Renzi chiede lealtà e tempi stretti: “Non tradiamo l’Italia”

Pubblicato il 15 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Toglie dal tavolo la pistola delle elezioni anticipate, spauracchio di peones e rottamati, e mette la minaccia di una gestione non collegiale del Pd se “non condividiamo tutti l’urgenza delle riforme”. Ma più che avvertire, Matteo Renzi, riunendo deputati e senatori, chiama alla lealtà e alla responsabilità collettiva perchè “i cittadini ci hanno dato l’opportunità di cambiare sul serio e davvero e se non cambiamo tradiamo gli italiani” visto che solo il Pd “può cambiare il paese”. Nella sera in cui sulla riforma del Senato è caduta una pioggia di emendamenti, molti anche dai dissidenti dem, il premier chiede “tempi stringenti” ma mantiene l’ottimismo: “La prossima settimana, con il voto, chiudiamo 30 anni di dibattiti”, è certo Renzi che respinge ancora una volta l’accusa di una riforma costituzionale autoritaria e spiega l’urgenza non come un suo tic personale ma come “la richiesta degli italiani”. Il leader dem riserva alle riforme istituzionali l’ultimo spicchio del suo intervento, incentrato sul programma dei mille giorni che “non vuol dire che da sprinter sono diventato maratoneta”. Ma che servono mille giorni per “dimostrare all’Ue che le riforme le facciamo sul serio da soli” e perchè ci vuole tempo “per partire da zero ed arrivare ad un certo punto”. Quindi, è la domanda retorica del premier, “abbiamo tempo da qui al prossimo congresso nel 2017 e alle elezioni nel 2018: fino ad allora discuteremo di quando andare a votare e a polemizzare tra noi o proviamo a cogliere l’opportunità?”. L’uomo solo al comando, come spesso viene criticato Renzi, chiede “una mano” al suo partito per vincere una sfida per il paese dove “è evidente che ha smesso di piovere sulla crisi ma il sole non è arrivato, c’è foschia, alcuni segnali parlano di ripresa imminente ma altri di una situazione ancora molto molto difficile”. Il premier preferisce non guardare i dati economici, sfornati quotidianamente “come i sondaggi” e contrastanti tra loro. Ma concentrarsi sulla sua tabella riformatrice che vede all’arrivo, oltre al Senato, lo Sblocca Italia, la riforma della P.A, la riforma del lavoro. “Non cadiamo nel derby ideologico, concentriamoci su chi non ha garanzie e sulla semplificazione delle norme”, chiede ai suoi Renzi rispetto al dibattito sull’art.18, che rischia sempre di aprire una ferita nel Pd. E via avanti con la riforma della giustizia e la riorganizzazione degli insegnanti, elenca il presidente del consiglio ad una platea che applaude alcuni passaggi. Dissidenti e contrari evitano di intervenire eppure il leader Pd difende le sue scelte. E il metodo del confronto, dialogo con Fi incluso. “Discutere con M5S è una fatica – dice – ma noi non siamo qui per mettere bandierine di parte. E dire che e’ fondamentale parlare anche con Fi è l’abc della democrazia”. L’avviso è chiaro: Renzi va avanti comunque, chi ci sta bene. (di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

20:19Usa: treno deragliato, almeno tre morti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 DIC - Sono almeno tre le persone rimaste uccise nel deragliamento di un treno nello Stato di Washington negli Usa finito su una strada interstatale, coinvolgendo anche automobilisti. Lo riferisce il Seattle Times. La Cnn inoltre, citando fonti ospedaliere, riferisce che 77 persone sono state trasportate in ospedale. Diversi passeggeri sono rimasti intrappolati fra le lamiere del treno.

20:18Siria: Assad, dichiarazioni Macron ‘non hanno alcun valore’

(ANSAmed) – BEIRUT, 18 DIC – Per il presidente Bashar al Assad "non hanno alcun valore" le dichiarazioni fatte ieri dal presidente francese Emmanuel Macron, che lo ha accusato di essere "il nemico del popolo siriano", auspicando che venga processato "per i suoi crimini". "Fin dall’inizio (del conflitto civile siriano) la Francia è stata all’avanguardia nel sostenere il terrorismo in Siria", ha affermato Assad, citato dall’agenzia governativa Sana. "Coloro che sostengono il terrorismo - ha insistito il rais - non hanno diritto di parlare di pace, e tantomeno di interferire negli affari siriani. Tutte le loro dichiarazioni non significano nulla per noi e non hanno alcun valore". Macron aveva auspicato e che nelle trattative di pace dopo la sconfitta dell’Isis, che prevede avvenga entro febbraio, ci siano "rappresentanti di tutte le opposizioni", compresi quelli che hanno lasciato la Siria "a causa di Assad, e non dell’Isis".

20:18Sampdoria: Ferrero, col Napoli derby del cinema

(ANSA) - GENOVA, 18 DIC - "E' il derby del cinema". Massimo Ferrero definisce così la sfida di sabato prossimo che vedrà la sua Sampdoria far visita al Napoli di Aurelio De Laurentis. "Da uno a dieci mi piacerebbe batterlo dodici - ha scherzato Ferrero oggi a Palazzo Ducale a margine della presentazione di un libro sulla storia della Sampdoria -. Se vinciamo noi lui farà un grande incasso col cinepanettone, se noi non vinciamo io auguro a De Laurentis un lungo cammino". Il numero uno blucerchiato non si sbilancia troppo quando si tratta di fare un pronostico. "Amo i napoletani e la napoletanità, sono l'Italia che lavora. Dico solo che ci piacerebbe molto vincere a Napoli ma non ci dimentichiamo che siamo la Sampdoria e noi quando arriviamo tra le prime dieci siamo felici". La Samp vive un momento difficile con appena un punto nelle ultime quattro gare ma Ferrero non è preoccupato. "Un calo fisiologico ci può stare - ha proseguito -, l'importante adesso è riprendere in mano le redini del cavallo e cavalcare la via maestra".

20:16Basket: Hertz e Virtus Roma insieme anche i stagione 2017-18

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Hertz e Virtus Roma ancora per la stagione 2017/2018 saranno insieme nella rinnovata co-sponsorship che vedrà Hertz fornire le automobili ufficiali alla squadra. Si tratta di una flotta di cinque automobili di diversi marchi: Opel, Volkswagen e Fiat, ciascuna con tremila chilometri di noleggio mensili. Siamo orgogliosi di affiancare la Virtus Roma - spiega Massimiliano Archiapatti, Amministratore Delegato di Hertz italiana -. Da sempre, infatti, Hertz supporta le eccellenze dello sport e la pallacanestro è certamente una delle attività agonistiche più sentite, sia a livello nazionale che internazionale. Per noi è molto importante essere al fianco di realtà come la Virtus a cui ci sentiamo accomunati da valori fondamentali come il gioco di squadra. Saremo quindi partner della Virtus mettendo a loro disposizione quello che sappiamo fare meglio: un servizio che permetterà alla squadra di potersi muovere col massimo comfort a bordo delle nostre autovetture.

Archivio Ultima ora