Papa: a Campobasso firma causa di un nuovo santo molisano

Pubblicato il 03 luglio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Non sarà proprio il primo santo molisano, essendoci il precedente di Celestino V, il Pontefice del “gran rifiuto”, di cui papa Francesco tra l’altro indirà sabato a Isernia l’Anno giubilare per l’ottavo centenario della nascita. Ma la storia di Fra Immacolato, al secolo Aldo Brienza, il carmelitano scalzo di cui Bergoglio nella sua tappa a Campobasso firmerà la “positio” della causa di beatificazione, si è svolta interamente nei confini regionali: anzi nel capoluogo, e per di più in gran parte sul letto di degenza nella sua camera, immobilizzato da una malattia invalidante. Da lì, Fra Immacolato, nato il 15 agosto del 1922 e morto il 13 aprile 1989, ricevendo fedeli, dando consigli, secondo molti facendo anche innumerevoli grazie, è diventato una delle figure più venerate in Molise dove ora si attende che la causa porti definitivamente il “venerabile” all’onore degli altari. E’ alla sua vita e alla sue sofferenze, tra l’altro, che si è ispirato l’arcivescovo di Campobasso, mons. Giancarlo Bregantini, nelle meditazioni per la Via Crucis di quest’anno al Colosseo. Nel 1938, a 16 anni, Aldo si ammalò di una grave forma di osteomelite deformante, un’infezione delle ossa che, contratta in epoca pre-antibiotica, lo paralizzò dal busto in giù. Visse quindi tutta la vita a letto, accudito dalle sorelle senza mai uscire dalla casa di famiglia – ora diventata una sorta di santuario, meta di pellegrini da tutto il mondo – dove nel 1948 divenne carmelitano grazie a un indulto speciale di Pio XII. Nella sua casa Fra Immacolato ha ricevuto migliaia di persone. Fuori dalla sua porta c’era sempre gente in attesa di parlargli. Figura carismatica della piccola comunità molisana, in contatto con Padre Pio con cui teneva una corrispondenza, ha sempre accolto chiunque avesse bisogno di conforto e consiglio. Alla sua morte, l’Ordine dei Carmelitani ha ricevuto centinaia di testimonianze di persone su grazie e miracoli ricevuti dal frate campobassano. Nel 2004 si è aperto il processo diocesano di beatificazione, terminato l’11 maggio 2007. Il Papa sabato firmerà quindi la “positio” che andrà in Vaticano, incontrando nella cattedrale, oltre a una rappresentanza di ammalati e disabili, anche i familiari di Fra Immacolato. La storia del religioso è vista dai molisani, e dalla famiglia che l’ha vissuta giorno dopo giorno, come un esempio di grande sofferenza fisica (la malattia gli portava dei dolori lancinanti che sopportava senza medicinali) e allo stesso tempo di grande forza. “Al dolore rispondeva con il sorriso”, raccontano di lui. Tanto che, nella memoria di famiglia, resta impressa quella volta in cui persino i tedeschi che nel 1943 fecero irruzione in casa, rimasero colpiti da quel frate a letto e andarono via senza dire e fare nulla. Anche la sua malattia ha avuto degli aspetti controversi, certificati dai medici e parte delle testimonianze del processo diocesano. Ad esempio, le continue setticemie che lo portavano sull’orlo del collasso dalle quali si riprendeva all’improvviso. E il corpo ricoperto di piaghe, anche su mani e piedi, tanto che i frati a lui più vicini raccontano di aver riconosciuto segni di stigmate. Le testimonianze della causa sono coperte dal segreto, ma molti di coloro che raccontano di aver avuto grazie e miracoli da Fra Immacolato – soprattutto guarigioni – hanno condiviso la loro storia con la famiglia del frate quando dopo la guarigione, sono tornate a rendere omaggio alla sua casa. Una donna del Texas, ammalata di tumore, ha raccontato di aver fatto un sogno in cui il frate le indicava la sua casa a Campobasso, chiedendole di compiere un pellegrinaggio proprio lì. Dopo quel viaggio, tornata negli Stati Uniti, la donna racconta di essere guarita e nei prossimi giorni tornerà in Molise per rendere omaggio alla casa-santuario del frate. Altre persone hanno riferito storie simili: di recente una signora di Milano, che non aveva mai sentito parlare di Fra Immacolato, racconta di aver ricevuto lo stesso invito a visitare la sua casa di Campobasso, e così una ragazza di Barletta. “La guerra del Santo” titolava il Quotidiano del Molise lo scorso anno, quando Comune e Regione si contendevano le spoglie di quello che tutti i molisani considerano già il “Santo”. Il Comune di Campobasso voleva seppellirlo nella cattedrale, la Regione nel santuario di Castelpetroso (Isernia). Ma a livello locale la storia di Fra Immacolato ha un’importanza ancora maggiore essendo il primo santo molisano dopo Papa Celestino.

Ultima ora

20:54Calcio: Roma in Champions, ma quanta sofferenza

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con un'imprevista sofferenza supplementare, nel giorno dell'ultima gara di Totti con la Roma, i giallorossi battono - solo in extremis - il Genoa 3-2 e mantengono il secondo posto che vale l'accesso diretto alla Champions League. Rendendo vana la larga vittoria del Napoli sul campo della Sampdoria (2-4). Questo l'esito delle gare delle 18 della 38/a e ultima giornata di Serie A. All'Olimpico stracolmo per l'addio di Totti alla maglia giallorossa, gli ospiti vanno in vantaggio con il baby Pellegri al 3' e Dzeko pareggia al 10'. La Roma preme, ma non sfonda. E il pubblico invoca l'ingresso in campo di Totti che si materializza al 54'. Così, arriva il 2-1 con De Rossi al 74' e sembra fatta. Ma 5 minuti dopo, il Genoa sorprende i giallorossi con Lazovic, il quale all'82' colpisce anche un palo. La Roma sembra stordita e trova il 3-2 solo in pieno recupero con l'ex Perotti. E la festa, a quel punto, può cominciare. A Marassi le reti sono state di Mertens, Insigne, Hamsik, Quagliarella, Callejon e Alvarez.

20:20Gaza: Hamas, ‘niente più cani in spiaggia’

(ANSAmed) - GAZA, 28 MAG - Con un provvedimento che ha colto di sorpresa la popolazione, da questo mese Hamas ha deciso di impedire che i cani siano portati a passeggio sul lungomare di Gaza. Quanti ancora lo fanno sono fermati da agenti che per il momento si limitano ad illustrare la nuova norma, senza fare multe ne' confiscare animali. Fonti locali aggiungono che il passeggio con cani - di tutte le dimensioni - è impedito anche nella centrale via Omar al-Mukhtar, mentre è tollerato nelle strade secondarie e nei quartieri periferici, dove è più raro imbattersi in agenti. Nelle famiglie di Gaza la presenza di cani non è diffusa, anche perché negli ultimi anni mantenere condizioni igieniche nelle abitazioni è divenuto più difficile. Tuttavia nei negozi di animali si afferma che, oltre ad uccellini e gatti, adesso anche i cani vengono richiesti con maggiore frequenza da clienti in cerca di distrazione, dato che la maggior parte del giorno manca loro la corrente elettrica.

20:13Iran: da Khamenei nuove accuse a sauditi

(ANSA) - TEHERAN, 28 MAG - I regnanti dell'Arabia Saudita "stanno dando soldi agli Stati Uniti, così la ricchezza del popolo saudita va ai non credenti e ai nemici dei loro popoli". Lo ha detto la Guida suprema dell'Iran, ayatollah Sayyed Ali Khamenei, aggiungendo che "i governanti sauditi sono troppo duri con i musulmani, ma gentili con i non credenti". Secondo Khamanei, i vertici sauditi "opprimono il proprio popolo", così come "opprimono in modo diverso anche i popoli dello Yemen e del Bahrein. Ma perderanno". La Guida suprema ha definito i governanti sauditi "persone inutili e cattive che dominano una comunità della nazione musulmana", aggiungendo che si stanno facendo "mungere come bestiame" e definendoli "stupidi perché pensano di poter guadagnare l'amicizia dei nemici dell'islam fornendo loro soldi e assistenza", non capendo invece che "non c'è amicizia". Ma, ha aggiunto Khamanei, i regnanti sauditi "sono sul lato sbagliato, così sicuramente periranno".

20:10Calcio: Lega Pro, salvi Carrarese e Catanzaro

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Si sono giocate le gare di ritorno dei play out di Lega Pro che hanno determinato le sei retrocessioni in Serie D. In tre gare sono stati determinanti i piazzamenti nelle classifiche finali di campionato. Questi i risultati, fra parentesi le gare di andata. Girone A: Carrarese-Lupa Roma 1-0 (1-0); Prato-Tuttocuoio 0-0 (2-2). Retrocesse in Serie D: Lupa Roma e Tuttocuoio. A parità di punti e differenza reti con il Tuttocuoio, Prato salvo grazie alla miglior classifica. Girone B: Fano-Forlì 2-0 (1-1); Teramo-Lumezzane 0-0 (1-1). Retrocesse in Serie D: Forlì e Lumezzane. A parità di punti e differenza reti con il Lumezzane, Teramo salvo grazie alla miglior classifica. Girone C: Akragas-Melfi 1-1 (0-0); Vibonese-Catanzaro 1-1 (2-3). Retrocesse in Serie D: Melfi e Vibonese. A parità di punti e differenza reti con il Melfi, Akragas salvo grazie alla migliore classifica.

20:04Moto: domani in Kentucky l’ultimo saluto a Nicky Hayden

(ANSA) - BOLOGNA, 28 MAG - Si terranno domani a Owensboro, la sua cittadina in Kentucky negli Stati Uniti, i funerali di Nicky Hayden, il pilota della Superbike morto lunedì scorso all'ospedale 'Bufalini' di Cesena dove era stato ricoverato in seguito a un incidente stradale, avvenuto cinque giorni prima, mentre si allenava in bicicletta a Misano Adriatico, nel Riminese. La funzione, come si legge sul sito della Red Bull Honda World Superbike, il team con cui ha corso nelle ultime stagioni, verrà celebrata domani a mezzogiorno - le 18 in Italia - nella cattedrale di St. Stephen e sarà trasmessa in diretta sulla fan page del pilota su Facebook.

19:52Calcio: addio Totti, in campo al 9′ st di Roma-Genoa

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Francesco Totti in campo per la sua ultima partita con la Roma. Il n.10 giallorosso e' entrato al minuto del secondo tempo, con le due squadre sull'1-1, sostituendo Salah. La Curva Sud ha salutato l'ingresso del n.10 esponendo uno striscione con sopra scritto: "Del calcio moderno hai vinto la grande battaglia: 25 anni con la stessa maglia".

19:45Calcio: Pellegri, primo gol di un classe 2001 in Serie A

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Nel giorno in cui Francesco Totti dà l'addio alla Roma come calciatore, un ragazzo nato nell'anno dell'ultimo scudetto dei giallorossi, il 2001, segna il suo primo gol in Serie A: proprio all'indomani del primo gol di un classe 2000, quello dello juventino Moises Kean a Bologna. Oggi è toccato ad un ragazzino ancora più giovane, Pietro Pellegri, che al 3' di Roma-Genoa, alla sua prima presenza da titolare nei rossoblù, ha portato gli ospiti in vantaggio segnando la sua prima rete in Serie A all'età di 16 anni, due mesi e un giorno (è nato il 17 marzo 2001). La sua non è tuttavia un record di precocità, perché ancora meglio fece l'attaccante romanista Amedeo Amadei che, contro la Lucchese nel maggio '37, quando non aveva ancora 16 anni (era nato nel luglio 1921), segnò quello che rimane il gol più "giovane" nella storia della A. Pellegri ha comunque eguagliato Amadei il 22 dicembre scorso quando, subentrando nel match con il Torino, ha esordito in A alla stessa età del romanista, ovvero 15 anni e 280 giorni.

Archivio Ultima ora