Gioia amara per Berlusconi: assolto, ma resta il danno

Pubblicato il 18 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Va bene l’assoluzione, va bene la gioia del momento, ma nel fondo del calice rimane l’amarezza; quella più difficile da bere: i danni politici e di immagine causati dalla vicenda Ruby. Silvio Berlusconi lo sa e, per oggi, si accontenta di parlare di “un’accusa ingiusta e infamante” per la quale riecheggiano ancora nella sua testa gli anni di “aggressione mediatica, i pettegolezzi, e le calunnie”. A Milano arriva così la sentenza più attesa per il Cavaliere: quella che lo assolve dalle accuse di concussione e di prostituzione minorile.  Quasi in contemporanea alla pronuncia dei giudici, a vele spiegate parte la pattuglia azzurra che, ora, chiede la “grazia”. Non solo: dimostrato “l’accanimento” e il “disegno politico”, bisogna mettere mano anche alla riforma della giustizia. Ma proprio alla magistratura l’ex premier rivolge “un pensiero di rispetto” perché – dice – ha dato “oggi una conferma di quello che ho sempre asserito: ovvero, la grande maggioranza dei magistrati italiani fa il proprio lavoro silenziosamente, con equilibrio e rigore ammirevoli”. Insomma: ci sono toghe e toghe. Così come ci sono ‘amici’ e ‘amici’. Rivolgendo un ringraziamento a chi gli è stato vicino “nonostante il fango” e le “accuse infamanti”, Berlusconi di fatto punto il dito verso chi gli ha voltato le spalle, lo ha abbandonato in un momento delicato e drammatico. A dare voce alle sue accuse ci pensa Gasparri che ora chiede atto di “contrizione”, una “riflessione in ginocchio sui sassolini” a chi abbandonò la nave. Il riferimento a Ncd viene subito ‘scoperto’ da Cicchitto che bolla come “volgarità” le parole del vicepresidente del Senato. Scintille tra ex che covano sotto le ceneri da tempo in attesa di una ennesima resa dei conti. A tentare una riconciliazione ci prova Angelino Alfano che invoca a nome di tutto il Nuovo Centrodestra una “rilettura storico politica della caduta dell’ultimo governo di centrodestra”. Mano tesa che però si chiude a pugno quando esprime il suo “rammarico”, per i “drammatici errori politici compiuti” da “alcuni esponenti estremisti” del Pdl che “presero la guida materiale del partito e lo portarono su una strada suicida”. Falchi e colombe, lealisti e traditori tornano insomma a confrontarsi anche se il ministro Lupi continua ad augurarsi “un ritrovato clima positivo nei rapporti politici”. In Forza Italia, al di là di qualche “rivincita” nei confronti degli ex compagni di viaggio, si pensa però più a fare ‘cassa’ in chiave politica dell’assoluzione di Berlusconi. A suonare la carica è Renato Brunetta, che chiede di “riscrivere la storia” con una “commissione parlamentare d’inchiesta sul colpo di Stato del 2011”. E, in parallelo, di ottenere il “minimo risarcimento” – per aver creduto e inseguito una “panzana immensa e ciclopica” – della grazia quirinalizia per il suo leader. Richiesta che, pur indirettamente, viene sostenuta da tutti in Fi, a partire dal consigliere politico, Giovanni Toti che vede compensata solo “in parte la macchina del fango, montata in questi anni”, ma anche da Mara Carfagna che si dice ancora “rammaricata per la lapidazione mediatica”. “Fredda”, ma istituzionale, la reazione del Pd all’assoluzione che con Verini prima, e la vicesegretaria Serracchiani poi, si limita a sottolineare come i democratici abbiano rispettato la sentenza di primo grado e come adesso rispettino quella d’appello: “Il nostro rispetto per le sentenze della magistratura – scandisce la governatrice del Friuli Venezia Giulia – non è uno slogan”. Dice la sua anche il presidente dell’autorità anticorruzione, Raffaele Cantone. “”Mi preoccupa chi rispetta le sentenze solo quando sono favorevoli. Andava rispettata quella di primo grado, così come questa”. E aggiunge: “Il nostro sistema ha tre gradi giudizio ed è di grande garanzia. Poi le sentenze vanno lette: leggiamo le motivazioni della sentenza di oggi e poi capiamo se merita critiche o approvazione”. (di Tommaso Tetro/ANSA)

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora