Tour: Nibali ancora in giallo, con Greipel in volata è sempre Germania

Pubblicato il 10 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Tappa per velocisti doveva essere, e tappa per velocisti è stata. E a vincere la sesta frazione del Tour de France, da Arras a Reims (194 km), è stato ancora un tedesco. Non Marcel Kittel, che solo all’ultimo ha rinunciato alla volata che avrebbe potuto regalargli il quarto successo personale, bensì il connazionale André Greipel, bravo a mettersi alle spalle nello sprint finale avversari come Mark Renshaw e Peter Sagan. Nessun cambiamento in classifica generale dove la maglia gialla resta sulle spalle di Vincenzo Nibali, che sui diretti rivali (Kwiatkowski, Van Den Broeck, Porte, Valverde, Contador) può sempre contare sul vantaggio accumulato nella straordinaria prova offerta ieri sul pavé. “Bisogna restare tranquilli e con i piedi per terra. Oggi non ha piovuto ma c’era tantissima umidità e vento, quindi tanto nervosismo in gruppo – spiega Nibali all’arrivo -. La corsa è scoppiata ai 15 km dall’arrivo. Queste sono giornate difficili, che portano tanto stress mentale e le cadute ne sono la conseguenza”. E in effetti, quella che sulla carta doveva essere una tappa ‘di trasferimento’, si rivela invece particolarmente insidiosa. Al via ovviamente manca il campione uscente Chris Froome, ritiratosi dopo le cadute sul pavé. Il tracciato presenta soltanto due gran premi della montagna, entrambi di quarta categoria, con l’ultimo a 40 km dal traguardo di Reims, città delle incoronazioni dei re di Francia e dello champagne. A seguire da vicino la tappa – dedicata alla memoria dei soldati caduti nella Prima guerra mondiale nella battaglia dello Chemin des dames – c’è anche il presidente francese Francois Hollande, che però sale a bordo dell’auto del direttore del Tour, Christian Prudhomme, a 60 km all’arrivo. Quando cioè i quattro corridori in fuga dalla partenza di Arras sono quasi a tiro del gruppo. L’iniziativa porta la firma dell’olandese Leezer, dello spagnolo Mate, e del duo francese formato da Pineau e Gerard, che salgono fino a 4′ minuti di vantaggio sul plotone con la maglia gialla Nibali, la maglia verde Sagan, e quella a pois Lemoine. A fare l’andatura sono gli uomini della Giant di Marcel Kittel, intenzionati a costruire la volata per il poker dello sprinter tedesco. Quando però la corsa arriva alla prima salita di giornata (la Cote de Coucy-le-Chateau-Auffrique, pendenza media al 6,2%) ecco i primi problemi causati dall’asfalto reso viscido dall’umidità. In rapida successione, dopo lo scollinamento, si verificano due cadute che mettono ko il russo Zanzio (Team Sky) e il russo Silin (Katusha), entrambi costretti al ritiro. Problemi anche per Sagan, che si fa medicare sull’avambraccio sinistro prima di rientrare in gruppo, e Jesus Hernandez (Tinkoff) che invece deve alzare bandiera bianca (perdita pesante per Contador in vista della montagne). Dopo la seconda salita di giornata (Cote de Roucy) il plotone riassorbe uno dopo l’altro i fuggitivi e, a 12 km dall’arrivo, comincia a preparare la volata finale. Sul traguardo ad alzare le braccia per primo è André Greipel che nell’ordine mette in fila Kristoff, Dumoulin, Renshaw, e Sagan. “E’ stata una tappa e uno sprint nervoso. Non era facile: ho preso bene la ruota di chi stava davanti e poi ho aperto il gas al massimo a 250 metri del traguardo – racconta il tedesco -. Finalmente siamo riusciti a vincere, sono veramente felice”. Domani di nuovo in sella per la settima tappa da Epernay a Nancy di 234,5 km.

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora