Venezia: alla Mostra tanta Francia, Usa e autori

Pubblicato il 24 luglio 2014 da redazione

ROMA. – La cosa che spicca di più agli occhi è l’ingombrante presenza dei francesi in concorso, ben quattro (senza contare le cinque coproduzioni). Un record che, scherzandoci su, potrebbe far pensare allo stretto legame che un piemontese come Alberto Barbera ha sicuramente con la vicina Francia. Ma di fatto la 71/a edizione della Mostra del cinema di Venezia (27 agosto-6 settembre), presentata oggi a Roma, mostra non solo una chiara vocazione transalpina, ma anche la presenza di tanti film Usa (quattro lungometraggi anche per loro) e, infine, una vocazione autorale sempre più spiccata rispetto alla ricerca del glamour. In tutto comunque saranno 55 i lungometraggi presenti al Lido, tra concorso fuori concorso e altre sezioni, firmati da grandi autori, esordienti e ultracentenari-cult come Manoel De Oliveira. Intanto da segnalare c’è BIRDMAN, film d’apertura del regista messicano Alejandro Inarritu (21 grammi). La storia di un attore (Michael Keaton) in crisi che, dopo aver interpretato un supereroe in un blockbuster campione di incassi al box office, si ritrova da solo, vittima del suo carattere burbero e scontroso e con una carriera che punta verso l’oblio. Ci sarà poi THE CUT di Fatih Akin, terzo atto di una trilogia sull’amore, la morte e il demonio insieme ai precedenti La sposa turca e Ai confini del paradiso. Il film esplora la malvagità dell’essere umano come il suo legame con la bontà. E ancora, sempre in concorso, un documentario (l’anno scorso, va ricordato, vinse appunto un docu italiano, Il Sacro GRA di Gianfranco Rosi) di Joshua Oppenheimer, autore di Act of killing che torna sui luoghi delle torture del regime indonesiano con questo suo THE LOOK OF SILENCE. C’è poi, per la prima volta in concorso, un film di Shinya Tsukamoto, FIRES ON THE PLAIN, sulle conseguenze della Seconda Guerra mondiale. Quattro i film francesi in concorso. Ed esattamente quello di Xavier Beauvois (LA RANCON DE LA GLORIE), LE DERNIER COUP DE MARTEAU di Alix Delaporte, LOIN DES HOMMES di David Oelhoffen con Viggo Mortensen e, infine, il film di Benoit Jacquot 3 COEURS su cui punta molto Barbera. E’ ambientato in una notte di provincia dove Marc incontra Sylvie dopo aver perso il treno e con lei vaga tutta la notte. Ma qualcosa di irreversibile accade tra i due che si lega alla più bizzarra delle coincidenze. Altro film dal quale potrebbero venire sorprese è quello del regista svedese Roy Anderson, dal lungo titolo A PIGEON SAT ON A BRANCH REFLECTING ON EXISTENCE. Di scene due uomini, un venditore e un ritardato mentale, che affrontano insieme un viaggio fatto di riflessioni e incontri e che riflette una visione tragicomica della società contemporanea. C’è poi un film Usa sulla crisi immobiliare, 99 HOMES di Ramin Baharani. Siamo a Orlando, Florida. Dennis, padre di famiglia sfrattato dalla sua casa da un agente immobiliare che lavora per le banche, si ritrova a lavorare dall’altra parte della barricata. Dalla Turchia arriva SIVAS di Kaan Mujdeci. Di scena i combattimenti tra cani e un ragazzino che non può fare a meno di affezionarsi e prendersi cura del suo, trasformandolo da perdente in campione. C’è poi la guerra, uno dei temi forti di questa edizione, di GOOD KILL, ovvero l’uso dei droni militari in un film Usa firmato da Andrew Niccol e due film poi con protagonista Al Pacino (che sarà presente al Lido), quello di David Gordon Green MANGLEHORN e quello fuori concorso THE HUMBLING di Barry Levinson. Tra gli eventi l’ultimo film di Manoel de Oliveira che a 105 anni ha messo mano a THE OLD MAN OF BELEM; l’ultimo lavoro di James Franco THE SOUNDS AND THE FURY e, su tutti, il ritorno sul grande schermo di Peter Bogdanovic con SHE’S FUNNY THAT WAY, la storia di una prostituta divenuta attrice a Broadway che sconvolge la vita di tutti gli uomini che incontra. (di Francesco Gallo/ANSA)

Ultima ora

17:10Giappone-Vietnam: Akihito, primo imperatore in visita Hanoi

(ANSA) - HANOI, 28 FEB - L'imperatore del Giappone Akihito e' da oggi a Hanoi per una "storica" visita che prevede incontri con le famiglie di soldati giapponesi rimasti nel paese del sud est asiatico dopo la fine della seconda guerra mondiale. Akihito, che ha 83 anni e che ha di recente annunciato l'intenzione di abdicare nel 2019, è il primo imperatore del Giappone a visitare il Vietnam. Ad accogliere all'aeroporto l'imperatore e la moglie Michiko e' stato il vice presidente Dang Thi Ngoc Thinh mentre domani l'imperatore incontrerà il presidente Tran Dai Quang. La visita e' l'ultima in una serie tesa ricucire ferite aperte nell'ultimo conflitto mondiale. "La speranza e' che questa visita contribuisca all'ulteriore sviluppo della comprensione reciproca e dell'amicizia tra i nostri Paesi", ha detto Akihito lasciando Tokyo.

17:07Francia: manifestazioni per Théo, ferita leggermente preside

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - La preside di un liceo parigino è stata ferita leggermente questa mattina mentre alcuni studenti tentavano di organizzare un picchetto davanti alla scuola nell'ambito delle manifestazioni in sostegno di Théo, il ragazzo di 22 anni che ha denunciato un'aggressione violenta con stupro da parte di 4 poliziotti durante un fermo. La polizia è intervenuta subito per impedire il picchetto e la tensione è salita. C'é stato un lancio di oggetti e uno di questi ha colpito la preside che si trovava davanti l'entrata del liceo. E' stato necessario qualche punto di sutura per la ferita comunque non seria. Il picchetto non è quindi stato attuato ma la situazione in alcune scuole di Parigi e della sua periferia resta tesa da giorni. Oggi l'entrata di una decina di licei era bloccata.

17:04Francia: inaugurata linea ad alta velocità Parigi-Bordeaux

(ANSA) - PARIGI, 28 FEB - Il presidente francese, Francois Hollande, inaugura oggi la nuova linea ferroviaria ad alta velocità Parigi-Tours-Bordeaux. Un cantiere gigantesco costato 8 miliardi di euro. "Questa prima inaugurazione della linea è un evento di estrema importanza", ha detto il presidente delle ferrovie francesi (Sncf), Guillaume Pépy, intervistato da France Info. La nuova linea aprirà al pubblico il 2 luglio prossimo e permetterà di raggiungere Bordeaux da Parigi in solo 2 ore (contro 3h30). "E' un vero cambio di geografia (...) E' come se il nostro Paese si fosse in qualche modo ristretto", aggiunge Pépy. La linea ad alta velocità per il sud-ovest consentirà, tra l'altro, di collegare Parigi e Tolosa in 4 ore e 9 minuti (contro le 5h25 attuali).

17:03Libano: media, scontri armati in campo profughi, vittime

(ANSAmed) - BEIRUT, 28 FEB - E' di almeno un morto e diversi feriti il bilancio di scontri armati tra fazioni rivali del più affollato campo profughi palestinese in Libano, secondo media libanesi. Altri media riferiscono di quattro feriti, tra cui un bambino, gravemente ferito alla testa. Gli scontri sono scoppiati oggi nell'agglomerato di Ayn al Hilwe, alla periferia di Sidone, 40 km a sud di Beirut, tra miliziani di Fatah, il partito del presidente Abu Mazen, e un'insieme di sigle estremiste. Il campo di Ayn al Hilwe ospita oltre 80mila persone tra palestinesi, siriani e immigrati di varie nazionalità. In Libano sono registrati presso l'Onu 450mila palestinesi ma stime locali riferiscono di un numero più alto.

16:54Calcio: Spalletti, derby con Lazio vale triplo

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Il derby vale triplo: per la partita, per l'accesso in finale, per ciò che significa per i tifosi. Non so come ci arriviamo, ma sappiamo come possiamo uscirne, dipende da noi. E vogliamo uscirne bene, quindi vincere". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, alla vigilia della semifinale di andata di Coppa Italia contro la Lazio. "La Lazio è costruita bene, l'unico dubbio mi sembrava fosse l'allenatore (Inzaghi, ndr) ma in questo periodo ha dimostrato di non essere il rincalzo di nessuno, può ambire a squadre di questo livello. Abbiamo di fronte un avversario forte", aggiunge prima di sottolineare che "fra Roma e Lazio c'è meno differenza rispetto a Juve e Torino. Sarà più equilibrato come derby". "Si confronteranno due squadre ad armi pari. Noi abbiamo probabilmente degli obiettivi ugualmente importanti oltre a questa partita. Loro danno molto peso a questa causa, vediamo come gestiranno la tensione - conclude Spalletti - Il derby in notturna è un'occasione da cogliere".

16:52Calcio: Inzaghi, ho un gruppo forte e compatto

(ANSA) - ROMA, 28 FEB - "Ho molto rispetto per la Roma, il suo tecnico e il gran gioco che fa; sono favoriti, ma io ho grandissima fiducia in me stesso, nel mio staff e soprattutto nei miei giocatori: ho un gruppo forte e compatto, non siamo in semifinale e a 50 punti in campionato per caso". Così l'allenatore della Lazio Simone Inzaghi, alla vigilia della semifinale d'andata di Coppa Italia. "Dovremo cercare di fare la nostra partita - continua Inzaghi - sapendo che stavolta bisognerà ragionare sui 180'. Nainggolan? Sta facendo cose straordinarie, ma sarebbe sbagliato pensare solo a lui. L'unica cosa che chiedo ai miei è l'approccio: in una partita del genere non si può sbagliare". Finora, sono stati venduti poco più di 20mila tagliandi. "Dispiace - ammette Inzaghi - ma se penso che alla mia prima partita lo scorso anno, in casa con l'Empoli, c'erano 10mila spettatori e poi nel derby di campionato 40mila, è stato un grande passo. Con i tifosi ci sentiamo una cosa sola, domani giochiamo in casa e vogliamo che ci siano vicini".

16:50Mose: Corte Conti, a Cuccioletta multa da 2,7 mln euro

(ANSA) - VENEZIA, 28 FEB - L'ex presidente del Magistrato alle acque di Venezia Patrizio Cuccioletta è stato condannato, dalla Corte dei conti del Veneto, nell'ambito della vicenda Mose, a pagare 2.736.588 euro di multa per d'anno d'immagine e da disservizio. La sentenza è stata emessa oggi dal collegio presieduto dal Giudice contabile Guido Carlino e segue l'analogo provvedimento da 5,8 mln di ieri a carico dell'ex presidente del Veneto Giancarlo Galan. Cuccioletta dovrà pagare la cifra, secondo la sentenza, al Ministero dei trasporti e delle infrastrutture mentre dovrà pagare allo Stato poco meno di altri 5mila euro per le spese processuali. Cuccioletta davanti al Tribunale aveva scelto di patteggiare, il 17 ottobre 2014 davanti al Gup di Venezia Giuliana Galasso con il benestare della Procura veneziana, una pena di due anni e una multa di 700mila euro. Il provvedimento è stato emesso nell'ambito dell'inchiesta per lo scandalo dei fondi del Mose.

Archivio Ultima ora