La Rai annuncia una rivoluzione nelle news, due super-redazioni

ROMA. – Due super-redazioni, meno poltrone, più sinergie e stop alle sovrapposizioni: è il ‘piano 15 dicembre’ disegnato dal direttore generale Luigi Gubitosi per rottamare il vecchio sistema dell’informazione Rai, figlio della riforma del 1975 e della lottizzazione. Atteso da giorni, evocato nei rumors della vigilia, temuto dalle redazioni già in allarme, il progetto viene anticipato dal dg in un’intervista all’Espresso, spiazzando così il cda – nel giorno del rendez vous informale sul dossier, 60 pagine con le linee guida – e il sindacato. La filosofia di Gubitosi – confermata poi anche nell’incontro con il consiglio, che domani avvierà la discussione formale – è dare un’impronta europea, stile Bbc, all’informazione della tv pubblica nell’era digitale. Dal 15 dicembre 1979, quando nacquero la TgR e il Tg3 completando l’assetto delle testate, “sono passati 35 anni. C’è stato un cambiamento politico, sociale, tecnologico, economico, mediatico epocale. Ma noi siamo rimasti legati a quel modello, logico in uno schema senza concorrenza e con il web inesistente. Allora – dice Gubitosi al settimanale – offrire tre visioni era comprensibile. Poi il pluralismo è diventato lottizzazione e la lottizzazione è degenerata”. Con la digitalizzazione, invece, “le redazioni sono diventate totalmente intercambiabili” e quindi è possibile “superare le distinzioni tra differenti testate”. La rivoluzione immaginata dal dg sarà in due fasi: la prima, tra il 2015 e il 2016, prevede la nascita di due newsroom, la numero 1 “composta dall’accorpamento di Tg1, Tg2 più Rai Parlamento”, la 2 “formata da Tg3 più Rai News più Tgr e Ciss, meteo e Web”. La prima “sarà generalista e avrà anche un canale istituzionale”, la seconda “porterà un’evoluzione dell’all news integrando offerta nazionale, internazionale e locale. Con Newsroom 2 otteniamo un risparmio immediato”, sottolinea il dg, che in audizione alla Camera rivendica anche di aver già ridotto i costi di 40 milioni quest’anno, in linea con la spending review fortemente voluta dal governo Renzi, e definisce “abbastanza vicino” l’obiettivo di andare in pareggio di bilancio, “al netto dei 150 milioni” tagliati dal decreto Irpef. Per i telespettatori, assicura Gubitosi, non cambierà nulla: “Nella pratica i marchi Tg1, Tg2, Tg3 rimarranno. Chi guarda il Tg1 delle 20 continuerà a vedere il logo e i conduttori abituali che sono caratterizzanti. Così il Tg2. Ma le due redazioni saranno state unificate. A differenziare l’offerta saranno i vice direttori, i coordinatori di impaginazione ed editoriali e i conduttori, tutti dissimili da una testata all’altro”. Il dg, pronto a “prenderne atto” se il progetto di riforma delle news venisse bloccato, sa bene che il successo dell’operazione, che sarà affrontata in autunno, implica “la condivisione a livello giornalistico, tecnico e sindacale. Anche perché bisognerà rivedere una serie di figure professionali”. La prima reazione dell’Usigrai è piuttosto critica. Il sindacato dei giornalisti giudica la scelta dell’intervista un “pessimo modo di intendere le relazioni sindacali. E anche il ruolo dei consiglieri di amministrazione” e teme che si tratti di “un’operazione di immagine” per coprire la vendita di RaiWay. E se i sindacati dei lavoratori avviano le procedure di sciopero contro la cessione di una quota della società , la Fnsi chiede che “si mettano le carte sul tavolo” e che il governo “apra un confronto sociale reale e pubblico” anche sulla riforma della governance. La rivoluzione delle news finirà inevitabilmente per intrecciare i suoi destini con le consultazioni che il governo intende aprire dopo la pausa estiva sulla tv pubblica in vista del rinnovo della concessione. (di Angela Majoli/ANSA)

Condividi: