Papa: a Campobasso firma causa di un nuovo santo molisano

Pubblicato il 03 luglio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Non sarà proprio il primo santo molisano, essendoci il precedente di Celestino V, il Pontefice del “gran rifiuto”, di cui papa Francesco tra l’altro indirà sabato a Isernia l’Anno giubilare per l’ottavo centenario della nascita. Ma la storia di Fra Immacolato, al secolo Aldo Brienza, il carmelitano scalzo di cui Bergoglio nella sua tappa a Campobasso firmerà la “positio” della causa di beatificazione, si è svolta interamente nei confini regionali: anzi nel capoluogo, e per di più in gran parte sul letto di degenza nella sua camera, immobilizzato da una malattia invalidante. Da lì, Fra Immacolato, nato il 15 agosto del 1922 e morto il 13 aprile 1989, ricevendo fedeli, dando consigli, secondo molti facendo anche innumerevoli grazie, è diventato una delle figure più venerate in Molise dove ora si attende che la causa porti definitivamente il “venerabile” all’onore degli altari. E’ alla sua vita e alla sue sofferenze, tra l’altro, che si è ispirato l’arcivescovo di Campobasso, mons. Giancarlo Bregantini, nelle meditazioni per la Via Crucis di quest’anno al Colosseo. Nel 1938, a 16 anni, Aldo si ammalò di una grave forma di osteomelite deformante, un’infezione delle ossa che, contratta in epoca pre-antibiotica, lo paralizzò dal busto in giù. Visse quindi tutta la vita a letto, accudito dalle sorelle senza mai uscire dalla casa di famiglia – ora diventata una sorta di santuario, meta di pellegrini da tutto il mondo – dove nel 1948 divenne carmelitano grazie a un indulto speciale di Pio XII. Nella sua casa Fra Immacolato ha ricevuto migliaia di persone. Fuori dalla sua porta c’era sempre gente in attesa di parlargli. Figura carismatica della piccola comunità molisana, in contatto con Padre Pio con cui teneva una corrispondenza, ha sempre accolto chiunque avesse bisogno di conforto e consiglio. Alla sua morte, l’Ordine dei Carmelitani ha ricevuto centinaia di testimonianze di persone su grazie e miracoli ricevuti dal frate campobassano. Nel 2004 si è aperto il processo diocesano di beatificazione, terminato l’11 maggio 2007. Il Papa sabato firmerà quindi la “positio” che andrà in Vaticano, incontrando nella cattedrale, oltre a una rappresentanza di ammalati e disabili, anche i familiari di Fra Immacolato. La storia del religioso è vista dai molisani, e dalla famiglia che l’ha vissuta giorno dopo giorno, come un esempio di grande sofferenza fisica (la malattia gli portava dei dolori lancinanti che sopportava senza medicinali) e allo stesso tempo di grande forza. “Al dolore rispondeva con il sorriso”, raccontano di lui. Tanto che, nella memoria di famiglia, resta impressa quella volta in cui persino i tedeschi che nel 1943 fecero irruzione in casa, rimasero colpiti da quel frate a letto e andarono via senza dire e fare nulla. Anche la sua malattia ha avuto degli aspetti controversi, certificati dai medici e parte delle testimonianze del processo diocesano. Ad esempio, le continue setticemie che lo portavano sull’orlo del collasso dalle quali si riprendeva all’improvviso. E il corpo ricoperto di piaghe, anche su mani e piedi, tanto che i frati a lui più vicini raccontano di aver riconosciuto segni di stigmate. Le testimonianze della causa sono coperte dal segreto, ma molti di coloro che raccontano di aver avuto grazie e miracoli da Fra Immacolato – soprattutto guarigioni – hanno condiviso la loro storia con la famiglia del frate quando dopo la guarigione, sono tornate a rendere omaggio alla sua casa. Una donna del Texas, ammalata di tumore, ha raccontato di aver fatto un sogno in cui il frate le indicava la sua casa a Campobasso, chiedendole di compiere un pellegrinaggio proprio lì. Dopo quel viaggio, tornata negli Stati Uniti, la donna racconta di essere guarita e nei prossimi giorni tornerà in Molise per rendere omaggio alla casa-santuario del frate. Altre persone hanno riferito storie simili: di recente una signora di Milano, che non aveva mai sentito parlare di Fra Immacolato, racconta di aver ricevuto lo stesso invito a visitare la sua casa di Campobasso, e così una ragazza di Barletta. “La guerra del Santo” titolava il Quotidiano del Molise lo scorso anno, quando Comune e Regione si contendevano le spoglie di quello che tutti i molisani considerano già il “Santo”. Il Comune di Campobasso voleva seppellirlo nella cattedrale, la Regione nel santuario di Castelpetroso (Isernia). Ma a livello locale la storia di Fra Immacolato ha un’importanza ancora maggiore essendo il primo santo molisano dopo Papa Celestino.

Ultima ora

16:46Omicidio a Bari: decisiva anche testimonianza pentito

(ANSA) - BARI, 21 FEB - Sono i fratelli Domenico e Gaetano Remini, di 30 e di 19 anni, Maurizio e Donato Sardella, padre e figlio di 47 e 21 anni, e Cristian Cucumazzo, di 23, i presunti responsabili, a vario titolo, dell'omicidio di Luigi Luisi, ferito gravemente il 31 ottobre scorso al quartiere Libertà di Bari e morto 14 giorni dopo in ospedale. All'origine dell'omicidio ci sarebbe stata un'animata discussione tra Luigi Luisi e Domenico Remini riguardo al presunto coinvolgimento di quest'ultimo nell'agguato del 30 aprile in cui perse la vita il figlio di "Gino", Antonio Luisi; omicidio, quest'ultimo, che non ha ancora un colpevole. Alcune testimonianze raccolte dalla polizia la sera dell'agguato, nella serata di Halloween, indagini tecniche e le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia hanno poi chiarito il movente dell'omicidio e fatto ritenere la vicinanza delle persone arrestate al sodalizio criminale capeggiato da Domenico Remini e vicino al clan Strisciuglio.

16:36Appalti: Guardia Finanza all’Asl To1, acquisiti documenti

(ANSA) - TORINO, 21 FEB - La Guardia di Finanza si è presentata questa mattina negli uffici dell'Asl To1, in via San Secondo. Secondo quanto appreso, le Fiamme gialle avrebbero acquisito documenti relativi al dipartimento di salute mentale per gli anni 2008-2009, anni in cui la direzione dell'azienda era affidata a Ferruccio Massa. Gli accertamenti, sempre secondo quanto appreso, riguarderebbero alcuni appalti di psichiatria.

16:34Minacce a presidente Corte d’Assise Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 21 FEB - Un biglietto di minacce è stato recapitato nei mesi scorsi ad Alfonso Barbarano, che presiede la terza sezione della Corte di Assise di Napoli. E' quanto rivelato oggi dalla Tgr Campania della Rai in un servizio dove si precisa che il messaggio minatorio risale al 21 dicembre scorso. Barbarano presiede il collegio davanti al quale attualmente è in corso il processo per l'omicidio della piccola Fortuna Loffredo, avvenuto al Parco Verde di Caivano nel 2014. Barbarano denunciò l'episodio ai carabinieri e attualmente il caso è al vaglio della Procura di Roma che ha la competenza a indagare in quanto è parte offesa un magistrato del distretto di Napoli. Le minacce, sempre secondo quanto sottolinea la Tgr Campania, sono state indirizzate a un familiare del giudice e recapitate il giorno del compleanno di Barbarano.(ANSA).

16:34Pd: nessun ripensamento bersaniani, fuori da partito

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e i parlamentari della loro area non cambiano idea: non parteciperanno alla direzione di oggi e al congresso del Pd, di cui non condividono le modalità. Di fatto, a quanto si apprende, sono così fuori dal partito e dissentono dalla scelta di Michele Emiliano di sfidare Renzi alle primarie. È una scelta personale, sottolineano.

16:31Usa: attacchi e minacce a centri ebraici, cimitero profanato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 FEB - Una decina di centri ebraici negli Stati Uniti hanno ricevuto minacce ed allerte bomba che hanno costretto ad evacuazioni. Lo fanno sapere i responsabili degli stessi centri, mentre le autorità del Missouri stanno indagando su una possibile profanazione di un cimitero ebraico nei pressi di St. Louis. Episodi cui sembra riferito il messaggio postato su Facebook da Ivanka Trump, in cui la figlia del presidente sottolinea che "l'America e' costruita su tolleranza e rispetto di tutte le fedi".

16:28Criminalità: sgomberati e confiscati 4 immobili a Genova

(ANSA) - GENOVA, 21 FEB - Quattro immobili in uso alla famiglia Canfarotta sono stati sgomberati e confiscati da polizia e carabinieri dopo una condanna definitiva per alcuni appartenenti della famiglia per sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. I locali si trovano in vico Macelli di Soziglia, nel centro storico, in via Padre Umile, a Cornigliano, e in via Canzio, a Sampierdarena. La decisione degli sgomberi è stata presa dal comitato provinciale per l'Ordine e la sicurezza pubblica della prefettura in collaborazione con il comune di Genova. Ai Canfarotta dal 2009 sono stati confiscati 115 appartamenti, di cui 96 nel centro storico di Genova. Nelle scorse settimane il Comune aveva annunciato che avrebbe preso in carico i primi 11 beni confiscati per trasformarli in case famiglia, sedi associative e b&b. Per il Cantiere della Legalità si tratta della più "grande confisca di beni immobili alla criminalità organizzata per numero di beni in tutta Italia".(ANSA).

16:13Tiro: Double Trap escluso da Olimpiadi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Il Double Trap, una delle tre specialita' olimpiche del tiro a volo, da Tokyo 2020 non fara' piu' parte del programma dei Giochi. Lo ha deciso il comitato esecutivo della Federazione Internazionale degli Sport di Tiro (Issf) che a Nuova Delhi ha approvato il documento prodotto dal comitato 'Ad Hoc' che ha sancito l'uscita dal programma dei Giochi del Double Trap Individuale (in cui l'Italia a Rio e' stata argento con Marco Innocenti) e, contestualmente, stabilito l'ingresso del Mixed Team di Fossa Olimpica. In questa nuova disciplina l'Italia potra' presentare una coppia di assoluta eccellenza come quella formata da Giovanni Pellielo e Jessica Rossi. Coppie miste anche nel tiro a segno, e anche qui, nella carabina, l'Italia puo' sognare l'oro con Niccolo' Campriani in gara assieme alla fidanzata Petra Zublasing. L'unico voto contrario dell'Esecutivo è stato quello di Luciano Rossi, presidente della Fitav e vicepresidente della Issf, da sempre schierato a difesa del Double Trap.

Archivio Ultima ora