L’Unità, addio edicole da 1 agosto, Pd “lo riapriremo”

Pubblicato il 29 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Fine della corsa. Dal primo agosto L’Unità sospende le pubblicazioni: per la terza volta nella sua storia – e a 90 anni esatti dalla sua nascita – il quotidiano fondato da Antonio Gramsci lascia le edicole. Gli azionisti della Nie in liquidazione non hanno trovato l’intesa su nessuna delle ipotesi sul tavolo. “Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti: hanno ucciso L’Unità”, è l’affondo del cdr. “E’ sorprendente che il Pd non sia riuscito a trovare una soluzione”, è il j’accuse del direttore Luca Landò, che annuncia per domani “un numero speciale vuoto, in bianco”. Ma dal Pd Francesco Bonifazi replica: il partito “è impegnato al 100% per trovare una soluzione definitiva. Noi riapriremo L’Unità”. E il premier Renzi ritwitta le parole del tesoriere. I segnali arrivati dal Pd sono stati “un po’ ambigui: il riferimento all’Unità come brand conteneva l’indicazione di un interesse più al nome che al contenuto”, punta il dito Landò. E’ evidente il richiamo allo stesso Renzi che a giugno, all’assemblea del Pd, aveva parlato dell’opportunità di “tutelare il brand”, tornando a chiamare le feste del partito ‘feste dell’Unità’. “Se si voleva che L’Unità restasse in vita, c’era la possibilità di appoggiare la soluzione proposta da Fago, l’unica che garantiva un futuro al giornale e alla quale era favorevole anche la redazione”, insiste il direttore. Per Bonifazi, invece, la responsabilità è di chi ha gestito il giornale, in primis il “socio di maggioranza assoluta: gli azionisti “non hanno provveduto ad effettuare il finanziamento di 1,6 milioni di euro richiesto dai liquidatori per garantire la continuità della testata fino 30 settembre. Quindi per non far cessare l’attività era semplice: bastava che uno dei soci, magari anche chi tra loro aveva fatto un’offerta, versasse quanto richiesto. Ma nessuno ha provveduto”. In più, nessuna delle offerte “aveva un piano industriale né un piano editoriale, nessuna indicava un valore certo di acquisto della testata: un’azienda con 30 milioni di debiti non si salva con un affitto di 85mila euro al mese senza determinazione certa e garantita del valore d’acquisto della testata”. Lo strappo traumatico di oggi è il culmine di una crisi già evidente a inizio anno, aggravatasi negli ultimi tre mesi durante i quali gli 80 giornalisti e lavoratori non hanno percepito lo stipendio. Sul tavolo della Nie – si apprende – sono arrivate cinque lettere di interesse, di cui due definite ‘folkloristiche’, in quanto prive di dettagli credibili. A incontrare i favori della redazione era la proposta di Matteo Fago – socio di maggioranza della Nie e fondatore della nuova società Editoriale 90 – di affittare e poi, in una seconda fase – dopo la ristrutturazione dei conti entro sei mesi – acquistare il ramo d’azienda (cioè la testata, i giornalisti, i computer e tutto quello che serve a mandare in edicola il giornale). Una proposta giudicata però inadeguata dal Pd. L’assemblea dei soci ha scartato anche la proposta dell’imprenditore milanese Massimo Pessina – che si sarebbe fatto avanti per acquisire solo la testata – e quella di Daniela Santanché, la pasionaria del centrodestra, subito finita nel mirino del giornalisti in quanto considerata contraria alla storia politica del giornale. “I lavoratori agiranno in tutte le sedi per difendere i propri diritti”, annuncia il cdr. “Oggi è un giorno di lutto per la comunità dell’Unità, per i militanti delle feste, per i nostri lettori, per la democrazia. Noi continueremo a combattere guardandoci anche dal fuoco amico”. Accanto ai giornalisti la Fnsi, che auspica tutti gli sforzi possibili “per tentare il ritorno in edicola” e la Cgil, che con Susanna Camusso e gli ex segretari Cofferati, Epifani e Pizzinato chiede al Pd di mettere in campo “tutta la sua autorevolezza e il suo peso”. Appelli trasversali arrivano anche da Ncd e Sc, mentre #iostoconlunita è l’hashtag che rimbalza in rete, dove si moltiplicano i messaggi di solidarietà. Ma c’è anche chi scrive “finalmente”: una posizione probabilmente condivisa da Beppe Grillo, che nei suoi post ha ironizzato sulla possibile chiusura del giornale. (di Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

16:27Calcio: Figc, Abodi fiducioso ‘posso vincere’

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Il pronostico si sta evolvendo di giorno in giorno. Sono fiducioso e sereno, ci sono tutte le possibilità di vincere nonostante i sondaggi". Così il candidato alla presidenza della Federcalcio Andrea Abodi, ospite di un videoforum su Repubblica Tv, a pochi giorni dal voto in assemblea (6/3). "Io ho ufficializzato la mia candidatura da pochi giorni ed era una candidatura che non si aspettava nessuno e che non mi aspettavo nemmeno io - spiega Abodi - perché è nata su presupposti che si sono manifestati in questi due anni e mezzo e che sono esplosi a novembre-dicembre. Ho il massimo rispetto nei confronti di Carlo Tavecchio, con il quale ho lavorato lealmente per due anni e mezzo, ma penso che il calcio abbia bisogno di un salto di qualità e di un cambiamento con delle motivazioni: è la cosa più importante che cercherò di spiegare alla gente e a chi voterà. Io ho parlato di una Figc più libera e trasparante e moderna ma quel 'più' è esemplificativo perché penso che la trasparenza non sia mai abbastanza".

16:11Siria: media, ucciso da drone leader Al Qaida

(ANSAmed) - BEIRUT, 27 FEB - Un leader di primo piano di Al Qaida, genero di Osama bin Laden, è stato ucciso in un attacco di un drone americano nel nord-ovest della Siria. Lo riferiscono fonti jihadiste citate oggi dal sito del Guardian. Il leader ucciso, Abu al Khayr al Masri, viaggiava su un'auto che è stata centrata da un missile lanciato dal drone. Non vi sono per ora conferme da parte statunitense.

16:10Tennis: classifica Atp, Lorenzi sale al n.38

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - Paolo Lorenzi si conferma numero uno del tennis italiano nella classifica Atp di questa settimana: il 35enne senese risale di un paio di gradini, al 38/o posto, e precede Fabio Fognini, che a sua volta guadagna tre posizioni ed è al numero 42. Alle loro spalle lieve passo indietro per Andreas Seppi, ora 73/o. Saldo al comando della classifica lo scozzese Andy Murray, alla 17/a settimana in vetta al ranking, ora con un vantaggio di 1805 punti sul serbo Novak Djokovic. Sul terzo gradino del podio Stan Wawrinka, avvicinato però dal canadese Milos Raonic, adesso a soli 115 punti dallo svizzero. Il francese Jo-Wilfried Tsonga guadagna quattro posizioni grazie alla vittoria del torneo di Marsiglia e si porta al numero 7. Scivolano quindi di una posizione il croato Marin Cilic, l'austriaco Dominic Thiem e lo svizzero Roger Federer.

16:09Calcio: Gabbiadini star, tifosi Napoli divisi

(ANSA) - NAPOLI, 27 FEB - In attesa del ritorno al gol delle punte dopo il digiuno contro l'Atalanta, i tifosi del Napoli si dividono su Manolo Gabbiadini. La doppietta di ieri al Manchester United nella finale di Coppa di Lega inglese ha riaperto il dibattito in città e sui social network sulla sua cessione, tra chi si schiera con Sarri nel non vederlo adatto al Napoli e chi lo rimpiange già. "Pavoletti e la cessione di Gabbiadini oltre al mancato utilizzo di Rog queste sono le colpe di Sarri per Adl. Ma le sue colpe? Higuain...", scrive un tifoso su Twitter, riportando la discussione sul dualismo tra il tecnico e il presidente. C'è chi fa notare anche la differenza di rendimento tra l'attaccante bergamasco e Pavoletti, preso dal Napoli a gennaio per sostituirlo: "Pavoletti 0 gol in 195' col Napoli, Gabbiadini 5 gol in 246' col Southampton, 1 gol ogni 49'", si legge in un altro tweet. Alla fine Elena mette d'accordo tutti, in dialetto napoletano: "Gabbiadini non era più cosa, stava male lui e noi a vederlo in campo".

15:57Antinori: da restituire 500 embrioni, cercasi mamma e papà

(ANSA) - MILANO, 27 FEB - Sono quasi 500 gli embrioni, un tempo custoditi alla Clinica Matris di Milano di Severino Antinori, che la Procura di Milano dovrà restituire alle coppie che ne hanno diritto dopo che il Riesame ha disposto il dissequestro nell'ambito dell'inchiesta in cui il ginecologo è accusato di aver 'rapinato' ovuli a una infermiera spagnola. In buon numero mamme e papà legittimi sono difficili da individuare in quanto gli embrioni sarebbero frutto di una fecondazione avvenuta non in base alla legge 40 ma tramite una presunta compravendita di ovociti. Sebbene il pm Maura Ripamonti abbia fatto ricorso per Cassazione contro la decisione del Riesame, poiché il dissequestro è immediatamente esecutivo, sta cercando di ricostruire chi siano i legittimi proprietari e di stabilire, non senza difficoltà per via dalle mancanza di una normativa, a chi vadano ridati gli ovuli fecondati nei casi in cui sarebbero frutto di un procedimento ritenuto illecito in quanto gli ovociti sarebbero stati pagati e non donati.

15:29Dj Fabo: Roccella, eutanasia non sia risposta a dolore

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Uniamo il nostro dolore a chi voleva bene a Dj Fabo. Aiutare a morire chi, per disperazione, malattia, o qualunque altro motivo, voglia porre fine alla propria vita, vuol dire costruire una società da cui fratellanza e solidarietà sono escluse". Lo afferma Eugenia Roccella, parlamentare di Idea. "L'angoscia e la solitudine - continua - sono sentimenti che non si possono eliminare dall'esistenza, ma solo affrontare, stringendosi nell'amore e nella solidarietà. Se la risposta al dolore umano diventa il suicidio assistito - conclude Roccella -, ogni forma di disperazione potrà essere risolta con l'eutanasia: la morte di un figlio è un dolore meno atroce della tetraplegia? La depressione profonda è meno grave della cecità?".

15:27Migranti:Sap denuncia,Ufficio stranieri Cagliari al collasso

(ANSA) - CAGLIARI, 27 FEB - Lavori di ampliamento dell'Ufficio immigrazione della Questura in via Venturi a Cagliari bloccati e sede del Commissariato di Quartu con spazi angusti e non idonei ad ospitare gli agenti. Lo denuncia il segretario provinciale del Sap Luca Agati, che questa mattina ha accompagnato il deputato Bruno Murgia e il consigliere regionale Paolo Truzzu di Fratelli d'Italia a visitare le due strutture della Polizia. "Nonostante gli appelli e le pubbliche denunce, i lavori per sistemare l'Ufficio immigrazione sono fermi - attacca il sindacalista - Era fondamentale che avvenissero nel periodo invernale, quando le attività legate agli stranieri sono certamente meno frenetiche. Invece rischiamo che il tutto avvenga d'estate, proprio ciò che volevamo evitare per non creare ulteriori disagi ai colleghi". E non basta. "L'archivio scoppia con fascicoli in terra per sfruttare tutto lo spazio possibile - denuncia Agati - lo sportello non garantisce standard di efficienza per esiguità di spazi, costringendo i colleghi a ricevere gli stranieri a una finestra sfruttata come sportello". La visita è poi proseguita al Commissariato di Quartu, "altra struttura non idonea ad ospitare un ufficio di Polizia - ribadisce il segretario del Sap - Spazi angusti, uffici che ricevono il pubblico che non garantiscono alcuna privacy. Anche qui il progetto di uno spostamento in un locale più idoneo esiste ma la burocrazia rallenta, se non blocca, le pratiche. Se a questo si aggiunge la cronica carenza di personale, la situazione rischia di diventare esplosiva".(ANSA).

Archivio Ultima ora