La giornata politica: Federica Mogherini Mrs. Pesc?

Pubblicato il 16 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Sulla nomina di Federica Mogherini a Mrs Pesc, Matteo Renzi si gioca la sua immagine di generale vincitore alla testa delle forze del socialismo europeo. E questo spiega, più di ogni altra sottigliezza, le forti resistenze che il premier italiano sta incontrando nella Ue. L’accusa di scarsa competenza mossa alla titolare della Farnesina, peraltro, rischia di trasformarsi in un autogol dei critici: intanto perché costituisce uno sgarbo alla diplomazia italiana nel momento in cui si vagheggia una ritrovata unità europea; e poi perché l’attuale responsabile della politica estera Ue, Lady Ashton, non ha certo brillato per presenza ed efficacia sui principali scenari di crisi.  In realtà attorno alla candidatura Mogherini è in atto uno scontro non solo tra popolari e socialisti, ma anche tra Roma e Berlino. Il tentativo di Angela Merkel di prendere tempo per discutere l’accordo sulla Commissione nella sua ”globalità” sembra tradire la preoccupazione che un Pse galvanizzato dalla vitalità renziana possa ottenere ciò che prima delle elezioni era impensabile: la guida della politica estera, di quella economica (dove è in corso uno speculare braccio di ferro) e persino la presidenza del Consiglio Ue, ruolo di raccordo finora ricoperto dal belga Hermann Van Rompuy (uomo sostanzialmente allineato alla Germania). Naturalmente entrambi gli schieramenti hanno frecce al loro arco: Berlino gioca l’asse con i Paesi dell’Est e le perplessità dei popolari; Roma risponde con l’inedita compattezza del Pse, confermata da Martin Schulz, e con l’orgoglio italiano messo in mostra da Angelino Alfano il quale ha escluso che possa esserci un veto del Ppe sul nome del nostro ministro degli Esteri. Resta il fatto che il Rottamatore ha la necessità di portare a casa qualche risultato concreto di livello internazionale per valorizzare il semestre di presidenza italiana della Ue e per dimostrare alle forze politiche italiane che anche a Bruxelles è possibile un cambio di rotta.  Tutto sarebbe stato più facile, tuttavia, se il premier fosse stato in grado di presentarsi al Consiglio straordinario della Ue con qualche risultato concreto in tasca. Invece la crisi economica ha posto al ministro Padoan nuovi problemi sul rispetto dei vincoli di stabilità e anche le riforme procedono a rilento per la guerriglia parlamentare dei dissidenti di destra e di sinistra. Quasi novemila emendamenti alla riforma del Senato non consentono naturalmente di stare tranquilli e, come dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi, è meglio affrontare un giorno alla volta. Il dato politico è che i dissidenti del Pd e di Fi non sono disposti a fare passi indietro, nonostante l’impegno in prima linea del capo del governo e del Cavaliere, senza ottenere almeno una contropartita: la revisione dell’Italicum per la minoranza democratica, il presidenzialismo nel caso dei frondisti azzurri. Due punti non contemplati nel Patto del Nazareno. Alla vigilia dell’incontro con i 5 Stelle, il presidente del Consiglio ha lasciato intendere che ritocchi sono possibili, ma solo su punti specifici (come per esempio l’immunità dei senatori o il ballottaggio) e non sul cuore dell’ intesa con Berlusconi. Che è politica e, come tale, intangibile almeno fino a quando il leader di Forza Italia dimostrerà di controllare il suo partito. In tal senso l’accusa al premier di alcuni frondisti azzurri di puntare alle elezioni nel 2015 è insidiosa. Secondo questa area, Renzi non riuscirà a far ripartire l’economia e si prepara in sostanza ad un referendum su se stesso. Renato Brunetta, designato da Berlusconi a coordinare la linea di opposizione al governo sull’economia, avverte che non ci saranno sconti: il Patto del Nazareno non è in pericolo, ma il governo deve accettare di discutere come rivitalizzare la ”comatosa” economia italiana. E questo è il problema che rischia di incrinare l’asse Renzi-Berlusconi più delle manovre parlamentari dei grillini. (Pierfrancesco Frerè/ANSA).

Ultima ora

19:58Nuoto: Europei, Sabbioni argento nei 100 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Argento di Simone Sabbioni nei 100 metri dorso agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. L'azzurro con il tempo di 49"68 ha stabilito il record italiano in vasca corta, migliorando il proprio 49"96, ottenuto agli assoluti di Riccione. L'oro è andato al russo Kliment Kolesnikov (48"99), il bronzo al rumeno Robert-Andrei Glinta (49"99).

19:47Banche: Zoggia, chiediamo audizione Boschi in Commissione

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il calendario delle audizioni alla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche è chiuso, come deciso alcuni giorni fa. Tuttavia, se il presidente Casini decidesse di riaprirlo, pare evidente e urgente la necessità di ascoltare la Sottosegretaria Boschi. Se il presidente valuterà l'opzione, noi formalizzeremo subito la richiesta di audire Boschi". Lo dichiara il deputato Davide Zoggia (Mdp-LeU), membro della commissione parlamentare d'inchiesta sulle banche.

19:46Mafia:sciolto comune Lamezia, ‘illecita acquisizione voti’

(ANSA) - CATANZARO, 15 DIC - "Fonti tecniche di prova hanno attestato come la campagna elettorale per il rinnovo degli organi elettivi sia stata caratterizzata da un'illecita acquisizione dei voti che ha riguardato, direttamente o indirettamente, esponenti della maggioranza e della minoranza consiliare". E' uno dei passaggi della relazione al Presidente della Repubblica fatta dal ministro dell'Interno Marco Minniti che ha portato allo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme, terza città calabrese con i suoi 70 mila abitanti, decretato il 22 novembre scorso. Minniti afferma che la relazione del Prefetto alla luce dell'accesso antimafia effettua un "raffronto tra le risultanze dell'accesso attuale e quelle che diedero luogo agli scioglimenti nel 1991 e nel 2002 rinvenendo, in assoluta continuità, la persistenza delle medesime dinamiche collusive e dell'operatività degli stessi personaggi di spicco delle organizzazioni criminali dominanti". L'accesso era stato disposto dal Prefetto di Catanzaro nel giugno 2017.

19:41Milan: Uefa respinge Voluntary Agreement

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - La Uefa ha respinto la richiesta di Voluntary Agreement del Milan. Lo annuncia la stessa Uefa con un comunicato pubblicato sul proprio sito. ''Il consiglio - si legge - ha deciso di non approvare la richiesta del club perché ci sono ancora delle incertezze in relazione al rifinanziamento del debito in scadenza nell'ottobre del 2018 e alle garanzie finanziarie del principale azionista''.

19:39Nuoto: 200 farfalla donne, argento a Ilaria Bianchi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ilaria Bianchi ha vinto l'argento nella finale dei 200 metri farfalla agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 2'04"22, record italiano. L'oro è andato alla tedesca Franziska Hentke (2'03"92), il bronzo alla francese Lara Grangeon (2'04"31).

19:35Nuoto: Europei, bronzo Panziera nei 200 dorso donne

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Margherita Panziera ha vinto il bronzo nella finale dei 200 metri dorso, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen. La 22enne di Montebelluna - allenata a Roma da Gianluca Belfiore - con il tempo di 2'02"43 è stata preceduta dal'ungherese Katinka Hosszu (2'01"59) e dall'ucraina Daryna Zevina (2'02"27). Panziera ha migliorato il primato italiano che lei stessa aveva stabilito a Riccione due settimane fa in 2'03"15.

19:33Corea Nord: Guterres offre buoni uffici soluzione pacifica

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Il Segretario Generale dell'Onu Antonio Guterres ha offerto i suoi "buoni uffici" per evitare che l'"allarmante" programma nucleare della Corea del Nord finisca accidentalmente per provocare un conflitto dalle conseguenze devastanti. Parlando in Consiglio di Sicurezza, Guterres ha detto che l'Onu mette a disposizione i suoi assett strategici in tre aree chiave: imparzialità, valori e principi per soluzioni diplomatiche pacifiche e canali di comunicazione con tutte le parti: "Le Nazioni Unite sono un luogo dove tutte le sei parti sono rappresentate e possono interagire per ridurre le differenze e promuovere misure di costruzione di fiducia reciproca".

Archivio Ultima ora