La giornata politica: braccio di ferro per le riforme

Pubblicato il 24 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Le speranze di una tregua si sono infrante contro un colpo di ”ghigliottina”. La maggioranza ha deciso di contingentare i tempi del dibattito al Senato sulle riforme per aggirare lo scoglio degli ottomila emendamenti presentati al testo del governo, ma l’opposizione ha replicato con un colpo a sorpresa: la marcia di oltre cento parlamentari verso il Quirinale, dove alcuni di loro sono stati ricevuti dal capo dello Stato. Difficile dire quale sia stata la scintilla che ha dato fuoco alle polveri, ma certo il pericolo è che da questa battaglia non emerga un vincitore. I grillini, per esempio, dopo aver tante volte criticato Giorgio Napolitano, con la loro iniziativa ne hanno implicitamente riconosciuto il ruolo di garante del processo democratico e di tutor delle riforme. Lo stesso Matteo Renzi, che attacca i ”signor no” e assicura che farà le riforme ”piaccia o meno”, con le sue direttive ha bruciato le ali dei pontieri, costringendo la Lega ad allinearsi ai 5 stelle. Come fa sapere infatti Roberto Calderoli, il quale spera ancora di avere qualche margine di manovra, sarà ben difficile che il Senato possa esprimere il voto finale entro l’8 agosto, semplicemente perché i regolamenti non lo consentono: anche con i tempi contingentati, gli ottomila emendamenti andranno votati tutti. ”Speriamo che il fine settimana porti consiglio”, sospira sconsolato il presidente del Senato Piero Grasso.  In realtà dietro il muro contro muro si intuisce un braccio di ferro che guarda al di là delle riforme. Il premier ha la necessità vitale di dimostrare all’esterno che tiene in pugno la situazione, soprattutto adesso che l’economia è tornata a peggiorare e non consentirà, come ammette egli stesso, di rispettare la previsione di una crescita del 0,8 per cento su base annua. E’ una prospettiva che dà corpo allo spettro evocato da Guido Crosetto quando invita le opposizioni a disertare il voto: ”lasciamo Boschi e Verdini alle loro fandonie – dice – e vediamo se in autunno ci sarà questo grande effetto delle riforme sull’economia di cui parlano”. Vannino Chiti, uno dei padri della dissidenza democratica, parla di due opposti estremismi che stanno determinando una deriva negativa per l’Italia. Ci vorrebbe quella ”iniziativa politica del governo” che invoca il pd Miguel Gotor, ma è difficile definirne i contorni. E’ chiaro infatti che l’esecutivo non può rinunciare al principio di maggioranza: una maggioranza peraltro ben più ampia della base parlamentare che lo sostiene (Marcucci). Non può essere una marcia sul Colle a bloccare un processo che il Paese attende da vent’anni. Come osserva Pierluigi Bersani, l’opposizione dovrebbe prendere atto che sulla non elettività del Senato la decisione è stata presa e dovrebbe lavorare su punti non di fondo, come le immunità e le firme necessarie per chiedere un referendum. Ma per ottenere questi risultati è necessario lasciare campo libero alla diplomazia: una scelta che rischia di appannare l’immagine decisionista di Renzi. Il ministro Boschi ha fatto sapere che l’accusa di Beppe Grillo a Renzi di uccidere la democrazia non regge perché la riforma del Senato sarà comunque sottoposta a referendum: dunque saranno i cittadini ad avere l’ultima parola mentre adesso si sta soltanto ricattando la maggioranza. Una risposta che tuttavia si scontra con la dura realtà delle votazioni parlamentari che si potrebbero protrarre per tutto agosto, con le incognite del caso. I renziani hanno provato a minacciare la crisi e il ritorno alle urne se non si troverà una via d’uscita, ma anche questa è un’arma a doppio taglio: infatti la decisione spetterebbe comunque a Napolitano e dimostrerebbe quella carenza negoziale che viene spesso rimproverata al Rottamatore. Il pericolo latente è quello di rafforzare le forze che remano contro la maggioranza, sia nel Pd che in Forza Italia: il disgelo tra Silvio Berlusconi e Raffaele Fitto, dopo una ”chiacchierata proficua”, non ha portato al premier nessuna nuova certezza. Il capo della fronda azzurra insiste che il nuovo centrodestra non potrà essere una formula tipo Unione prodiana, dovrà aggregarsi su contenuti politici ed economici. Ciò significa creare immediate difficoltà agli alfaniani e ai berlusconiani che puntano invece a superare la tempesta nei tempi medio-lunghi. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora