L’Unità, addio edicole da 1 agosto, Pd “lo riapriremo”

Pubblicato il 29 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Fine della corsa. Dal primo agosto L’Unità sospende le pubblicazioni: per la terza volta nella sua storia – e a 90 anni esatti dalla sua nascita – il quotidiano fondato da Antonio Gramsci lascia le edicole. Gli azionisti della Nie in liquidazione non hanno trovato l’intesa su nessuna delle ipotesi sul tavolo. “Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti: hanno ucciso L’Unità”, è l’affondo del cdr. “E’ sorprendente che il Pd non sia riuscito a trovare una soluzione”, è il j’accuse del direttore Luca Landò, che annuncia per domani “un numero speciale vuoto, in bianco”. Ma dal Pd Francesco Bonifazi replica: il partito “è impegnato al 100% per trovare una soluzione definitiva. Noi riapriremo L’Unità”. E il premier Renzi ritwitta le parole del tesoriere. I segnali arrivati dal Pd sono stati “un po’ ambigui: il riferimento all’Unità come brand conteneva l’indicazione di un interesse più al nome che al contenuto”, punta il dito Landò. E’ evidente il richiamo allo stesso Renzi che a giugno, all’assemblea del Pd, aveva parlato dell’opportunità di “tutelare il brand”, tornando a chiamare le feste del partito ‘feste dell’Unità’. “Se si voleva che L’Unità restasse in vita, c’era la possibilità di appoggiare la soluzione proposta da Fago, l’unica che garantiva un futuro al giornale e alla quale era favorevole anche la redazione”, insiste il direttore. Per Bonifazi, invece, la responsabilità è di chi ha gestito il giornale, in primis il “socio di maggioranza assoluta: gli azionisti “non hanno provveduto ad effettuare il finanziamento di 1,6 milioni di euro richiesto dai liquidatori per garantire la continuità della testata fino 30 settembre. Quindi per non far cessare l’attività era semplice: bastava che uno dei soci, magari anche chi tra loro aveva fatto un’offerta, versasse quanto richiesto. Ma nessuno ha provveduto”. In più, nessuna delle offerte “aveva un piano industriale né un piano editoriale, nessuna indicava un valore certo di acquisto della testata: un’azienda con 30 milioni di debiti non si salva con un affitto di 85mila euro al mese senza determinazione certa e garantita del valore d’acquisto della testata”. Lo strappo traumatico di oggi è il culmine di una crisi già evidente a inizio anno, aggravatasi negli ultimi tre mesi durante i quali gli 80 giornalisti e lavoratori non hanno percepito lo stipendio. Sul tavolo della Nie – si apprende – sono arrivate cinque lettere di interesse, di cui due definite ‘folkloristiche’, in quanto prive di dettagli credibili. A incontrare i favori della redazione era la proposta di Matteo Fago – socio di maggioranza della Nie e fondatore della nuova società Editoriale 90 – di affittare e poi, in una seconda fase – dopo la ristrutturazione dei conti entro sei mesi – acquistare il ramo d’azienda (cioè la testata, i giornalisti, i computer e tutto quello che serve a mandare in edicola il giornale). Una proposta giudicata però inadeguata dal Pd. L’assemblea dei soci ha scartato anche la proposta dell’imprenditore milanese Massimo Pessina – che si sarebbe fatto avanti per acquisire solo la testata – e quella di Daniela Santanché, la pasionaria del centrodestra, subito finita nel mirino del giornalisti in quanto considerata contraria alla storia politica del giornale. “I lavoratori agiranno in tutte le sedi per difendere i propri diritti”, annuncia il cdr. “Oggi è un giorno di lutto per la comunità dell’Unità, per i militanti delle feste, per i nostri lettori, per la democrazia. Noi continueremo a combattere guardandoci anche dal fuoco amico”. Accanto ai giornalisti la Fnsi, che auspica tutti gli sforzi possibili “per tentare il ritorno in edicola” e la Cgil, che con Susanna Camusso e gli ex segretari Cofferati, Epifani e Pizzinato chiede al Pd di mettere in campo “tutta la sua autorevolezza e il suo peso”. Appelli trasversali arrivano anche da Ncd e Sc, mentre #iostoconlunita è l’hashtag che rimbalza in rete, dove si moltiplicano i messaggi di solidarietà. Ma c’è anche chi scrive “finalmente”: una posizione probabilmente condivisa da Beppe Grillo, che nei suoi post ha ironizzato sulla possibile chiusura del giornale. (di Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

15:47Siria: ong, raid Usa uccidono 318 civili in un mese

(ANSAmed) - BEIRUT, 24 GIU - I bombardamenti della Coalizione internazionale a guida americana in Siria hanno ucciso 318 civili, di cui 69 bambini e adolescenti, solo nell'ultimo mese, secondo quanto afferma l'Osservatorio nazionale siriano per i diritti umani (Ondus). Secondo l'ong, il numero delle vittime civili è in "spaventoso aumento" con l'intensificarsi dei raid americani a sostegno delle forze curde dell'Ypg, legate al Pkk turco, che stanno cercando di strappare la città di Raqqa all'Isis.

15:45Iraq: morta giornalista francese ferita a Mosul

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - La giornalista francese Véronique Robert, rimasta ferita a Mosul dopo l'esplosione di una mina lunedì scorso, è morta. Lo ha annunciato France Television. Anche un altro giornalista francese rimasto ferito quel giorno Stephan Villeneuve, non è sopravvissuto alle ferite.

15:45Moto: parte partnership Aprilia-Tribul

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - L'accordo fra Gruppo Piaggio e Tribul Networks LLC porterà alla promozione dell'innovativo programma Tribul | Mastercard© MotoGP™, attraverso la partnership con Aprilia Racing. La condivisione di valori quali passione, velocità, sicurezza e innovazione uniscono il progetto di Aprilia Racing e il fornitore di soluzioni di pagamento MotoGP™ - che utilizza avanzate tecnologie digitali per la massima sicurezza - in una collaborazione a lungo termine basata sull'eccellenza tecnologica. Aprilia Racing è stata scelta per la sua capacità di comunicare direttamente, ai fans della MotoGP™, la nuova soluzione di pagamento. Per promuovere il prodotto e i suoi vantaggi, il logo Tribul | Mastercard© sarà presente sulle carene delle Aprilia RS-GP portate in pista da Aleix Espargaró e Sam Lowes già dal weekend di Assen. I fan MotoGP™ che scelgono la carta Tribul | Mastercard© MotoGP™ avranno la possibilità di vincere numerosi premi, tra i quali l'esclusivo accesso VIP alle gare MotoGP™

15:42Terremoto: sindaco Castelsantangelo, sistema si è ingolfato

(ANSA) - CASTELSANTANGELO SUL NERA (MACERATA), 24 GIU - ''Sono appena tornato dal Friuli, sono andato a vedere come hanno ricostruito Gemona, Venzone e gli altri centri distrutti dal sisma del 1976, e mi sono ulteriormente convinto che un modello articolato per fasce di danneggiamento (tre in Friuli, due nel terremoto delle Marche del 1997) sia quello giusto''. Mauro Falcucci, sindaco di Castelsantangelo sul Nera (Macerata), dove oggi c'è stata una nuova scossa di magnitudo 3.5, invoca una revisione totale del sistema, ''ormai ingolfato'', adottato dal Governo per la gestione del post terremoto nell'Italia centrale. ''Trattare i 131 comuni del cratere sismico tutti allo stesso modo, con identiche procedure per lo sgombero delle macerie, gli appalti per l'urbanizzazione delle aree destinate alle casette ecc. è un errore clamoroso. E ormai - dice Falcucci - l'hanno capito tutti tranne i 'decisori' politici''.

15:37Scossa terremoto 3.5 a Castelsantangelo sul Nera

(ANSA) - CASTELSANTANGELO SUL NERA (MACERATA), 24 GIU - ''Ha fatto forse qualche danno a cornicioni già pericolanti, ma non alle persone, perché in paese non c'è più nessuno'' il sisma di magnitudo 3.5 registrato alle 10:30 con epicentro a Castelsantangelo sul Nera (Macerata), come racconta all'ANSA il sindaco Mauro Falcucci. ''Una nuova 'botta' - aggiunge - che dimostra che questo terremoto non accenna a finire. Il sisma continua, e i problemi sono tutti lì sul tappeto''. Gli altri comuni vicini all'epicentro sono Visso e Ussita, nel Maceratese, e Preci (Perugia).

15:35Bimba cade da finestra e muore,era su letto col fratellino

(ANSA) - FERRARA, 24 GIU - Un gioco tra bimbi finito in tragedia: sarebbe questo lo scenario costato la vita a una bimba di tre mesi e mezzo, caduta ieri da una finestra al secondo piano dell'appartamento dove viveva con la famiglia, di origine pakistana, nel centro di Cento (Ferrara). Inutile l'intervento del 118 e dell'eliambulanza. Il fratellino, di circa 4 anni, e un cugino quasi coetaneo nel pomeriggio giocavano sul letto, situato proprio vicino alla finestra, dov'era anche la bimba, quando la piccina è finita sul davanzale ed è poi caduta. In casa c'erano la madre, che si era allontanata per fare una doccia, e la zia, che stava allattando in un'altra stanza. Padre e zio erano invece al lavoro. Questa la ricostruzione al vaglio dei carabinieri, coordinati dal pm Giuseppe Tittaferrante, che ha aperto un'inchiesta per abbandono di minore. I militari hanno ascoltato a lungo la madre, disperata, con l'aiuto di un interprete. Le indagini avevano escluso fin da subito l'ipotesi di una causa violenta del decesso. (ANSA).

15:27Calcio: il Lille al Trofeo Bortolotti

(ANSA) - BERGAMO, 24 GIU - Manca solo l'ufficialità, che arriverà contestualmente alla definizione completa del programma precampionato, ma sarà il Lille di Hector Bielsa ad affrontare l'Atalanta mercoledì 26 luglio a Bergamo in prima serata per il trofeo dedicato alla memoria degli ex presidenti Achille e Cesare Bortolotti. I francesi anticiperanno gli altri due impegni internazionali dei nerazzurri di Gian Piero Gasperini: il primo agosto ad Altach in Austria contro il Borussia Dortmund e l'11 dello stesso mese a Valencia. Il ritiro a Rovetta in Valseriana dovrebbe iniziare il 9 luglio, mentre il saluto ai tifosi allo stadio "Atleti Azzurri d'Italia" potrebbe slittare alla domenica successiva.

Archivio Ultima ora