Papa: a Campobasso firma causa di un nuovo santo molisano

Pubblicato il 03 luglio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Non sarà proprio il primo santo molisano, essendoci il precedente di Celestino V, il Pontefice del “gran rifiuto”, di cui papa Francesco tra l’altro indirà sabato a Isernia l’Anno giubilare per l’ottavo centenario della nascita. Ma la storia di Fra Immacolato, al secolo Aldo Brienza, il carmelitano scalzo di cui Bergoglio nella sua tappa a Campobasso firmerà la “positio” della causa di beatificazione, si è svolta interamente nei confini regionali: anzi nel capoluogo, e per di più in gran parte sul letto di degenza nella sua camera, immobilizzato da una malattia invalidante. Da lì, Fra Immacolato, nato il 15 agosto del 1922 e morto il 13 aprile 1989, ricevendo fedeli, dando consigli, secondo molti facendo anche innumerevoli grazie, è diventato una delle figure più venerate in Molise dove ora si attende che la causa porti definitivamente il “venerabile” all’onore degli altari. E’ alla sua vita e alla sue sofferenze, tra l’altro, che si è ispirato l’arcivescovo di Campobasso, mons. Giancarlo Bregantini, nelle meditazioni per la Via Crucis di quest’anno al Colosseo. Nel 1938, a 16 anni, Aldo si ammalò di una grave forma di osteomelite deformante, un’infezione delle ossa che, contratta in epoca pre-antibiotica, lo paralizzò dal busto in giù. Visse quindi tutta la vita a letto, accudito dalle sorelle senza mai uscire dalla casa di famiglia – ora diventata una sorta di santuario, meta di pellegrini da tutto il mondo – dove nel 1948 divenne carmelitano grazie a un indulto speciale di Pio XII. Nella sua casa Fra Immacolato ha ricevuto migliaia di persone. Fuori dalla sua porta c’era sempre gente in attesa di parlargli. Figura carismatica della piccola comunità molisana, in contatto con Padre Pio con cui teneva una corrispondenza, ha sempre accolto chiunque avesse bisogno di conforto e consiglio. Alla sua morte, l’Ordine dei Carmelitani ha ricevuto centinaia di testimonianze di persone su grazie e miracoli ricevuti dal frate campobassano. Nel 2004 si è aperto il processo diocesano di beatificazione, terminato l’11 maggio 2007. Il Papa sabato firmerà quindi la “positio” che andrà in Vaticano, incontrando nella cattedrale, oltre a una rappresentanza di ammalati e disabili, anche i familiari di Fra Immacolato. La storia del religioso è vista dai molisani, e dalla famiglia che l’ha vissuta giorno dopo giorno, come un esempio di grande sofferenza fisica (la malattia gli portava dei dolori lancinanti che sopportava senza medicinali) e allo stesso tempo di grande forza. “Al dolore rispondeva con il sorriso”, raccontano di lui. Tanto che, nella memoria di famiglia, resta impressa quella volta in cui persino i tedeschi che nel 1943 fecero irruzione in casa, rimasero colpiti da quel frate a letto e andarono via senza dire e fare nulla. Anche la sua malattia ha avuto degli aspetti controversi, certificati dai medici e parte delle testimonianze del processo diocesano. Ad esempio, le continue setticemie che lo portavano sull’orlo del collasso dalle quali si riprendeva all’improvviso. E il corpo ricoperto di piaghe, anche su mani e piedi, tanto che i frati a lui più vicini raccontano di aver riconosciuto segni di stigmate. Le testimonianze della causa sono coperte dal segreto, ma molti di coloro che raccontano di aver avuto grazie e miracoli da Fra Immacolato – soprattutto guarigioni – hanno condiviso la loro storia con la famiglia del frate quando dopo la guarigione, sono tornate a rendere omaggio alla sua casa. Una donna del Texas, ammalata di tumore, ha raccontato di aver fatto un sogno in cui il frate le indicava la sua casa a Campobasso, chiedendole di compiere un pellegrinaggio proprio lì. Dopo quel viaggio, tornata negli Stati Uniti, la donna racconta di essere guarita e nei prossimi giorni tornerà in Molise per rendere omaggio alla casa-santuario del frate. Altre persone hanno riferito storie simili: di recente una signora di Milano, che non aveva mai sentito parlare di Fra Immacolato, racconta di aver ricevuto lo stesso invito a visitare la sua casa di Campobasso, e così una ragazza di Barletta. “La guerra del Santo” titolava il Quotidiano del Molise lo scorso anno, quando Comune e Regione si contendevano le spoglie di quello che tutti i molisani considerano già il “Santo”. Il Comune di Campobasso voleva seppellirlo nella cattedrale, la Regione nel santuario di Castelpetroso (Isernia). Ma a livello locale la storia di Fra Immacolato ha un’importanza ancora maggiore essendo il primo santo molisano dopo Papa Celestino.

Ultima ora

14:14Alluvione Sardegna: Delrio, completare tutte le opere

(ANSA) - OLBIA, 18 NOV - "Il modo migliore per onorare il grave lutto che ha colpito la Sardegna è quello di completare tutte le opere". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio, oggi a Olbia per partecipare all'inaugurazione della caserma della Guardia di Finanza, nel giorno del quarto anniversario dell'alluvione del 18 novembre 2013 che provocò 19 vittime in Sardegna. "Entro l'anno saremo in grado di dare risposte concrete per la risoluzione del ponte di Monte Pino", ha risposto il ministro ai giornalisti sul blocco dei lavori della strada fra Olbia e Tempio Pausania, crollata a causa dell'alluvione e dove persero la vita tre persone. Un blocco sul quale vuole vedere chiaro anche la Procura di Tempio che ha aperto un fascicolo a riguardo. "La questione di Monte Pino è molto complessa - ha spiegato Delrio - ha subito diverse vicende, ricorsi. Adesso dovrebbe essere veramente agli sgoccioli". "Ho un impegno molto forte a risolvere entro la fine dell'anno questo problema, mi hanno garantito gli uffici che dovremmo essere vicini a una soluzione", ha concluso il ministro. (ANSA).

14:11Calcio: Genoa, Ballardini ‘Lapadula sta meglio e si impegna’

(ANSA) - GENOVA, 18 NOV - La sfida con il Crotone per il Genoa sarà un vero e proprio scontro diretto in chiave salvezza, forse il più impegnativo contro una squadra che ha il doppio dei punti del Grifone. "Sarà una sfida difficilissima ma anche molto intrigante perché giochiamo contro una squadra che sa benissimo quel che deve fare. In casa loro mettono in difficoltà tutti. Hanno la classifica e i punti che meritano". "Formazione? Ho le idee chiarissime ma qualche dubbio è giusto averlo ancora. Modulo? Non conta, è importante la disponibilità di ognuno, mettersi a disposizione dei compagni ed essere compatti". L'attesa però è per elementi come Lapadula e Bertolacci che fino ad ora non hanno convinto. "Lapadula sta meglio ma come sapete agli attaccanti basta poco per cambiare la stagione e lui vedo che in allenamento ce la mette tutta per provare a cambiare un momento non favorevole. Bertolacci ha delle qualità importanti e per me può essere un punto di riferimento ma tutti, non solo lui, devono metterci calore e passione".

14:08Calcio: Genoa, Ballardini “bisogna che ci diamo una scossa”

(ANSA) - GENOVA, 18 NOV - "Tutti noi bisogna che ci diamo una scossa perché così non va bene. Vedo grande impegno e voglia". Alla vigilia del'esordio sulla panchina del Genoa nella difficile trasferta di Crotone, Davide Ballardini ha le idee molto chiare. "Vedo grande impegno e grande voglia di tirarsi fuori da questa situazione - ha spiegato il neo tecnico -. Tutti noi dobbiamo metterci quella sana rabbia, quel desiderio e quella voglia forte di uscire da questa situazione. Serve compattezza e chiarezza nelle due fasi di gioco. Questa con il Crotone è una gara da fare bene. Prima con la testa e con il cuore poi con le nostre qualità tecniche e fisiche, e non ci sono dubbi che ci sono, ma fino ad oggi le qualità non sono servite a molto. Prima quindi cuore e testa".

14:04Da assassino a pittore, il riscatto sociale del barese Rizzo

(ANSA) - BARI, 18 NOV - Da assassino a pittore. E' una storia di riscatto sociale quella di Davide Francesco Rizzo, pregiudicato barese di 36 anni, che dal 2010 sta scontando in carcere una condanna per duplice omicidio e che ha trovato nella pittura la sua nuova dimensione di vita. Suo figlio era appena nato quando, dopo quasi tre anni di latitanza, si costituì e trascorse alcuni mesi al regime del 41 bis, il carcere duro. I giudici baresi esclusero poi che fosse un mafioso, pur condannandolo a 17 anni di reclusione per aver ucciso, nel febbraio 2004, due presunti affiliati al clan Strisciuglio di Bari,in quella che fu ribattezzata dalle cronache giudiziarie la strage di San Girolamo. Rizzo, di origini siciliane, si è trasferito in Puglia da bambino con la famiglia e a Bari si è diplomato all'istituto d'arte. Poi gli "errori", che lo hanno portato in cella diverse volte. Nel carcere di Sassari, dove lavora allo smistamento pacchi, dedica il suo tempo libero a dipingere. I suoi quadri sono anche esposti e venduti in beneficenza.

14:00Libano: Hariri giunto a Eliseo, stretta di mano con Macron

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri è giunto all'Eliseo a Parigi per incontrare il presidente francese Emmanuel Macron. Nel cortile del palazzo in Rue du Faubourg Saint-Honoré, il premier dimissionario del Libano è stato ricevuto da Macron, con gli onori della Guardia Repubblicana, riservata a presidenti e primi ministri in visita a Parigi. I due si sono stretti la mano e hanno posato dinanzi ai fotografi poi sono entrati all'interno del palazzo. Secondo il programma ufficiale, all'incontro tra Hariri e Macron, seguirà una colazione con Macron, Hariri, e i suoi famigliari.

13:59Argentina: anche la Nasa collabora a ricerche sottomarino

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Si intensificano le ricerche del sottomarino militare argentino sparito nell'Atlantico con 44 uomini a bordo da oltre due giorni. Alle operazioni, scrive la Bbc, si è unito in queste ora anche un aereo della Nasa, mentre la Gran Bretagna e altri paesi nell'area hanno offerto la loro collaborazione. "Non siamo ancora riusciti a individuare né a comunicare con il sottomarino", ha dichiarato in una conferenza stampa il portavoce della Marina Enrique Balbi ammettendo che le "ricerche finora sono molto difficili nonostante il gran numero di imbarcazioni coinvolte" anche a cause del forte vento e delle onde.

13:53Sfregiata con acido: Notaro nominata Cavaliere Repubblica

(ANSA) - BOLOGNA, 18 NOV - C'è anche Gessica Notaro, la giovane riminese aggredita e sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, lo scorso gennaio, tra i destinatari delle 30 onorificenze al merito conferite dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella. La ragazza è stata insignita come Cavaliere dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana "per il coraggio e la determinazione con cui offre la propria testimonianza di vittima e il suo impegno nell'ambito della sensibilizzazione sul tema del contrasto alle violenze di genere". Notaro, è stata aggredita dall'ex compagno, Eddy Tavares, lo scorso 10 gennaio: per quell'atto, compiuto con dell'acido lanciato in faccia alla ragazza, il 29enne di Capoverde è stato condannato dai giudici riminesi, a 10 anni di reclusione. Altri 8 anni di reclusione gli sono stati comminati, invece, per atti persecutori nei confronti dell'ex fidanzata.(ANSA).

Archivio Ultima ora