Errani: da Nord a Sud bufera su regioni e presidenti

Pubblicato il 08 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Le dimissioni di Vasco Errani rappresentano soltanto l’ultimo tassello di un quadro istituzionale, le Regioni, che negli ultimi anni, e in maniera trasversale, sono state interessate da procedimenti delle procure della Repubblica. L’elenco è lungo e riguarda quasi tutte le realtà territoriali. Uno dei casi più recenti e forse tra i più famosi è quello che ha riguardato il governatore della Lombardia Roberto Formigoni, accusato di corruzione aggravata nel caso della Fondazione Maugeri. Ma le inchieste hanno riguardato anche la Regione Piemonte, guidata da Roberto Cota, il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e quello della Calabria, Giuseppe Scopelliti (che ha dovuto lasciare il suo scranno di presidente della Regione Calabria). La vicenda delle ‘spese pazze’ e il caso Fiorito portarono indirettamente alle dimissioni della presidente della Regione Lazio Renata Polverini. Nel mirino delle Procure però sono caduti il più delle volte consiglieri e assessori, com’è accaduto in Sardegna, con l’inchiesta bis sui fondi ai gruppi, ma anche in Abruzzo (con ‘Rimborsopoli’, che ha interessato il presidente della Regione, Gianni Chiodi, e il presidente del consiglio, Nazario Pagano), Campania (‘spese pazze’, che tuttavia non ha toccato il presidente Stefano Caldoro), Liguria (anche qui per spese indebite, coinvolgendo 15 consiglieri), Molise (anche in questo caso per i costi sostenuti dai gruppi consiliari) e Friuli (rimborsi spese). Stessa cosa nella Regione Emilia Romagna, con un’inchiesta che ha interessato alcuni capigruppo, e in Sicilia, anche qui per un’inchiesta per le spese pazze. Non è stata esente da indagini neanche la piccola Val d’Aosta, con un’operazione trasversale nata per i rimborsi spese relativi al 2009 e 2010). Ma indagini, anche se conoscitive, hanno interessato anche Regioni da sempre fuori dai riflettori, come le Marche (per spese non giustificate per 300mila euro fatte nel periodo 2008-2011) e l’Umbria (anche in questo caso per problemi legati a ‘pezze giustificative’ dei gruppi consiliari). E la Basilicata, dove lo scorso anno sono stati indagati 40 politici, compresi i vertici della Giunta e del Consiglio, tra cui l’ex governatore Vito De Filippo.

Ultima ora

19:58Nuoto: Europei, Sabbioni argento nei 100 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Argento di Simone Sabbioni nei 100 metri dorso agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. L'azzurro con il tempo di 49"68 ha stabilito il record italiano in vasca corta, migliorando il proprio 49"96, ottenuto agli assoluti di Riccione. L'oro è andato al russo Kliment Kolesnikov (48"99), il bronzo al rumeno Robert-Andrei Glinta (49"99).

19:47Banche: Zoggia, chiediamo audizione Boschi in Commissione

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il calendario delle audizioni alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche è chiuso, come deciso alcuni giorni fa. Tuttavia, se il presidente Casini decidesse di riaprirlo, pare evidente e urgente la necessità di ascoltare la Sottosegretaria Boschi. Se il presidente valuterà l'opzione, noi formalizzeremo subito la richiesta di audire Boschi". Lo dichiara il deputato Davide Zoggia (Mdp-LeU), membro della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche.

19:46Mafia:sciolto comune Lamezia, ‘illecita acquisizione voti’

(ANSA) - CATANZARO, 15 DIC - "Fonti tecniche di prova hanno attestato come la campagna elettorale per il rinnovo degli organi elettivi sia stata caratterizzata da un'illecita acquisizione dei voti che ha riguardato, direttamente o indirettamente, esponenti della maggioranza e della minoranza consiliare". E' uno dei passaggi della relazione al Presidente della Repubblica fatta dal ministro dell'Interno Marco Minniti che ha portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme, terza città calabrese con i suoi 70 mila abitanti, decretato il 22 novembre scorso. Minniti afferma che la relazione del Prefetto alla luce dell'accesso antimafia effettua un "raffronto tra le risultanze dell'accesso attuale e quelle che diedero luogo agli scioglimenti nel 1991 e nel 2002 rinvenendo, in assoluta continuità, la persistenza delle medesime dinamiche collusive e dell'operatività degli stessi personaggi di spicco delle organizzazioni criminali dominanti". L'accesso era stato disposto dal Prefetto di Catanzaro nel giugno 2017.

19:41Milan: Uefa respinge Voluntary Agreement

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - La Uefa ha respinto la richiesta di Voluntary Agreement del Milan. Lo annuncia la stessa Uefa con un comunicato pubblicato sul proprio sito. ''Il consiglio - si legge - ha deciso di non approvare la richiesta del club perché ci sono ancora delle incertezze in relazione al rifinanziamento del debito in scadenza nell'ottobre del 2018 e alle garanzie finanziarie del principale azionista''.

19:39Nuoto: 200 farfalla donne, argento a Ilaria Bianchi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ilaria Bianchi ha vinto l'argento nella finale dei 200 metri farfalla agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 2'04"22, record italiano. L'oro è andato alla tedesca Franziska Hentke (2'03"92), il bronzo alla francese Lara Grangeon (2'04"31).

19:35Nuoto: Europei, bronzo Panziera nei 200 dorso donne

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Margherita Panziera ha vinto il bronzo nella finale dei 200 metri dorso, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. La 22enne di Montebelluna - allenata a Roma da Gianluca Belfiore - con il tempo di 2'02"43 è stata preceduta dal'ungherese Katinka Hosszu (2'01"59) e dall'ucraina Daryna Zevina (2'02"27). Panziera ha migliorato il primato italiano che lei stessa aveva stabilito a Riccione due settimane fa in 2'03"15.

19:33Corea Nord: Guterres offre buoni uffici soluzione pacifica

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres ha offerto i suoi "buoni uffici" per evitare che l'"allarmante" programma nucleare della Corea del Nord finisca accidentalmente per provocare un conflitto dalle conseguenze devastanti. Parlando in Consiglio di Sicurezza, Guterres ha detto che l'Onu mette a disposizione i suoi assett strategici in tre aree chiave: imparzialità, valori e principi per soluzioni diplomatiche pacifiche e canali di comunicazione con tutte le parti: "Le Nazioni Unite sono un luogo dove tutte le sei parti sono rappresentate e possono interagire per ridurre le differenze e promuovere misure di costruzione di fiducia reciproca".

Archivio Ultima ora