La giornata politica: Renzi ai ferri corti con Sel

Pubblicato il 29 luglio 2014 da redazione

ROMA.- Il fallimento del ”lodo Chiti”, la mediazione che avrebbe potuto sbloccare l’impasse delle riforme, apre per tutti scenari imprevedibili. Innanzitutto per il Pd che sembrava avere scommesso sulla proposta del dissidente democrat di rinviare il voto finale del Senato a settembre: Matteo Renzi era pronto ad incassare un colpo alla sua immagine di decisionista in cambio della certezza del varo in prima lettura della riforma sulla quale il governo ha posto una sorta di questione di fiducia. Ma qualcosa è andato storto. Sel infatti ha messo come condizione per sedersi al tavolo del negoziato, e ritirare gli emendamenti, che fossero cancellati i limiti determinati dal Patto del Nazareno. In altre parole ha tentato di incunearsi nell’asse Renzi-Berlusconi, una richiesta irricevibile per il premier e che lo ha spiazzato, sollevando anche dubbi sul ruolo dei ”pontieri” della minoranza democratica. Lo dimostra la durezza del contrattacco del sottosegretario Luca Lotti, uno dei fedelissimi del Rottamatore, secondo il quale Renzi ”ascolta gli italiani e non sette senatori di Sel”. Lotti si è spinto a mettere in discussione, a questo punto, le alleanze del Pd con i vendoliani nelle giunte locali e anche le future intese per le elezioni. Nichi Vendola ha risposto che il suo partito non si piega ai ricatti e che non sono certamente Berlusconi e Verdini i padri della Patria, una battuta dalla quale si deduce quanto il problema dei rapporti con Forza Italia sia ancora insuperabile a sinistra del Pd. Il pericolo tuttavia per il governo è un altro: la lentezza delle votazioni a palazzo Madama, in assenza di fatti nuovi, fa scivolare tutta la maggioranza nelle sabbie mobili dei veti incrociati e dei voti segreti. Per uscire dal guado potrebbe davvero essere necessario tenere inchiodati i senatori a palazzo Madama per tutto agosto, senza nessuna certezza di raggiungere il traguardo (finora ci sono state solo poche votazioni sulle migliaia previste). Ciò spiega perché abbia improvvisamente preso corpo lo spettro delle elezioni anticipate, la cui eco si avverte nelle parole del sottosegretario Lorenzo Guerini quando dice che la coalizione va avanti e ciascuno si dovrà prendere le proprie responsabilità davanti agli italiani. E’ vero che un ritorno alle urne si svolgerebbe nelle condizioni più favorevoli per i piccoli partiti perché – dopo la bocciatura del Porcellum – si voterebbe con il proporzionale puro e le preferenze, proprio come ai tempi della Prima Repubblica. Ma è anche vero che l’ ostruzionismo esasperato delle opposizioni suggerisce che il tentativo è di minare in tutti i modi il Patto del Nazareno, impedendo al tandem Renzi-Berlusconi di uscire dalle trincee in cui è stato ridotto. Serve una nuova strategia. Legata anche all’Italicum, la nuova legge elettorale che non piace nemmeno agli alfaniani e sulla quale il premier ha compiuto qualche timida apertura in merito alla preferenze. Da Forza Italia si fa sapere però che l’accordo non si tocca, ”i patti sono sacri” scrive il Mattinale (organo dei deputati azzurri). In retrospettiva si può osservare che la malattia del Cavaliere, che ha costretto a rinviare il summit con il premier, è giunta al momento giusto: Berlusconi, che certo non controlla più il partito come una volta, può attendere di vedere se invece Renzi ha il controllo totale del Pd. Una parola la dirà la Direzione democratica in calendario giovedì quando il segretario-premier dovrà indicare la via da seguire, verificare l’opinione dei suoi, studiare l’atteggiamento della minoranza che ha rischiato di finire strumentalizzata dalle opposizioni (Chiti è intervenuto in aula per dire che i dissidenti non hanno bisogno del voto segreto per essere tutelati, lo sono già dalla Costituzione). Si pone comunque la questione dei rapporti a sinistra e di come fronteggiare la protesta di piazza minacciata da Beppe Grillo il quale è pronto a far abbandonare il Parlamento ai suoi. Sebbene un Aventino a 5 stelle non piaccia ad una buona parte del movimento che vuole battagliare nelle aule parlamentari. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA).

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora