Nuova missione Argentina a Ny, count down verso default

Pubblicato il 28 luglio 2014 da redazione

NEW YORK. – L’Argentina verso il secondo default in 13 anni. Le trattative sono in stallo e riprenderanno solo domani, a poche ore dalla scadenza del termine ultimo per il pagamento dei titolari di bond che hanno aderito al concambio. La delegazione del governo di Buenos Aires, dopo essere rientrata a New York a mani vuote venerdì, sarà domani negli Stati Uniti, dove incontrerà Daniel Pollack, il mediatore incaricato di facilitare un accordo fra l’Argentina e gli hedge fund, ma non i fondi speculativi con i quali Buenos Aires continua a rifiutare un confronto. Dopo un fine settimana di silenzio, Pollack è stato ”chiamato dal governo dell’Argentina” e messo al corrente che la delegazione di Buenos Aires partirà questa sera e domani sarà nel suo ufficio alle ore 11.00, ore 17 italiane. ”Ho ribadito l’urgenza per un confronto diretto, faccia a faccia con gli hedge fund ma non accadrà domani” afferma Pollack. Per l’Argentina è ormai una corsa contro il tempo: il 30 luglio scade il termine per il pagamento dei bond nei confronti di coloro che hanno accettato lo swap e nel caso in cui non sarà effettuato sarà default. Le autorità argentine invitano alla calma e ritengono che il paese non potrà fare default perché il pagamento è stato effettuato, i soldi sono in banca ma il giudice Thomas Griesa ha bloccato il loro trasferimento. Tecnicamente Buenos Aires si ritiene cosi’ al riparo ma si tratta di una teoria che difficilmente può essere ritenuta legalmente valida, con l’Argentina che ha terminato quasi tutte le armi giudiziarie dopo la decisione della Corte Suprema americana. L’unica che cercherà di usare è quella di chiedere nuovamente una sospensione della sentenza, in base alla quale deve pagare allo stesso tempo chi ha aderito al concambio e gli hedge fund che non lo hanno fatto. Una sentenza che l’Argentina ritiene impossibile attuare perché innescherebbe richieste di rimborsi per 500 miliardi di dollari. L’ipotesi di un default si fa così strada e gli economisti si interrogano su cosa accadrà dopo. Per ora a risentirne è solo la Borsa argentina, sotto pressione e i bond che calano. Secondo alcuni osservatori la situazione non sarà difficile come quella di 13 anni fa, quando il tasso di disoccupazione salì al 25%. L’economia argentina inoltre non è in uno stato di salute critico come nel 2001 e a questo si aggiunge il fatto che le ripercussioni sui mercati emergenti saranno più limitate, con il debito di Buenos Aires in mano a un ristretto gruppo di investitori, come gli hedge fund, abituati a sbalzi dei prezzi e volatilità. ”Non c’e’ timore di un ampio contagio. Molti investitori sanno che l’Argentina e’ un caso particolare e che la situazione non è indicativa di quello che succede nel resto della regione” afferma Siobhan Morden, analista di Jeffries. Uno dei possibili effetti di un default potrebbe essere la chiusura dei mercati di credito e l’aumento dei costi di finanziamento per le banche, le agenzie del governo e Ypf, il gruppo petrolifero statale.

Ultima ora

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

18:49Gerusalemme: Alfano, appello a moderazione nella regione

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Facciamo un appello alla moderazione a tutti gli attori della regione e confidiamo sia evitata una escalation violenza da cui nessuno trarrebbe beneficio". Così il ministro degli Esteri Angelino Alfano rispondendo in Aula alla Camera al question time sulla decisione Usa di trasferire l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme. Su Gerusalemme "il negoziato e la non violenza sono l'unica strada", ha ribadito Alfano: "La questione di Gerusalemme capitale deve essere discussa nell'ambito del negoziato sui due Stati". In questo contesto, "non sono messi in discussione i legami di amicizia con Israele", ha sottolineato il ministro, ricordando l'organizzazione della conferenza sull'antisemitismo prevista per gennaio a Roma durante la presidenza Osce.

Archivio Ultima ora