Mo: Il Cairo resta crocevia per una tregua a Gaza

Pubblicato il 17 luglio 2014 da redazione

IL CAIRO. – Una girandola di incontri e indiscrezioni sulle trattative lo confermano: il “tavolo” egiziano per una tregua nella guerra Israele-Hamas a Gaza e’ informale ma esiste. Un rinnovato ruolo del Cairo quale storico mediatore fra il movimento al potere nella Striscia e lo stato ebraico sembrava saltato in poche ore tra lunedi’ e martedi’, quando la proposta egiziana di cessate il fuoco immediato era stata accettata da Israele ma rifiutata da Hamas. Il traffico di auto blindate dall’aeroporto del Cairo, e la presenza stabile nella capitale egiziana del numero due di Hamas, Mussa Abu Marzuk, testimonia pero’ che la partita – malgrado tutto – e’ ancora in pieno svolgimento. Nelle ultime 48 ore sono stati segnalati incontri, svoltisi sembra in uno stesso albergo, di responsabili egiziani sia con Hamas sia con una delegazione di alto livello israeliana che comprendeva Yoram Cohen, il capo dello Shin Bet, l’agenzia di intelligence interna, e il negoziatore Ytzhak Molcho. Viene pubblicizzata ufficialmente pero’ solo la visita di Abu Mazen, il presidente palestinese, principale referente del capo di Stato egiziano Abdel Fattah al-Sisi. Inoltre sono in arrivo al Cairo il ministro degli Affari esteri Federica Mogherini e quello francese Laurent Fabius. Il crocevia diplomatico sul Nilo ha gia’ visto del resto un doppio passaggio in cinque giorni di Tony Blair, in veste di inviato speciale per il Medio oriente del “quartetto” composto da Stati Uniti, Russia, Ue e Onu. E gli egiziani hanno potuto vantare l’apprezzamento dell’ex premier britannico secondo il quale sono “i più credibili e capaci di convincere le due parti”. L’Egitto ha d’altronde lo storico merito di essere stato il primo stato arabo, nel 1979, a far la pace con Israele in base agli accordi di Camp David dell’anno prima. Quanto a Gaza, suo ex-governatorato militare per quasi un ventennio fino alla Guerra dei Sei giorni del 1967, la “responsabilità storica” egiziana aveva portato il Cairo a mediare assieme gli Usa la tregua che pose fine all’analoga operazione israeliana del novembre 2012. Allora pero’ c’era il presidente Mohamed Morsi, leader politico di quei Fratelli musulmani di cui Hamas e’ filiazione diretta: una circostanza del tutto svanita dato che Sisi, ex capo di Stato maggiore dell’esercito, solo l’anno scorso era stato protagonista della cacciata dal potere della Confraternita, rispedita in clandestinità. Il bando di Hamas dall’Egitto di Sisi come presunta organizzazione terroristica si riflette intanto nell’assenza del nome del movimento nelle comunicazioni ufficiali egiziane che parlano solo di “fazioni palestinesi”. Questo, in un primo momento, ha addirittura consentito a Hamas di dichiarare di non aver ricevuto alcuna proposta di tregua dall’Egitto. Altro segnale di freddezza e’ l’ufficioso annuncio che il movimento islamico palestinese inoltrera’ anche a Lega araba, all’Onu e alla Giordania, le sue integrazioni al piano egiziano. La residenza al Cairo di Marzuk, vicepresidente dell’Ufficio politico di Hamas, testimonia pero’ di quanto l’Egitto resti il solo crocevia negoziale a disposizione anche dopo la deposizione di Morsi. (di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

Archivio Ultima ora