Albertini pronto per Figc, regista di cambiamento

Pubblicato il 22 luglio 2014 da redazione

MILANO. – Rimettere il calcio al centro, rendere la governance più snella, dare spazio ai giovani: sono alcuni dei concetti chiave su cui punta Demetrio Albertini che dopo essere stato metronomo del Milan e vicepresidente della Federcalcio (si è dimesso prima del Mondiale), ora si vede “regista del cambio di marcia” e si mette “volentieri a disposizione” per candidarsi alla presidenza della Figc. Perché la candidatura sia effettiva, però, serve che Albertini sia sostenuto da almeno la metà più uno dei delegati assembleari di almeno una lega o una componente tecnica. Finora questo endorsement non è arrivato nemmeno per l’altro candidato in pectore, Carlo Tavecchio. C’è tempo fino al 27 luglio, ma la corsa fra il settantunenne presidente della Lega dilettanti e il quarantatreenne Albertini sembra avviata. “Oggi né io né lui siamo candidati: ci siamo messi a disposizione. Con grande rispetto ho parlato con Carlo (Tavecchio, ndr) – ha raccontato l’ex vicepresidente federale -: nel momento in cui non riceve la candidatura dalle altre componenti che ha sbandierato, magari significa che il sistema sta cercando altro. Mi metto a disposizione. La mia agenda è aperta, deve essere dettata da chi vuole confrontarsi. Se non ci saranno, ne prenderò atto”. La scelta della serie A di stilare delle linee guida da sottoporre ai candidati “metodologicamente non è corretta: spetta al candidato presidente captare le esigenze delle diverse leghe”, ha sottolineato Albertini, che si propone perché sente “la responsabilità nei confronti di tante persone”. La richiesta è arrivata “dalla gente per strada” e “da tutte le parti che rappresentano il mondo del calcio”. Il suo profilo è compatibile con la svolta invocata dal presidente della Juventus Andrea Agnelli e dall’ad del Milan Barbara Berlusconi. “Ho ricevuto diverse telefonate, quella di Barbara ancora no. Alcuni presidenti – ha raccontato l’ex milanista – mi hanno detto: ‘Sei una persona meravigliosa ma non ti voto perché sei un ex calciatore’. Io non voglio essere il candidato di una fazione”. Albertini non rinnega il passato da calciatore, ma rivendica anche “un terzo di carriera da dirigente in giacca e cravatta”. Esperienze che lo hanno aiutato a elaborare una serie di idee, “non un programma, ma spunti e filosofie di calcio”, tratteggiati in una conferenza stampa di 45′ in un hotel milanese. Ecco le priorità, da affrontare “senza guardare al modello tedesco, perché siamo un altro paese con un’altra cultura, ma con lo stesso obiettivo raggiunto dalla Germania”: la Figc “non può ridursi a una spartizione di poltrone corporativa” e “va snellita l’attuale governance che non permette di prendere grandi decisioni se non all’unanimità”; bisogna dare al calcio italiano “un progetto sportivo” partendo dalla “valorizzazione dei vivai”, pensando a rose in linea con i parametri Uefa, “senza ridurre il dibattito alla composizione dei campionati o alle squadre B”; “valorizzare la forza sul territorio garantita dalla Lega dilettanti”; e “i campioni devono scendere in mezzo alla gente, magari con più allenamenti aperti al pubblico”. La prima decisione che però dovrà prendere il prossimo presidente è il nuovo ct. “Si può scegliere a occhi bendati fra gli allenatori che si nominano in questi giorni – ha osservato Albertini -. Dipenderà da chi sposerà più la filosofia della Figc”. Tutto il resto sarà meno semplice. “Vogliamo essere un campionato di passaggio o il più bello del mondo?”, è la domanda posta dall’ex milanista, che sogna di rivedere l’Italia ai livelli degli anni ’90 e si affida a “fede e costanza, che sono anche i nomi dei miei figli”. (di Paolo Cappelleri/ANSA)

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora