Mondiali: la finale dei 2 Papi. “Sono superiori al tifo”

Pubblicato il 10 luglio 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Non era ancora finita la semifinale tra Argentina e Olanda, vintaai rigori dagli “albiceleste” per 4 a 2, che già cominciava a impazzare il tam-tam di quella che, ai Mondiali del Brasile, doveva diventare la “finale dei due Papi”. Domenica sera, la partita che assegnerà il titolo mondiale e che vedrà opposte Argentina e Germania al Maracanà di Rio de Janeiro, per i più è già una sorta di derby Bergoglio-Ratzinger, con il Papa regnante e il Papa emerito, l’uno argentino e l’altro tedesco, divisi dal tifo e posti su fronti avversi. Gli sforzi continui del Vaticano per accreditare “la piena sintonia” tra papa Francesco e il papa emerito Benedetto XVI vivranno idealmente un momento di crisi. “Quando il diavolo ci mette la coda”, diceva divertito un vescovo, attraversando stamani piazza San Pietro. Sui social network già da ieri sera gira di tutto: vignette, battute satiriche sui due Papi “tifosi”, bonarie provocazioni, piccoli sfottò. Uno per tutti: “Vivo allarme in Vaticano per la finale Germania-Argentina: si temono scontri tra le opposte tifoserie”, con un Ratzinger ornato dai colori teutonici e Bergoglio con la bandiera argentina al posto della fascia che gli stringe la vita. Oppure la foto dei due Papi inginocchiati insieme in preghiera, mentre uno ha in mente la bandiera argentina e l’altro quella tedesca. Persino una stretta di mano tra la Merkel e Bergoglio, in cui il Papa fa il gesto di una vittoria per 3 a 2. E come queste molte altre. In Vaticano, a dire la verità, si tende molto a smorzare i toni. “I Papi sono persone superiori a queste cose: dicono sempre che vinca il migliore”: così il direttore della sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, risponde alla domanda dei giornalisti su che cosa faranno e quale sarà l’atteggiamento di Francesco e di Benedetto XVI domenica in occasione della finale. Il portavoce vaticano ha anche aggiunto: “Non penso che papa Benedetto XVI guardi la partita. Non mi sembra verosimile”. Più probabile, invece, che Bergoglio quanto meno “si informi”, come avrebbe già fatto per la semifinale di ieri con l’Olanda, anche se non è ancora certo che guarderà l’incontro. Si sa che Ratzinger da sempre guarda al calcio con un certo distacco, anche se da ex arcivescovo di Monaco di Baviera ha mantenuto un suo legame con la squadra della città, il prestigiosa Bayern Monaco, e all’occorrenza non rifugge da commenti scherzosi sull’esito delle partite. Per quanto riguarda Bergoglio, invece, la sua è una vera passione, essendo tifosissimo del San Lorenzo de Almagro, il club rossoblu di Buenos Aires attualmente campione d’Argentina, fondato ai primi del ‘900 dal prete salesiano Lorenzo Massa, e di cui è persino tesserato e socio. L’ex arcivescovo della capitale argentina è detentore della tessera numero 88.235 della società sportiva e spesso era presente agli eventi sportivi, prima di essere proclamato Papa il 13 marzo 2013. La società sportiva lo definisce un “fervente tifoso”. E Bergoglio, tra l’altro, riceve continuamente in omaggio maglie, bandiere e gagliardetti di squadre di calcio, in particolare dal suo Paese, che mostra sempre con un certo compiacimento. Incontrandolo prima del mondiale, la presidente brasiliana Dilma Rousseff gli ha strappato la promessa che non avrebbe tifato per nessuna squadra, per non privilegiare nessuno. Ora, però, il Brasile deve accontentarsi della finale per il terzo posto, mentre la “selecion” lotterà per il titolo. E per di più contro una squadra, la Germania, che ha dalla sua un altro Papa! “Francesco non guarda la tv, non ha la tv nel suo appartamento, ma Benedetto sì”, riferisce comunque padre Hugo Ortiz, gesuita argentino, responsabile a Radio vaticana della redazione in spagnolo. “Benedetto chissà – prosegue -, lo inviterà a guardare la partita e forse invece di guardare la partita andranno nella cappella a pregare, uno per la Germania e l’altro per l’Argentina!”. Per un altro gesuita, il tedesco padre Bernd Hagenkord, responsabile della redazione tedesca dell’emittente, “Benedetto non è un tifoso così grande del calcio. Francesco è tifoso ma va a letto molto presto, non so se guarderà la partita, forse sì…”. (di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora