La giornata politica: Flessibilità, nodo da sciogliere

Pubblicato il 04 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Matteo Renzi nega diplomaticamente che ci sia un problema politico con il governo tedesco. Ma se la presidenza di turno della Ue, italiana, è in rotta di collisione con i grandi poteri economici della Germania, locomotiva d’Europa, una questione aperta sicuramente esiste. Tale questione si chiama flessibilità e si traduce molto semplicemente, secondo quanto concordato nel vertice dei capi di governo ad Ypres, nella possibilità per i Paesi in crisi di sforare i tetti di bilancio. Come, è da decidere. In questo senso non si può dare torto al governatore della Bundesbank, Jens Weidmann, quando sottolinea che il problema non si risolve facendo maggiore debito. Ma è anche vero che queste sono decisioni che attengono direttamente alla politica e non alla finanza, soprattutto sullo sfondo di uno scenario deflattivo. Si spiega così la brutalità con la quale il Rottamatore ha replicato che il compito della banca centrale tedesca non è quello di partecipare al dibattito politico italiano. E poi l’Europa è dei cittadini e non dei banchieri. Sebbene le relazioni con Angela Merkel siano formalmente ottime, a palazzo Chigi non deve essere piaciuto il modo con il quale il portavoce della Cancelliera si è sostanzialmente defilato osservando banalmente che la Bundesbank è un organismo autonomo ed indipendente dal governo. Più che una presa di distanza, una presa d’atto del problema con l’Italia amplificato dalle dichiarazioni rigoriste del capogruppo del Ppe Weber. Del resto che il braccio di ferro sia in atto lo dimostra la pretesa dei rigoristi di imporre, dopo la candidatura Juncker alla guida della Commissione Ue, anche il nome di un sacerdote dell’austerity come il finlandese Katainen a ministro degli Affari economici. Il solo fatto che esso sia stata avanzato è la prova della volontà di dare subito battaglia e di non aderire alla strategia della flessibilità. Ecco perché centristi e socialisti sono scesi in campo al fianco del premier nel tentativo di bloccare una manovra di cui la Merkel non può non essere al corrente. Pierferdinando Casini dice basta con la Germania che pensa solo ai propri interessi e fa sapere che si apre un serio problema nel Ppe. Allusione ai voti che potrebbero mancare a Juncker soprattutto se a Udc e Ncd si dovesse unire, come auspica Fabrizio Cicchitto, Forza Italia. Tra i socialisti, Nencini si chiede che senso abbia il silenzio della Spd tedesca e, sulla scia del capogruppo europeo Pittella, avverte che l’accordo sul nome di Juncker sarà confermato solo a fronte di impegni stringenti sulla flessibilità. Resta insomma una ”dissonanza concettuale”, dice Lorenzo Cesa, che dovrebbe essere colmata proprio dalla presidenza di turno italiana. Ma Renzi è convinto di farcela, e di scongiurare la manovra correttiva d’autunno, se il suo piano di ”restyling” dell’ Italia andrà in porto. Perché ciò accada è naturalmente necessario che riforma del Senato, del Titolo V e della legge elettorale siano approvate quanto prima. Il gioco di sponda con Berlusconi è essenziale e, a differenza di quanto si possa credere, non penalizzante per il Cavaliere. Intanto perché la tenuta dell’asse con il leader di Forza Italia afferma la centralità di una cabina di regia a due da cui i rispettivi partiti devono prendere la linea. E poi perché la tenuta del patto del Nazareno è l’unica arma in grado di evitare che le riforme scivolino nelle sabbie mobili. Non a caso i 5 stelle tentano di restare agganciati al tavolo del negoziato, sebbene tutti siano consapevoli che all’Italicum sono possibili solo piccoli ritocchi. Luigi Di Maio si dice sicuro che l’M5S è giunto al momento giusto perché in realtà il patto Pd-Fi non regge; ma intanto i democratici gli chiedono di rispondere alle dieci domande formulate da Renzi senza cui, è il sottinteso, l’incontro di lunedì prossimo è a rischio. Nel frattempo Berlusconi ha praticamente messo la parola fine alle esitazioni che serpeggiano tra i suoi, timorosi di mettere in mano al Rottamatore, con l’Italicum, un’arma per tornare alle urne. Il Cav chiede agli azzurri di sostenere compatti l’accordo con Renzi: circoscritto alle riforme istituzionali, precisa, perché economia e giustizia sono fuori da questi confini, ma importante per conferire definitivamente a Forza Italia quel profilo riformista che la lancerebbe nella storia perché è stata la prima, venti anni fa, a lanciare il progetto di una Grande Riforma dello Stato. (Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora