Mondiali: Brasile-Germania, ad un passo da festa o tragedia

Pubblicato il 07 luglio 2014 da redazione

BELO HORIZONTE. – Gioia immensa o tragedia. Un confine sottile separa questi due sentimenti contrastanti con cui la nazionale brasiliana si avvicina alla semifinale di Belo Horizonte, contro la Germania. Comunque vada, sarà una festa del calcio perché alla fase finale del Mondiale 2014, nel paese che forse più ama questo sport, è arrivata l’aristocrazia del pallone. A parte l’Italia ‘tetracampione’, ci sono infatti le nazionali più titolate, Brasile, Germania e Argentina, e quella che di finali ne ha già giocate tre, perdendo sempre ma lasciando un’immagine in cui l’arancione non è mai scolorito. Così l’Olanda sogna di tornare a giocare per il titolo a 40 anni esatti dalla prima volta, ai tempi dell’indimenticabile calcio totale di Cruijff e Neeskens. Ma l’attenzione è focalizzata sullo stadio Mineirao, e un paese di duecento milioni di abitanti vive questi momenti con il fiato sospeso: bisogna dirlo, la paura di non farcela è reale, ma c’è anche chi dice che sarebbe meglio perdere adesso, con i tedeschi che qui stanno simpatici a quasi tutti, che in un’eventuale finale contro l’Argentina. Quella rischierebbe davvero di essere “un’altra nostra Hiroshima”, come dicono in Brasile esagerando, peggio di quella contro l’Uruguay nel 1950, vista la fiera rivalità con i calciatori e i tifosi dell’ Albiceleste. Ma il nemico da ‘stendere’ per ora si chiama Joachim Loew, sebbene per il suo look vadano pazze anche molte brasiliane. Ha messo in piedi una squadra che non ha perso caratteristiche antiche dei tedeschi come velocità, pragmatismo e capacità nel gioco aereo, a cui ha aggiunto un modo di giocare che sta caratterizzando questa era, con fitte ragnatela di passaggi e possesso palla, in attesa di un inserimento o dell’imbucata giusta. Insomma, quello che in Germania hanno preso a chiamare ‘kurzpasspiel’, sorta di aggiornamento alla tedesca del tiqui-taka di barcelloniana memoria. Non è un caso che ad ispirare Loew sia stato il Bayern Monaco di Pep Guardiola, da cui Loew ha preso sei titolari, così una Germania con tutta questa qualità sembra un ostacolo difficile da saltare per un Brasile che l’affronterà senza i suoi due uomini migliori, Neymar e Thiago Silva. E con un Fred che ormai tutti, numeri alla mano, paragonano a Serginho Chulapa, definito il peggior centravanti del Brasile nella storia dei Mondiali e che si esibì, anche contro l’Italia, nel 1982. Ma Oscar, che domani potrebbe essere avanzato da Scolari, con l’inserimento di Luiz Gustavo in un centrocampo formato da tre mediani, spinge la Selecao: “la Germania di oggi ha uno stile simile alla Spagna dell’anno passato – dice il n.11 ricordando la finale della Coppa delle Confederazioni -, quando noi ci trovammo così bene. Loro tengono spesso palla ma non finalizzano molto. La cosa principale sarà non permettere loro di prendere il controllo del gioco. Affrontarli è comunque sempre molto difficile”. Ad aiutare la Selecao non c’è più solo la psicologa: Scolari ha fatto arrivare a Belo Horizonte anche l’ex interista Vampeta, suo giocatore nel 2002 e ora nei panni del motivatore. L’ultimo precedente è stato quello dell’amichevole dell’ agosto 2011 in cui una Germania che aveva otto titolari che dovrebbero esserlo anche domani battè per 3-2 un team oroverde all’epoca ancora allenato da Mano Menezes. Quel risultato per Loew è un buon punto di partenza. “Il nostro progetto non è ancora giunto al termine – spiega il ct tedesco -. Domenica 13 vogliamo a tutti i costi tornare a giocare allo stadio Maracanà di Rio. Non abbiamo ancora finito. Mi dispiace per Neymar, è un grandissimo calciatore, ed è un peccato che il Brasile debba fare a meno di due dei suoi migliori giocatori, ma sarà in grado di rimpiazzarli. Nessuno deve credere che il nostro compito è reso più facile dalle assenze di Thiago Silva e Neymar: sappiamo tutti quanto sia forte la Selecao. Ma noi siamo fiduciosi. I giocatori sono motivati e disciplinati, c’è uno spirito di squadra incredibile, e siamo cresciuti nel corso del torneo, e ora siamo solidi a livello fisico e mentale”. Per Loew “una semifinale in Brasile contro i padroni di casa rappresenta qualcosa di molto speciale, anzi magnifico, e una cosa è chiara: vogliamo tornare al Maracanà”. Vorrebbe dire aver vinto a Belo Horizonte, e allora toccherebbe al ct, e magari a Schweinsteiger e Podolski che amano così tanto la gente brasiliana, fare il giro dei bar dei quartieri Savassi e Lourdes per consolare la torcida in lacrime. Per ora è solo un ricordo, e un film che a Rio va forte e ha per protagonista il mitico Obdulio Varela, ma potrebbe tornare a essere un’amarissima realtà. (dell’inviato Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

21:24Calcio:1-0 al Gremio, Real Madrid vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Real Madrid ha vinto il Mondiale per club battendo 1-0 (0-0) i brasiliani del Gremio nella finalissima giocata questa sera ad Abu Dhabi. Decisivo il gol di Cristiano Ronaldo su punizione all'8' della ripresa.

21:19Usa: Trump, con taglio tasse crescita fino al 6%

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Donald Trump ha difeso oggi il testo della riforma fiscale concordata dai repubblicani respingendo le critiche che avvantaggerà più i ricchi che la middle class. La previsione del presidente è che l'economia Usa comincerà a volare dopo l'approvazione della legge, crescendo dall'attuale 3% al "4%, 5% e forse anche 6% alla fine".

21:11Leader estrema destra a Praga,no all’Ue in Europa del futuro

(ANSA) - PRAGA, 16 DIC - I leader dei partiti populisti dell'estrema destra europea, uniti oggi a Praga per discutere del futuro dell'Europa si sono impegnati a lavorare insieme per creare un nuovo modello di cooperazione continentale distante dal modello dell'Unione europea. Rivolgendosi ai partecipanti della conferenza Marine Le Pen, alla guida del Front National francese, ha definito l'Ue "una organizzazione disastrosa" che "sta uccidendo l'Europa". Geert Wilders, fondatore del partito anti-Islam olandese per la Libertà, ha proposto che l'Europa segua l'esempio del presidente Usa Donald Trump che ha imposto un bando sull'immigrazione da alcuni Paesi a maggioranza musulmana.

21:11Inaugurato primo Gufo Bar nel Bresciano, titolari minacciati

(ANSA) - BRESCIA, 16 DIC - E' stato inaugurato a Palazzolo sull'Oglio, nel Bresciano, il primo Gufo Bar in Italia, locale che espone gufi vivi. Dopo che i proprietari avevano ricevuto minacce, anche di morte, da gruppi di animalisti, all'apertura, avvenuta nel pomeriggio, non si sono registrate tensioni nonostante la presenza di un corteo animalista composto da una ventina di persone. Alla prima mancavano però proprio i gufi. "Abbiamo temuto tensioni e quindi la scelta è stata quella di non esporre gli animali" hanno detto i titolari del bar di Palazzolo sull'Oglio. "Non rinunciamo al nostro progetto, ma vogliamo comunque verificare bene cosa dica la legge sulla presenza di animali nei locali. I nostri gufi - hanno aggiunto - sono nati, cresciuti in cattività e regolarmente registrati. Agli animalisti che minacciano di entrare nel locale per liberare i gufi diciamo che, se liberati, gli animali morirebbero".

21:10Pd: Renzi al lavoro su liste, i migliori nei collegi

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Matteo Renzi ha avviato, a quanto si apprende, il lavoro per definire le candidature con un giro di contatti e telefonate anche con Andrea Orlando e Michele Emiliano. La strategia elettorale è di mettere i candidati più forti alla guida dei collegi, ad esempio Renzi a Firenze centro; il premier Paolo Gentiloni a Roma 1; Dario Franceschini a Ferrara e proporzionale in Basilicata; Andrea Orlando a La Spezia, prevedendo anche la candidatura nel proporzionale; Marco Minniti nel collegio a Reggio Calabria e nel proporzionale in Veneto. Per Orlando probabile collegio a La Spezia e proporzionale in Calabria. Per Del Rio collegio di Reggio Emilia o Bolzano e proporzionale in Sardegna. La strategia, spiegano fonti del Nazareno, è mettere in campo nei collegi i candidati migliori e radicalizzare lo scontro con il M5S come dimostrano le polemiche di questi giorni su 80 euro, Europa e pensioni.

20:36Scuola: ‘bottone rosso’e Carta diritti, novità alternanza

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Un "bottone rosso" (digitale) che gli studenti in alternanza scuola-lavoro potranno usare per segnalare eventuali criticità. Una Carta dei diritti e dei doveri per chi è impegnato in questa attività didattica "innovativa". E ancora, un osservatorio istituito al Ministero dell'istruzione con il compito di produrre ogni anno - il primo sarà a giugno 2018 - un report su quanto fatto. Si rafforza con gli Stati generali, oggi al Miur, e con l'introduzione di questi nuovi strumenti, l'alternanza scuola-lavoro che la legge 107 ha reso obbligatoria per gli studenti del triennio delle superiori. L'obiettivo, ha ribadito la ministra Valeria Fedeli, è offrire ai ragazzi, con il contributo di tutte le parti, "le garanzie per un sistema con più qualità, trasparenza e responsabilità". Un sistema che, secondo il sottosegretario Gabriele Toccafondi, ha ancora luci e ombre, ma che mira a far crescere e formare la persona. A puntare il dito sulle ombre sono stati l'Unione degli studenti e il Fronte della gioventù comunista.

20:35Droga: in autocisterna vino 700 chili cocaina e hashish

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - Nell'autocisterna del vino erano nascosti 700 chili di cocaina e hashish. E' la scoperta fatta dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Torino, in collaborazione con i colleghi di Cagliari - dove è iniziata l'indagine - che hanno arrestato due italiani di 30 e di 32 anni. L'autocisterna è stata fermata all'interno di un capannone di Moncalieri, alle porte di Torino. Una volta travasato il vino rosso, dentro la cisterna sono saltate fuori delle casse metalliche con all'interno lo stupefacente. Il mezzo è stato sequestrato. Le indagini proseguono nel massimo riserbo per stabilire la provenienza della droga e identificare i complici dei due arrestati. (ANSA).

Archivio Ultima ora