Uccisi i tre ragazzi rapiti. Israele, “Hamas pagherà”

Pubblicato il 30 giugno 2014 da redazione

TEL AVIV. – Uccisi subito dopo il rapimento: cio’ che piu’ temeva Israele e’ avvenuto. Stasera l’esercito ha ritrovato senza vita i corpi di Eyal Yifrah (19 anni) Gilad Shaar (16) e Naftali Fraenkel (16) nei pressi del villaggio di Halhul vicino Hebron in Cisgiordania dove tutto e’ cominciato 18 giorni fa. Di fronte alla notizia Israele ha confermato la sua accusa ad Hamas che – ha detto il premier Benyamin Netanyahu – “la pagherà”. Il viceministro alla Difesa Danu Danon ha rincarato: “la fine tragica dei tre ragazzi deve essere anche la fine di Hamas”. Immediata la reazione del movimento islamico: “Ogni offensiva di Israele aprirà le porte dell’inferno”, ha dichiarato il portavoce di Hamas a Gaza, mettendo nuovamente in dubbio la versione israeliano del rapimento. ”Chi ha ucciso i tre ragazzi – ha ammonito il premier israeliano – e’ una belva umana”. E la caccia continua ai due presunti responsabili del sequestro, Marwan Kawasmeh e Amar Abu Ayash, entrambi miliziani della fazione islamica ad Hebron e spariti subito dopo il rapimento. Subito dopo il ritrovamento dei corpi e’ stata convocata una riunione di emergenza alla quale e’ seguito il Gabinetto di sicurezza per decidere le misure da prendere. Immediata la decisione di demolire le case dei due presunti responsabili. E anche l’Anp ha immediatamente riunito la direzione palestinese. In Israele l’emozione e’ fortissima: per 18 lunghi giorni Israele ha temuto il peggio ma sperato nel meglio. La realta’ e’ ora molto dura. Le prime reazioni non sono da meno: il ministro dell’edilizia Uri Ariel, vicino ai coloni, ha detto che ”i terroristi vanno colpiti senza pieta”’. Sui siti dei coloni sono apparse minacce di vendetta e la polizia sta presidiando i posti dove si teme che le parole diventino azioni. Tutto si e’ mosso nel tardo pomeriggio: incidenti sono scoppiati nel villaggio di Halhul, vicino ad Hebron, non appena sono state intensificate perlustrazioni condotte da ingenti reparti dell’esercito israeliano impegnati nella ricerca dei tre ragazzi. Si e’ capito quasi subito che l’operazione riguardava i tre studenti, ma l’esercito ha imposto il silenzio, come spesso avviene in questi casi. Quasi un’ora dopo la conferma: i tre giovani erano stati trovati morti. Le prime indagini hanno rivelato che sono stati uccisi subito dopo il sequestro, forse poco dopo la telefonata con la quale uno di loro ha avvisato la polizia del rapimento. Ma quella telefonata non e’ stata presa in considerazione e per questo sono passate ore che sarebbero state invece utili alle ricerche. L’esercito e’ stato infatti avvisato con ritardo, dopo che le famiglie hanno informato la polizia che i loro figli – che avevano fatto l’autostop – non erano tornati a casa dalla scuola rabbinica che frequentavano. Il giorno dopo e’ stata trovata la carcassa bruciata di un macchina Hyundai che gli inquirenti hanno ritenuto collegata al rapimento. Israele ha impegnato una massiccia quantita’ di soldati per ritrovare i tre rapiti, in un’operazione definita ‘Brother’s keeper’. Le madri hanno fatto un appello pubblico per la loro liberazione parlando anche all’Onu a Ginevra e l’intera leadership israeliana e’ scesa in campo. A cominciare da Netanyahu che ha chiesto al presidente dell’Autorita’ nazionale palestinese (Anp) Abu Mazen di condannare il rapimento e di troncare i rapporti con Hamas con cui ha appena formato un governo di unita’ nazionale presieduto da Rami Hamdallah. Cosa che il leader dell’Anp ha fatto pubblicamente. ”Brother’s keeper’ ha setacciato l’intera Cisgiordania e soprattutto la zona di Hebron. Nelle operazioni, in scontri con l’esercito, sono stati uccisi quattro palestinesi e ne sono arrestati piu’ di 400, molti di Hamas e anche alcuni di quelli che erano stati liberati in cambio del rilascio di Gilad Shalit. Sono state perquisite centinaia di case e smantellate molte istituzioni di Hamas, in una caccia a tappeto per la quale la comunita’ internazionale ha piu’ volte invitato Israele alla moderazione. Ma tutto e’ sembrato inutile. Fino al ritrovamento di stasera. Ad Israele sono giunte manifestazioni di solidarieta’ da tutto il mondo. Tra queste quelle del governo italiano e del ministro degli affari esteri Federica Mogherini che ha espresso ”grande dolore”. Quasi le stesse parole del vecchio presidente Shimon Peres: ”L’intera nazione sta scuotendo la testa con insopportabile dolore”. A fianco di Israele, anche la S.Sede: “una notizia terribile e drammatica”, un “crimine esecrabile e inaccettabile”, ha affermato il portavoce del Vaticano, padre Federico Lombardi, riferendo che “Papa Francesco si unisce al dolore inenarrabile delle famiglie colpite da questa violenza omicida”. Domani Israele seppellira’ i suoi tre ragazzi. (Massimo Lomonaco/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora