Orrore a Gaza, uccisi 4 bambini in spiaggia

Pubblicato il 16 luglio 2014 da redazione

GAZA. – Prima si è udito un sibilo. Poi sulla spiaggia, fra alcune capanne, si è levata una nube marroncina. Allora, sul lungomare di Gaza sono comparsi 3 bambini e un uomo che sanguinavano copiosamente e facevano ampi gesti per chiedere aiuto. Da un hotel vicino alcuni giornalisti stranieri sono corsi a soccorrerli. Ma mentre lo facevano dal cielo è arrivato il secondo razzo. Quello che ha sancito la morte di quattro bambini membri della stessa famiglia, i Bakr. Altri cinque sono rimasti feriti e si sono rifugiati fra le braccia dei giornalisti. Uno si teneva il ventre ed urlava di dolore. Un altro aveva una ferita alla testa. L’uomo era ferito ad una gamba. Tutti sono stati caricati su ambulanze che li hanno portati a sirene spiegate all’ospedale Shifa dove un dirigente di Hamas, Sami Abu Zuhri, ha accusato Israele di essersi macchiato “di un orrendo crimine di guerra” di cui, ha avvertito, “ne pagherà il prezzo”. Situato fra il campo profughi Shati e il porto di Gaza, questo tratto di spiaggia è considerato uno dei posti potenzialmente meno rischiosi della Striscia, anche per la presenza di alcuni alberghi. Anche se le strutture balneari erano chiuse, Ahed Bakr (10 anni), Zakaria (10), Ramez (11) e Mohammad (9), assieme con i loro amici, lo avevano trovato ideale per alleviare per un’ora la calura estiva e per tirare calci ad un pallone, coinvolgendo anche qualche giornalista straniero. Fra le onde del mare, la spiaggia e i capannoni dai colori sgargianti, quei bambini non potevano nemmeno immaginare che ci potesse essere alcun “obiettivo di carattere militare”. In serata da Tel Aviv si è appreso, ufficiosamente, che la comitiva dei bambini è stata vittima di un errore di identificazione. Su un molo vicino c’era un container che l’intelligence di Israele supponeva fosse utilizzato da miliziani di Hamas. Un primo razzo è stato sparato sul tetto per avvertire che stava per essere distrutto. Sulla spiaggia c’è stato il panico. Un gruppetto di persone – per lo più bambini – si è dato alla fuga. E quel capannello di persone, viene spiegato a Tel Aviv, è stato centrato nell’errata presunzione di un velivolo israeliano che fossero miliziani di Hamas in fuga. Anche se l’esile fisionomia dei bambini era evidente. A non molti chilometri di distanza, nei rioni proletari ad est di Gaza di Zaitun e Sajaya, quasi 100 mila palestinesi hanno vissuto oggi una giornata di puro terrore dopo che nella nottata Israele ha lanciato volantini con cui intimava loro di abbandonare immediatamente le proprie abitazioni. I loro quartieri, afferma Israele, si sono trasformati in rampe di lancio di razzi e dunque sono destinati ad essere bombardati. Nella notte si sono viste colonne di automezzi lasciare quei sobborghi. Ma il 90 per cento degli abitanti sono rimasti. Israele suppone che abbiano avuto timore delle minacce di Hamas. La realtà, a quanto pare, è più prosaica: queste famiglie poverissime, spesso con tantissimi figli, non possono assolutamente permettersi di cercare riparo altrove. Nelle scuole dell’Unrwa, l’agenzia delle Nazioni Unite per i profughi, il sovraffollamento è impressionante. In mattinata si sono viste fino a 80 persone stipate in ogni aula messa a disposizione degli sfollati: uomini e donne in settori separati, tutti schiacciati. I privilegiati che avevano parenti nel vicino campo profughi di Jabalya negli ultimi tre giorni sono riusciti a farsi una doccia; gli altri si stanno rassegnando al degrado. Tutti romperanno in serata il digiuno del Ramadan con acqua, pane e cibo in scatola. Solitamente affollate, le strade di Zaitun e Sajaya erano oggi deserte. Molti sostavano all’ingresso delle proprie case pronti a tuffarsi all’interno, mentre nelle vicinanze si sentivano echi sempre più frequenti dell’artiglieria israeliana. Improvvisamente si è udito, nelle immediate vicinanze, un boato. Decine di finestre sono andate in frantumi. Per alcuni istanti si è avvertito un silenzio sordo. Alcuni istanti, e le prime ambulanze sono sopraggiunte per caricare i feriti. I vicini per un attimo si sono soffermati a curiosare, poi sono rientrati nelle loro case per un’altra notte di terrore. Un’altra notte da passare con le spalle al muro, mentre il numero delle vittime (aggiornato di ora in ora) supera i 220 morti e 1600 feriti. (di Sami al-Ajrami/ANSA)

Ultima ora

19:58Nuoto: Europei, Sabbioni argento nei 100 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Argento di Simone Sabbioni nei 100 metri dorso agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. L'azzurro con il tempo di 49"68 ha stabilito il record italiano in vasca corta, migliorando il proprio 49"96, ottenuto agli assoluti di Riccione. L'oro è andato al russo Kliment Kolesnikov (48"99), il bronzo al rumeno Robert-Andrei Glinta (49"99).

19:47Banche: Zoggia, chiediamo audizione Boschi in Commissione

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il calendario delle audizioni alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche è chiuso, come deciso alcuni giorni fa. Tuttavia, se il presidente Casini decidesse di riaprirlo, pare evidente e urgente la necessità di ascoltare la Sottosegretaria Boschi. Se il presidente valuterà l'opzione, noi formalizzeremo subito la richiesta di audire Boschi". Lo dichiara il deputato Davide Zoggia (Mdp-LeU), membro della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche.

19:46Mafia:sciolto comune Lamezia, ‘illecita acquisizione voti’

(ANSA) - CATANZARO, 15 DIC - "Fonti tecniche di prova hanno attestato come la campagna elettorale per il rinnovo degli organi elettivi sia stata caratterizzata da un'illecita acquisizione dei voti che ha riguardato, direttamente o indirettamente, esponenti della maggioranza e della minoranza consiliare". E' uno dei passaggi della relazione al Presidente della Repubblica fatta dal ministro dell'Interno Marco Minniti che ha portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme, terza città calabrese con i suoi 70 mila abitanti, decretato il 22 novembre scorso. Minniti afferma che la relazione del Prefetto alla luce dell'accesso antimafia effettua un "raffronto tra le risultanze dell'accesso attuale e quelle che diedero luogo agli scioglimenti nel 1991 e nel 2002 rinvenendo, in assoluta continuità, la persistenza delle medesime dinamiche collusive e dell'operatività degli stessi personaggi di spicco delle organizzazioni criminali dominanti". L'accesso era stato disposto dal Prefetto di Catanzaro nel giugno 2017.

19:41Milan: Uefa respinge Voluntary Agreement

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - La Uefa ha respinto la richiesta di Voluntary Agreement del Milan. Lo annuncia la stessa Uefa con un comunicato pubblicato sul proprio sito. ''Il consiglio - si legge - ha deciso di non approvare la richiesta del club perché ci sono ancora delle incertezze in relazione al rifinanziamento del debito in scadenza nell'ottobre del 2018 e alle garanzie finanziarie del principale azionista''.

19:39Nuoto: 200 farfalla donne, argento a Ilaria Bianchi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ilaria Bianchi ha vinto l'argento nella finale dei 200 metri farfalla agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 2'04"22, record italiano. L'oro è andato alla tedesca Franziska Hentke (2'03"92), il bronzo alla francese Lara Grangeon (2'04"31).

19:35Nuoto: Europei, bronzo Panziera nei 200 dorso donne

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Margherita Panziera ha vinto il bronzo nella finale dei 200 metri dorso, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. La 22enne di Montebelluna - allenata a Roma da Gianluca Belfiore - con il tempo di 2'02"43 è stata preceduta dal'ungherese Katinka Hosszu (2'01"59) e dall'ucraina Daryna Zevina (2'02"27). Panziera ha migliorato il primato italiano che lei stessa aveva stabilito a Riccione due settimane fa in 2'03"15.

19:33Corea Nord: Guterres offre buoni uffici soluzione pacifica

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres ha offerto i suoi "buoni uffici" per evitare che l'"allarmante" programma nucleare della Corea del Nord finisca accidentalmente per provocare un conflitto dalle conseguenze devastanti. Parlando in Consiglio di Sicurezza, Guterres ha detto che l'Onu mette a disposizione i suoi assett strategici in tre aree chiave: imparzialità, valori e principi per soluzioni diplomatiche pacifiche e canali di comunicazione con tutte le parti: "Le Nazioni Unite sono un luogo dove tutte le sei parti sono rappresentate e possono interagire per ridurre le differenze e promuovere misure di costruzione di fiducia reciproca".

Archivio Ultima ora