F1: circus in Ungheria, a Budapest tutti a caccia della Mercedes

ROMA. – L’ultima fatica prima delle vacanze. Il circus della Formula 1 fa tappa a Budapest per il Gran Premio d’Ungheria, undicesimo appuntamento di un mondiale che appare già scritto a metà stagione. La Mercedes che domina la classifica costruttori appare imprendibile, e l’unico spunto d’interesse sembra rappresentato dal duello ‘interno’ tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, separati adesso da 14 punti nella corsa al titolo. L’inglese, dopo la bella gara in rimonta confezionata sul tracciato di Hockenheim, andrà a caccia del 5/o successo in otto anni all’Hungaroring, mentre il pilota tedesco tenterà di aumentare il vantaggio in classifica prima di staccare la spina. Il terzo incomodo potrebbe essere ancora una volta Valtteri Bottas che con la sua Williams ha dimostrato nelle ultime uscite di poter salire stabilmente sul podio. Un compito che invece resta praticamente off-limits per le Ferrari di Fernando Alonso (solo un terzo posto in Cina finora) e Kimi Raikkonen (mai oltre il 7/o posto), che tenteranno comunque di porre fine al decennale digiuno di successi del Cavallino in Ungheria (l’ultimo acuto del rossa di Maranello è datato 2004 con al volante Michael Schumacher). La gara dell’Hungaroring (70 giri per 306.630km) si preannuncia particolarmente insidiosa sia per le caratteristiche della pista (tortuosa, lenta e molto tecnica, richiede gli stessi livelli massimi di carico aerodinamico visti a Montecarlo) sia per le condizioni meteo (le previsioni per il weekend sono instabili, con sole al venerdì e possibili rovesci sabato e domenica). Il successivo appuntamento in calendario sarà a fine agosto in Belgio sul circuito di Spa-Francorchamps.

Condividi: