Sotto 1.000 euro 43% pensionati, 2 milioni non arrivano a 500

Pubblicato il 08 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Quattro pensionati su dieci, precisamente il 43%, riceve assegni che non superano i mille euro. Si tratta di 6,8 milioni di persone. E tra loro 2,1 milioni restano addirittura sotto i 500 euro. Le cifre arrivano dall’Inps che fa il punto sul 2013, un anno segnato dalla crisi, con l’aumento nel ricorso agli ammortizzatori, e dagli effetti della riforma Fornero, che ha determinato un crollo degli assegni liquidati. Intanto il gigante nazionale della previdenza tira un sospiro sul versante conti: sconta ancora un ‘rosso’ di quasi 9,9 miliardi di euro ma assicura ”la sostenibilità del sistema”. Grazie all’intervento previsto dalla legge di stabilità, infatti, il patrimonio dell’Istituto è stato fatto salvo (salirà a 29 miliardi nel 2014) e il buco si va ridimensionando (scenderà a 7,9 miliardi il prossimo anno). Lo stesso commissario straordinario dell’Inps, Vittorio Conti, garantisce sulla tenuta finanziaria del sistema ma non trascura il nodo ”dell’adeguatezza” delle pensioni. Il tasso di trasformazione della retribuzione è inevitabilmente messo a rischio da una crescita anemica e da un lavoro precario. Il commissario suggerisce di lavorare su due fronti per rimediare: da una parte rendere ”più equa la nuova architettura” previdenziale, senza stravolgimenti, inserendo ”elementi di flessibilità’, in particolare per lavoratori precoci o per attività usuranti; dall’altra sviluppare il cosiddetto secondo pilastro, ovvero la previdenza complementare. Il commissario propone ad esempio di ”destinare a forme di previdenza complementare il trattamento di fine rapporto” e invita a ridurre la ”frammentazione” che caratterizza i fondi che operano nel settore. Il passo più rilevante è però la ‘busta arancione’, che, come ha annunciato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, andrà in sperimentazione a fine anno. Un’operazione trasparenza per dare a ciascuno l’indicazione su quale sarà la pensione che lo aspetta a fine carriera, dando ai cittadini elementi indispensabili per diventare artefici del proprio futuro pensionistico. Intanto i cambiamenti del sistema sono sotto gli occhi di tutti, la riforma Fornero durante il 2013 si è fatta sentire, falciando le liquidazioni: rispetto all’anno prima i dipendenti privati hanno subito un calo del 32% per le pensioni di anzianità-anticipate e del 57% per la vecchiaia. Non è andata tanto diversamente per gli impiegati pubblici, con un dimezzamento degli assegni. Se il numero delle nuove pensioni ha registrato un tonfo le prestazioni a sostegno del reddito non hanno fatto altro che crescere: per cig, mobilità, disoccupazione, comprese le new entry Aspi e MiniAspi, sono stati erogati 23,6 miliardi di euro. I numeri spaventano i sindacati, che si appellano al Governo: la Cgil sottolinea la necessità di proseguire il confronto, la Cisl chiede di allargare il bonus degli 80 euro anche ai pensionati, mentre per la Uil occorre mettere subito mano alla Governance dell’Inps, visto, ricorda, ”la scadenza del 30 settembre dell’attuale gestione commissariale”.

Ultima ora

19:27Sport: Paralimpici, Pancalli ringrazia Mattarella

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "E' stata un'impresa, è la realizzazione di un sogno. Oggi per noi è una giornata particolarmente importante e non nascondo l'emozione. Il ringraziamento più grande va a Lei, Presidente Mattarella, la sua presenza è un ulteriore testimonianza di vicinanza, interesse e affetto nei confronti della famiglia paralimpica italiana. Alla quale non ha mai fatto mancare attenzione in momenti come questo". Così il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli, nel suo discorso all'inaugurazione dell'impianto sportivo del Cip al Tre Fontane rivolgendosi al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. L'apertura della Cittadella dello Sport è avvenuta grazie all'accordo recentemente sottoscritto tra Roma Capitale e Eur S.p.a. "Ci candidiamo a contagiare positivamente la società, rappresentiamo un pezzo di welfare del Paese - ha aggiunto Pancalli - questo è un luogo di sport e lo sarà anche di cultura, integrazione, formazione, per intercettare il diritto allo sport per i bambini disabili".

19:18Tennis: Atp Shenzhen, Giannessi fuori al primo turno

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Alessandro Giannessi subito eliminato nello Shenzhen Open, torneo Atp 250 con montepremi di 666.960 dollari in corso sui campi in cemento della città cinese: al primo turno il 27enne mancino della Spezia, numero 131 del mondo, ha ceduto al francese Jeremy Chardy, numero 86, con il punteggio di 7-6, 6-4, in un'ora e 53 minuti di gioco. In tabellone c'è poi Paolo Lorenzi, numero 39 e quarta testa di serie del torneo, che farà il suo esordio al secondo turno contro uno fra il brasiliano Rogerio Dutra Silva, numero 74 e suo compagno abituale in doppio, e il qualificato cinese Zhizhen Zhang, numero 495.

18:48Accoltella giudici: card. Bassetti, vicinanza ai feriti

(ANSA) - PERUGIA, 25 SET - Raggiunto dalla notizia dell'accoltellamento dei due giudici del tribunale di Perugia, il cardinale Gualtiero Bassetti, a Roma per presiedere il Consiglio permanente della Cei, esprime la sua "vicinanza umana e spirituale a questi due servitori dello Stato, colpiti nell'adempimento del loro dovere, e alle loro famiglie, augurando agli stessi una pronta guarigione". Nel contempo, il porporato "condanna fermamente il grave gesto, perché non c'è alcun motivo al mondo che giustifichi un uomo a compiere un atto estremo come quello di attentare alla vita del suo prossimo. Sono profondamente scosso da quanto è accaduto oggi nella mia città e mi affiora alla mente il triste episodio - conclude l'arcivescovo - di quanto è successo alcuni anni fa a due dipendenti della Regione Umbria uccise nel loro ufficio da un uomo che poi si è tolto la vita". (ANSA).

18:41Anziana morta in casa di riposo, si indaga per omicidio

(ANSA) - COMO, 25 SET - Una donna di 91 anni è stata trovata morta ieri in tarda serata in una casa di riposo a Como. La Procura di Como ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di ignoti, ma mantiene il più stretto riserbo sulle indagini. L'unica certezza è che le condizioni in cui si trovata la donna, ha fatto subito escludere sia la morte naturale sia il suicidio. La novantenne era nel suo letto e ad accorgersi che era morta è stata una dipendente della casa di riposo, che ha lanciato l'allarme.

18:35Calcio: Tavecchio, inevitabile ridurre il numero di squadre

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "All'inizio del 2018 apriremo un tavolo per trovare una soluzione ragionevole per la riduzione del numero di squadre nelle tre serie del calcio professionistico nell'arco di 3-4 anni: è inevitabile ridurre le dimensioni dei campionati". Dai microfoni Rai del Gr Parlamento, il presidente della Figc Carlo Tavecchio rilancia un suo vecchio cavallo di battaglia, quello della riduzione del numero di squadre nei campionati, a partire dalla Serie A, che vorrebbe riportare a 18 squadre. "Si potrebbe passare dalle attuali 102 formazioni totali - dice ancora Tavecchio riferendosi ai campionati professionistici in generale - ad una settantina: è una riforma da fare".

18:30Femminicidio: Grasso, subito ok a ddl per orfani

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Spero che si approvi al più presto il progetto di legge a sostegno degli orfani di femminicidio". E' questo l'auspicio che esprime il presidente del Senato Pietro Grasso intervenendo a "La vita in diretta". Il disegno di legge è attualmente all'esame della commissione Giustizia di Palazzo Madama.

18:29Calcio: Sarri, Feyenoord forte e pericoloso

(ANSA) - NAPOLI, 25 SET - Tra la Champions League e il campionato i giocatori del Napoli "potrebbero inconsciamente puntare sul campionato, e questo potrebbe essere anche legittimo visto che il Napoli non vince lo scudetto da trent'anni". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della seconda giornata di Champions League contro il Feyenoord. "E' illogico farlo a questo punto della stagione - ha aggiunto - è un rischio che c'è e cerchiamo di combatterlo. Domani cerchiamo di arrivare a una prestazione e a un risultato, vediamo se riusciamo ad avere lo stesso livello di determinazione in coppa come in campionato, c'è da combattere con l'inconscio ma bisogna provarci". Sul Feyenoord, Sarri ha spiegato che "è una squadra forte, che lo scorso anno è arrivata davanti all'Ajax e ha un'intelaiatura con calciatori esperti e giovani di ottimo livello. Quando attaccano sono pericolosi, spero che il San Paolo ci aiuti, per noi dopo il ko in Ucraina questa è una partita non voglio dire decisiva, ma importante".

Archivio Ultima ora