Papa: a Campobasso firma causa di un nuovo santo molisano

Pubblicato il 03 luglio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Non sarà proprio il primo santo molisano, essendoci il precedente di Celestino V, il Pontefice del “gran rifiuto”, di cui papa Francesco tra l’altro indirà sabato a Isernia l’Anno giubilare per l’ottavo centenario della nascita. Ma la storia di Fra Immacolato, al secolo Aldo Brienza, il carmelitano scalzo di cui Bergoglio nella sua tappa a Campobasso firmerà la “positio” della causa di beatificazione, si è svolta interamente nei confini regionali: anzi nel capoluogo, e per di più in gran parte sul letto di degenza nella sua camera, immobilizzato da una malattia invalidante. Da lì, Fra Immacolato, nato il 15 agosto del 1922 e morto il 13 aprile 1989, ricevendo fedeli, dando consigli, secondo molti facendo anche innumerevoli grazie, è diventato una delle figure più venerate in Molise dove ora si attende che la causa porti definitivamente il “venerabile” all’onore degli altari. E’ alla sua vita e alla sue sofferenze, tra l’altro, che si è ispirato l’arcivescovo di Campobasso, mons. Giancarlo Bregantini, nelle meditazioni per la Via Crucis di quest’anno al Colosseo. Nel 1938, a 16 anni, Aldo si ammalò di una grave forma di osteomelite deformante, un’infezione delle ossa che, contratta in epoca pre-antibiotica, lo paralizzò dal busto in giù. Visse quindi tutta la vita a letto, accudito dalle sorelle senza mai uscire dalla casa di famiglia – ora diventata una sorta di santuario, meta di pellegrini da tutto il mondo – dove nel 1948 divenne carmelitano grazie a un indulto speciale di Pio XII. Nella sua casa Fra Immacolato ha ricevuto migliaia di persone. Fuori dalla sua porta c’era sempre gente in attesa di parlargli. Figura carismatica della piccola comunità molisana, in contatto con Padre Pio con cui teneva una corrispondenza, ha sempre accolto chiunque avesse bisogno di conforto e consiglio. Alla sua morte, l’Ordine dei Carmelitani ha ricevuto centinaia di testimonianze di persone su grazie e miracoli ricevuti dal frate campobassano. Nel 2004 si è aperto il processo diocesano di beatificazione, terminato l’11 maggio 2007. Il Papa sabato firmerà quindi la “positio” che andrà in Vaticano, incontrando nella cattedrale, oltre a una rappresentanza di ammalati e disabili, anche i familiari di Fra Immacolato. La storia del religioso è vista dai molisani, e dalla famiglia che l’ha vissuta giorno dopo giorno, come un esempio di grande sofferenza fisica (la malattia gli portava dei dolori lancinanti che sopportava senza medicinali) e allo stesso tempo di grande forza. “Al dolore rispondeva con il sorriso”, raccontano di lui. Tanto che, nella memoria di famiglia, resta impressa quella volta in cui persino i tedeschi che nel 1943 fecero irruzione in casa, rimasero colpiti da quel frate a letto e andarono via senza dire e fare nulla. Anche la sua malattia ha avuto degli aspetti controversi, certificati dai medici e parte delle testimonianze del processo diocesano. Ad esempio, le continue setticemie che lo portavano sull’orlo del collasso dalle quali si riprendeva all’improvviso. E il corpo ricoperto di piaghe, anche su mani e piedi, tanto che i frati a lui più vicini raccontano di aver riconosciuto segni di stigmate. Le testimonianze della causa sono coperte dal segreto, ma molti di coloro che raccontano di aver avuto grazie e miracoli da Fra Immacolato – soprattutto guarigioni – hanno condiviso la loro storia con la famiglia del frate quando dopo la guarigione, sono tornate a rendere omaggio alla sua casa. Una donna del Texas, ammalata di tumore, ha raccontato di aver fatto un sogno in cui il frate le indicava la sua casa a Campobasso, chiedendole di compiere un pellegrinaggio proprio lì. Dopo quel viaggio, tornata negli Stati Uniti, la donna racconta di essere guarita e nei prossimi giorni tornerà in Molise per rendere omaggio alla casa-santuario del frate. Altre persone hanno riferito storie simili: di recente una signora di Milano, che non aveva mai sentito parlare di Fra Immacolato, racconta di aver ricevuto lo stesso invito a visitare la sua casa di Campobasso, e così una ragazza di Barletta. “La guerra del Santo” titolava il Quotidiano del Molise lo scorso anno, quando Comune e Regione si contendevano le spoglie di quello che tutti i molisani considerano già il “Santo”. Il Comune di Campobasso voleva seppellirlo nella cattedrale, la Regione nel santuario di Castelpetroso (Isernia). Ma a livello locale la storia di Fra Immacolato ha un’importanza ancora maggiore essendo il primo santo molisano dopo Papa Celestino.

Ultima ora

19:16Calcio: Benevento, Lucioni era convocato per Crotone

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Il capitano del Benevento Fabio Lucioni, risultato positivo e dunque sospeso in via cautelare dal Tribunale nazionale antidoping, figurava nella lista dei convocati per la trasferta di domenica a Crotone ed è partito per la Calabria nel primo pomeriggio insieme al resto della squadra. La notizia della positività di Lucioni, intanto, ha scosso la tifoseria del Benevento. Riguarda infatti uno dei pilastri della squadra, essendo fra i protagonisti della storica cavalcata dalla Lega Pro fino alla Serie A.

19:13Sport: l’Us Acli fa squadra, al via anno sociale 2017

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Fare squadra". È questo lo slogan che ha accompagnato oggi la prima giornata di Assemblea di Avvio dell'Anno Sociale 2017 dell'Unione Sportiva Acli, andata in scena oggi nella sede delle Acli Nazionali a Roma. 'Fare squadra. Agire con lo spirito di un gruppo', è stato anche il tema al centro del dibattito moderato dal capo della redazione Sport dell'Ansa, Piercarlo Presutti, al quale ha partecipato come ospite d'onore il tecnico dell'Under 21, Luigi Di Biagio, oltre al presidente dell'Us Acli, Damiano Lembo e il presidente delle Acli nazionali, Roberto Rossini. Per Di Biagio "un talento in squadra serve eccome - ha spiegato - ma se non si mette a disposizione della squadra non si va da nessuna parte. Alla fine è il gruppo che rafforza il singolo. Il gruppo che abbiamo costruito all'ultimo Europeo è stata la squadra più forte che abbia mai allenato". All'Assemblea di avvio dell'anno sociale dell'Unione Sportiva Acli hanno preso pare oltre 100 dirigenti sportivi provenienti da 17 regioni e 70 province.

19:09Schulz a Afd, siete nemici, difenderemo democrazia

(ANSA) - BERLINO, 22 SET - "Siete nostri nemici, e noi difenderemo la democrazia". Lo ha detto Martin Schulz a Berlino, al comizio in Gendarmenmarkt a Berlino. Schulz ha definito i populisti di Alternative fuer Deutschland "becchini della democrazia". Schulz ha attaccato la "letargia" dello stile politico di Angela Merkel. "Quando parlo di queste elezioni devo spiegare il programma dell'Spd e quello della Cdu - ha detto a Berlino -. Perché loro non dicono nulla". "Non è colpa mia se Merkel si sottrae al dibattito", ha detto fra l'altro.

19:08Calcio: Tavecchio, molto critico sulle scommesse sulla Var

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Noi su questo siamo molto critici: tutti sanno perfettamente che il sottoscritto, a suo tempo, ha detto che si possono quotare i risultati finali; tutto il resto sono invenzioni e situazioni particolari". Così il presidente della Figc Carlo Tavecchio sulla scelta di Snai di quotare l'uso della Var nel derby di Torino. "Il bilancio sulla Var è positivo - ha aggiunto Tavecchio al termine dell'assemblea straordinaria della Lega di Serie A - Nelle prime due domeniche, su 12 casi, in 7 ha cambiato la decisione dell'arbitro. Il problema della Var non sta nella valutazione arbitrale, che avviene nell'arco di trenta secondi o anche meno, ma nella trasmissione di dati dall'osservatorio al campo. Che molte volte non è arrivata e quindi non si poteva procedere".

19:00Brexit: Barnier, da May passo avanti costruttivo

(ANSA) - BRUXELLES, 22 SET - "Nel suo discorso a Firenze, la premier Theresa May ha espresso uno spirito costruttivo". E' la reazione del capo negoziatore della Commissione Ue, Michel Barnier, al discorso di Firenze di Theresa May. Le dichiarazioni della leader britannica, sostiene, "sono un passo in avanti ma devono ora essere tradotte in una precisa posizione negoziale del governo del Regno Unito". "Aspettiamo che i negoziatori della Gran Bretagna ci spieghino le implicazioni concrete del discorso della premier Theresa May" al via del quarto round negoziale sulla Brexit che comincia lunedì a Bruxelles. "la nostra ambizione - ha proseguito - è trovare un accordo rapido sulle condizioni dell'uscita ordinata della Gran Bretagna, così come su un possibile periodo di transizione". Barnier intanto lunedì, prima di vedere David Davis per l'avvio delle nuove discussioni, ne discuterà con il gruppo sulla Brexit dell'Europarlamento e con i ministri dei 27 al Consiglio affari generali sull'art.50.

18:59M5S: in scaletta interventi palco stasera manca Fico

(ANSA) - RIMINI, 22 SET - Non ci sarà, come sembrava certo nelle scorse ore, Roberto Fico, tra coloro che questa sera parleranno dal palco principale di Italia 5 Stelle. E' quanto si vede nella scaletta degli interventi pubblicata sul blog di Beppe Grillo. Tra i temi affrontati oggi c'è quello "Telecomunicazioni e informazione" che, in teoria, avrebbe dovuto coinvolgere Fico, presidente della Vigilanza Rai. Ma a parlare saranno Mirella Liuzzi e Gianluca Castaldi. Una scelta che conferma il gelo tra i vertici M5S e Fico.

18:58Calcio: Tavecchio, offerte notevoli per i diritti tv esteri

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Siamo in un trend positivo. Abbiamo ricevuto offerte globali, per macro aree e per singoli Paesi. Messe insieme sono notevoli, a dispetto di chi pensava fossimo un Paese non appetibile". Il presidente della Figc e commissario della Lega Serie A Carlo Tavecchio non svela le cifre delle offerte per i diritti tv internazionali, ma chiarisce che sono "numerose e talmente importanti da auspicare trattative private integrative". "Entro il 31 ottobre si chiude", precisa al termine dell'assemblea straordinaria della Lega, spiegando che le trattative saranno condotte a Londra dal dg Marco Brunelli e dal sub-commissario della Lega Paolo Nicoletti. Poi, la replica al presidente del Napoli (che sulla vendita dei diritti tv aveva attaccato anche Infront): "De Laurentiis ha la memoria corta: da anni auspico la riduzione dei campionati, ma sono le loro assemblee a non approvarla. Per pensare di arrivare ai risultati di Spagna e Inghilterra, le più pagate, serve un po' di coraggio visto il punto di partenza della A".

Archivio Ultima ora