi", due dei quali di "adulti", ha detto il presidente, ricordando d'altra parte che ci sono 30 bambini e otto adulti "dispersi".

05:34Messico, almeno 150 le vittime del terremoto

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di circa 150 morti il bilancio del violento terremoto di magnitudo 7.1 che ha colpito ieri il centro del Messico. Otto bambini e la loro maestra sono rimasti vittime del crollo di una scuola nella capitale. Altri 14 bimbi sono stati tratti in salvo. Sotto le macerie della 'Enrique Rebsamen' ci sono ancora almeno due bambini. nello stato di Morelos hanno perso la vita 55 persone, 49 a Città del Messico, 32 a Puebla, 10 nello stato del Messico e tre in quello di Guerrero.

Archivio Ultima ora