Lufthansa riduce la frequenza dei suoi voli in Venezuela

CARACAS – Il Venezuela ogni giorno piú isolato. Un viaggio d’affari, o di piacere, oggi può trasformarsi in un vero e proprio via crucis. Uno dopo l’altro, tutti i vettori, grandi e piccoli, stanno riducendo la frequenza dei voli e, di conseguenza, l’offerta di posti. E la maggior parte, ha già il “tutto esaurito” per il 2014 e gran parte del 2015.

Lufthansa, la linea aerea tedesca – una delle più importanti al mondo -, ha annunciato la riduzione della frequenza dei suoi voli. Questi passeranno da 5 a 3 la settimana con una riduzione dell’offerta di posti pari ad un 40 per cento.

Lufthansa è una delle compagnie che offre un gran numero di coincidenze per altri destini, una volta che si è giunti in Germania.

Dal canto suo, Aereolineas Argentinas, attraverso un comunicato, ha reso nota la decisione di incrementare il numero di voli tra Caracas e Buenos Aires. Questi passeranno da 5 settimanali con Airbus A340-300, a un volo quotidiano con il Boeing 737-800. L’incremento nella frequenza dei voli, comunque, non si traduce in un aumento dell’offerta di posti. Anzi, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, Aereolineas Argentinas, con il cambio di velivolo, riduce la propria disponibilità di posti da 1.420 a 1.190.

E per finire, Copa Airlines non volerà più la rotta che collegava Caracas con Medellin. “Copa” era l’unica compagnia che collegava la capitale venezuelana con la città colombiana. Il volo Caracas-Medellin era stato inaugurato nel 2008. Stando a indiscrezioni, Copa Airlines starebbe valutando l’opportunità di ridurre la frequenza dei suoi voli lungo altre rotte.