Mondiali Italia: Rocca, “Basta veline, torniamo alla fatica”

Pubblicato il 27 giugno 2014 da redazione

ROMA. – “Bisogna tornare alla fatica, al rispetto delle regole, e non pensare solo ai soldi e all’immagine folle che e’ stata data al mondo del calcio. Se il professionismo ha regole inderogabili per i soldi, queste regole devono valere anche per il sacrificio che si deve fare per rispettare la maglia”. Ai tempi in cui giocava, di Francesco Rocca dicevano che correva “come un matto”, e infatti lo chiamavano Kawasaki. Quando ha smesso di fare il calciatore e ha preso ad allenare invece hanno incominciato a dargli direttamente del matto: perche’ si era messo in testa di far correre gli altri attraverso il lavoro. Ora che il calcio italiano viene giu’ come un palazzo senza fondamenta alla minima scossa, i valori di un tecnico che e’ finito ai margini dell’organizzazione federale (al mondiale in Brasile ha fatto l’osservatore) tornano d’attualita’. “Io sono stato accusato per anni – spiega all’Ansa -, dicevano che non facevo mangiare i giocatori e che li ‘massacravo’ di lavoro facendo fare tre sedute di allenamento al giorno. Questo non è vero. Io ho sempre rispettato i miei giocatori e l’amore per la bandiera: e non è un caso che l’ultima finale a livello giovanile raggiunta dalla rappresentative azzurre, con l’Under 19, e’ segnata Rocca. La mia ricetta non cambia: il calcio deve ripartire da valori di moralità. Deve passare questo messaggio: non contano solo i soldi, conta la dignità della nazione, della federazione, della bandiera che rappresenti. Il calcio italiano ora è messo alla berlina: io lo dicevo che finiva cosi’, tutti mi ribattevano che ero esagerato. E se non stiamo attenti, andrà sempre peggio. Devi lavorare fisicamente, devi sudare, devi faticare. Il calcio non è fatto di macchine e veline, e’ un gioco ma è una cosa seria. Con me anche la nazionale maggiore, ai tempi di Vicini a Italia ’90 e di Dino Zoff, ha sempre corso. Bisogna ricominciare da questa idea, lavorando fisicamente, dando la maglia azzurra a chi la merita, a chi viene lì per lasciare tutto quello che ha dentro. Adesso gli altri corrono tutti, sono tutti Kawasaki e vanno a 200 all’ora, ad esempio come nella partita Honduras-Ecuador: se sul pallone noi italiani arriviamo secondi, non lo prendiamo mai. Io facevo svegliare i miei giocatori alle 5 non perché ero scemo ma perché avevo capito che in questa maniera stavamo andando a fondo”. Di Balotelli e i suoi fratelli, una generazione di giovani che non crescono, non vuole parlare: “dipende sempre dagli esempi che hanno questi signori. Quando vai lì devi rispettare le regole e la maglia della nazionale, con il sudore e con la fatica e non con le chiacchiere. Perché contano i risultati e non le chiacchiere. Con me chi non meritava la maglia azzurra stava a casa. Lo sport ha una dignita’: e noi attraverso le scuole calcio dove dobbiamo costruire tifosi e giocatori migliori”. Ma che contributo puo’ dare Rocca alla rinascita? “Sono a disposizione, certo dipende da quello che vorrà la Federazione: io oltre ai valori rispetto le regole”.

Ultima ora

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

Archivio Ultima ora