L’Unità, addio edicole da 1 agosto, Pd “lo riapriremo”

Pubblicato il 29 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Fine della corsa. Dal primo agosto L’Unità sospende le pubblicazioni: per la terza volta nella sua storia – e a 90 anni esatti dalla sua nascita – il quotidiano fondato da Antonio Gramsci lascia le edicole. Gli azionisti della Nie in liquidazione non hanno trovato l’intesa su nessuna delle ipotesi sul tavolo. “Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti: hanno ucciso L’Unità”, è l’affondo del cdr. “E’ sorprendente che il Pd non sia riuscito a trovare una soluzione”, è il j’accuse del direttore Luca Landò, che annuncia per domani “un numero speciale vuoto, in bianco”. Ma dal Pd Francesco Bonifazi replica: il partito “è impegnato al 100% per trovare una soluzione definitiva. Noi riapriremo L’Unità”. E il premier Renzi ritwitta le parole del tesoriere. I segnali arrivati dal Pd sono stati “un po’ ambigui: il riferimento all’Unità come brand conteneva l’indicazione di un interesse più al nome che al contenuto”, punta il dito Landò. E’ evidente il richiamo allo stesso Renzi che a giugno, all’assemblea del Pd, aveva parlato dell’opportunità di “tutelare il brand”, tornando a chiamare le feste del partito ‘feste dell’Unità’. “Se si voleva che L’Unità restasse in vita, c’era la possibilità di appoggiare la soluzione proposta da Fago, l’unica che garantiva un futuro al giornale e alla quale era favorevole anche la redazione”, insiste il direttore. Per Bonifazi, invece, la responsabilità è di chi ha gestito il giornale, in primis il “socio di maggioranza assoluta: gli azionisti “non hanno provveduto ad effettuare il finanziamento di 1,6 milioni di euro richiesto dai liquidatori per garantire la continuità della testata fino 30 settembre. Quindi per non far cessare l’attività era semplice: bastava che uno dei soci, magari anche chi tra loro aveva fatto un’offerta, versasse quanto richiesto. Ma nessuno ha provveduto”. In più, nessuna delle offerte “aveva un piano industriale né un piano editoriale, nessuna indicava un valore certo di acquisto della testata: un’azienda con 30 milioni di debiti non si salva con un affitto di 85mila euro al mese senza determinazione certa e garantita del valore d’acquisto della testata”. Lo strappo traumatico di oggi è il culmine di una crisi già evidente a inizio anno, aggravatasi negli ultimi tre mesi durante i quali gli 80 giornalisti e lavoratori non hanno percepito lo stipendio. Sul tavolo della Nie – si apprende – sono arrivate cinque lettere di interesse, di cui due definite ‘folkloristiche’, in quanto prive di dettagli credibili. A incontrare i favori della redazione era la proposta di Matteo Fago – socio di maggioranza della Nie e fondatore della nuova società Editoriale 90 – di affittare e poi, in una seconda fase – dopo la ristrutturazione dei conti entro sei mesi – acquistare il ramo d’azienda (cioè la testata, i giornalisti, i computer e tutto quello che serve a mandare in edicola il giornale). Una proposta giudicata però inadeguata dal Pd. L’assemblea dei soci ha scartato anche la proposta dell’imprenditore milanese Massimo Pessina – che si sarebbe fatto avanti per acquisire solo la testata – e quella di Daniela Santanché, la pasionaria del centrodestra, subito finita nel mirino del giornalisti in quanto considerata contraria alla storia politica del giornale. “I lavoratori agiranno in tutte le sedi per difendere i propri diritti”, annuncia il cdr. “Oggi è un giorno di lutto per la comunità dell’Unità, per i militanti delle feste, per i nostri lettori, per la democrazia. Noi continueremo a combattere guardandoci anche dal fuoco amico”. Accanto ai giornalisti la Fnsi, che auspica tutti gli sforzi possibili “per tentare il ritorno in edicola” e la Cgil, che con Susanna Camusso e gli ex segretari Cofferati, Epifani e Pizzinato chiede al Pd di mettere in campo “tutta la sua autorevolezza e il suo peso”. Appelli trasversali arrivano anche da Ncd e Sc, mentre #iostoconlunita è l’hashtag che rimbalza in rete, dove si moltiplicano i messaggi di solidarietà. Ma c’è anche chi scrive “finalmente”: una posizione probabilmente condivisa da Beppe Grillo, che nei suoi post ha ironizzato sulla possibile chiusura del giornale. (di Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

20:05Basket: su parquet Trieste spunta anello, “vuoi sposarmi?”

(ANSA) - TRIESTE, 26 MAR - L'anello con il brillante spunta alla fine della partita nella quale l'Alma Trieste ha battuto la prima in classifica della A2 di basket, la Virtus Bologna: il play-guardia Andrea Pecile lascia i compagni che stanno festeggiando la vittoria al centro del parquet e va verso la tribuna laterale. Sfila una scatolina che la mamma ha custodito in tribuna per tutta la partita e chiama la sua ragazza: l'ex giocatrice di basket e ora modella Giulia Fragiacomo si avvicina alle transenne e lui, porgendole l'astuccio, le chiede "Vuoi sposarmi?". Scoppiano le lacrime e gli applausi dei tifosi, il bacio di Giulia e il salto in braccio al play-guardia, ancora bagnato di sudore. E' la storia di amore nato sui parquet triestini (sia Giulia, sia Andrea sono triestini) e ufficializzata su un parquet di basket. "Ho coronato una giornata perfetta", è l'unico commento di Andrea al quale Giulia aggiunge, quasi lapidaria: "Era proprio così il sogno della mia vita. E' completamente pazzo ma questo lo sapevo già".

19:54Migranti: sindaco Ventimiglia, ‘chi vuol aiutare ha canali’

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 26 MAR - "Chi vuole aiutare ha i canali per farlo". Lo scrive sulla sua pagina Fb il sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano (Pd), criticato, anche dal vescovo, dopo che a causa di una sua ordinanza, tre francesi sono stati denunciati per aver dato cibo ai migranti senza autorizzazione. "La mia amministrazione si è sempre battuta per l'accoglienza, per il superamento dei confini e perché si costituissero dei corridoi umanitari europei affinché non si muoia sulle nostre autostrade o ferrovie. Siamo l'unica amministrazione che ha preteso che il campo gestito dalla Croce Rossa fosse aperto a chiunque senza bisogno di identificazione. Siamo stati gli unici a pretendere che le associazioni di volontariato partecipassero alla vita del campo". "Mai - scrive Ioculano - si è negato cibo a qualcuno". Il sindaco ricorda che la sua amministrazione "ha preteso un servizio di affiancamento giuridico per il riconoscimento dei diritti degli ospiti del campo"; e sottolinea che a Ventimiglia, dopo due anni di emergenza ci sono tre punti in cui si dà assistenza alle persone in transito". "Respingo una lettura ideologica di un'ordinanza quando sono stato il primo a contestare e condannare l'ipocrisia e il bieco populismo di amministratori locali e regionali che rifiutano ogni tipo di accoglienza", conclude il sindaco.

19:43Bulgaria: exit poll, conservatori in testa col 32,8%

(ANSAmed) - SOFIA, 26 MAR - Nelle politiche anticipate di oggi in Bulgaria il Partito conservatore Gerb dell'ex premier Boyko Borissov sarebbe in testa con il 32,8%, stando ai primi exit poll diffusi dalla tv pubblica Bnt alla chiusura dei seggi. Al Partito socialista (Bsp) di Kornelia Ninova andrebbe il 28,4% dei voti.

19:31Voto Saarland: Schulz, non è buona giornata per l’Spd

(ANSA) - BERLINO, 26 MAR - "Ci sono giorni buoni e meno buoni: non direi che quello di oggi appartiene a quelli buoni per l'Spd". Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi Martin Schulz, commentando il risultato delle elezioni nel Saarland, dove ha vinto la Cdu con 10 punti di vantaggio, secondo gli exit poll. "Sono un vecchio calciatore", ha aggiunto, "e i giorni meno buoni rappresentano una motivazione".

Archivio Ultima ora