Duello Renzi-Grillo su riforme. Leader M5S: golpe, si voti

Pubblicato il 25 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Quello in atto al Senato “si chiama colpo di Stato”. Persino “Mussolini ebbe più pudore: non lo chiamò ‘riforme'”. All’indomani della marcia al Colle dei suoi senatori, Beppe Grillo sfodera la potenza di fuoco del suo blog contro il governo e il Quirinale, per il contingentamento dei tempi di esame della riforma costituzionale. Il leader 5 Stelle torna a denunciare il colpo di Stato e chiedere le dimissioni di Giorgio Napolitano. Ma incassa una risposta beffarda di Matteo Renzi: “Caro Beppe, il tuo è un colpo di sole!”. Nessun autoritarismo, ribadisce il premier: sulle riforme “faremo un referendum”, le opposizioni forse ne “hanno paura?”. E’ una giornata di pausa dal ddl costituzionale, per l’Aula di Palazzo Madama. Dopo la decisione della capigruppo del Senato di contingentare i tempi per chiudere l’esame l’8 agosto, si riprenderà a votare la prossima settimana. Ma non accennano a placarsi gli animi e i toni dello scontro politico. “Lo spettacolo offerto – si rammarica Pietro Grasso – mi ha molto addolorato e, in alcuni momenti, indignato”. Le critiche ricevute negli ultimi giorni per la gestione dell’Aula, assicura il presidente del Senato, “non intaccano” la sua “imparzialità” e il “ruolo di garante sia della maggioranza che delle opposizioni”. Ma è giunto il momento di abbandonare le “provocazioni” e ricercare il “confronto”. L’augurio di Grasso è che la “pausa di riflessione” del fine settimana possa aiutare a “tornare alla politica” alla ricerca di “soluzioni condivise”. E dal governo confermano che resta la disponibilità a concordare con tutti i partiti alcuni “ritocchi” al testo che possano aiutare a rasserenare il clima, in vista delle centinaia di votazioni, alcune delle quali con voto segreto, che scandiranno le prossime due settimane. Intanto però le opposizioni fanno suonare un campanello d’allarme al momento del voto di fiducia sul dl competitività, che si svolge nel pomeriggio a Palazzo Madama: i sì sono 159 ma se non fosse per la presenza di ministri e sottosegretari (ben 11), non ci sarebbe stato il numero legale. Questo voto, con l’assenza dell’opposizione in Aula, è un chiaro avvertimento sulle riforme. Ma, assicurano dal governo, non scalfisce la convinzione di poter raggiungere l’obiettivo. La linea è quella tracciata da Renzi: si potrà ‘inciampare’ su qualche voto, ma ci sarà poi spazio per correggere alla Camera. Dunque avanti passo dopo passo, con attenzione ma decisione. Il premier non accetta, però, le accuse che gli vengono rivolte dalle opposizioni. “Noi autoritari facciamo così…”, scherza nel cortile di Palazzo Chigi, alla presentazione della nuova Jeep di casa Fca. Poi però su Twitter torna a rimettere a posto le cose e rimarcare la differenza da chi lo accusa. Mentre lui, ostentando ottimismo sull’andamento dell’economia nonostante dati non incoraggianti, lavora ai dossier scuola e infrastrutture, i ‘frenatori’, sottolinea Renzi, “urlano” contro le riforme e “si schierano” con chi difende i “privilegi” delle Camere. Sulle modifiche costituzionali il governo ha annunciato in ogni caso un referendum, ricorda il presidente. E allora “di cosa hanno paura le opposizioni? Del voto degli italiani?”, domanda. “Ci spieghi piuttosto come si fa” a fare il referendum, replica da Sel Nicola Fratoianni: “il solo annuncio non basta”. Anche Sel, però, prende le distanze dalle accuse mosse da Grillo al presidente della Repubblica. “Il regista di questo scempio è Napolitano che dovrebbe per pudore istituzionale dimettersi subito”, scrive Grillo. E invoca le elezioni anticipate: la minaccia dei renziani di andare al voto è, assicura, “una pistola scarica”, dal momento che il M5S “non ha paura di votare anche domani”. Ma di fronte ai toni battaglieri di Grillo, Renzi non si scompone. E ribalta l’accusa del “colpo di Stato” nell’accusa all’ex comico di aver preso “un colpo di sole”. Semmai il suo è un “colpo di P2”, replica a sua volta Grillo, puntando il dito contro il patto del Nazareno con il “pregiudicato” Berlusconi, che è anche “sulla giustizia”. A riequilibrare i toni e riaprire spiragli al dialogo c’è però ancora una volta Luigi Di Maio: Renzi “apra sui temi importanti come il Senato elettivo, l’immunità parlamentare, la riduzione dei deputati e dei loro stipendi e noi ci saremo”.  (di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora