Snowden sogna di tornare in Usa, avvocato racconta la vita della talpa

Pubblicato il 07 luglio 2014 da redazione

BERLINO. – Edward Snowden non è “pentito” di quanto ha fatto, sogna di tornare negli Stati Uniti e per il momento in Russia vive dei suoi risparmi: a raccontare la vita della “talpa” del Datagate è il suo avvocato tedesco, che parlando coi cronisti a Berlino ha permesso di ‘avvicinare’ la quotidianità in esilio dell’ex consulente della Nsa che ha scompaginato gli equilibri diplomatici con le sue rivelazioni. Rivelazioni sui servizi segreti americani che ancora oggi imbarazzano il governo tedesco, con cadenza quasi settimanale. L'”esule” Snowden vive di risparmi e di premi. Non è “pentito”. Il suo sogno nel medio termine è di poter tornare negli Usa, perché il diritto di soggiorno in Russia scade alla fine del mese ma sarà prolungato. E spera con i suoi legali in un ruolo positivo dell’Ue nella ridefinizione di materie, come la protezione dei dati e la tutela dei diritti umani degli informatori. Wolfgang Kaleck a Berlino risponde così alle domande della stampa straniera e all’ANSA. “Snowden lavora molto, ogni giorno, per collaborare alle inchieste aperte sul suo caso: quelle del Senato francese, della commissione del Bundestag tedesco, della commissione del parlamento europeo e del Consiglio d’Europa”. Oltre ai legali statunitensi, conta su un team di avvocati in Europa, coordinato da Kaleck: “Oltre a me, ci sono 4 colleghi in Francia, Belgio, Spagna e Svizzera”. Le attività legali vengono pagate da un fondo. Ha paura? “Non che io sappia”, è la risposta. “Ma Snowden – continua Kaleck – non è un modello di macho, un tipo prepotente che pensi sia fantastico tutto quello che ha fatto o creda di avere la situazione sotto controllo. E’ un uomo piuttosto riservato. E ha ponderato a lungo come comportarsi, sa cosa lo minaccia e aveva in parte previsto i rischi cui sarebbe andato incontro”. “Non credo che abbia dubbi sulla sua missione – aggiunge -, né secondo me dovrebbe averne”. Kaleck lo ha visto a gennaio, e annuncia un prossimo incontro. Comunicare con l’assistito non è semplice: “Il mio cellulare non è sicuro, e alla lunga neppure internet”. Kaleck ha anche chiarito cosa abbia spinto la ‘talpa’ a cambiare strategia di comunicazione: “Dopo la prima fase di Wikileaks, da un anno ha deciso di affidare il materiale a delle testate e a dei giornalisti riconosciuti: per potersi difendere meglio e per non incorrere più nell’accusa di mettere a repentaglio persone attraverso le sue rivelazioni. Sono i giornalisti a stabilire cosa pubblicare”. Snowden e i suoi avvocati sperano in un ruolo dell’Europa, nel lungo periodo, sul caso aperto dalle sue rivelazioni sul lavoro dell’intelligence e nella ridefinizione della tutela dei diritti dei ‘gola profonda’: “Ho accettato questo caso perché ritengo ci sia qualcosa da dire su come lavorano i servizi segreti”, ha detto il legale. E gli scandali come quello dello 007 tedesco che spiava per conto di Washington la commissione parlamentare tedesca – caso definito oggi “grave” da Angela Merkel, alzando i toni dello scontro con gli Usa – possono aiutare. “Me lo auguro”, ha detto Kaleck. Prima o poi anche il gesto coraggioso di Snowden – come quello di Daniel Elsberg nel caso del Vietnam – sarà letto come contributo positivo: “Non ho dubbi che quello che ha fatto serva a migliorare la società. Non so se però lui riuscirà a trarre benefici da questa consapevolezza, una volta che sarà maturata. La questione è quanto ci vorrà: 3, 5, 10 anni?”. Uno è troppo poco, conclude, perché la politica prenda coscienza. (Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora