L’Unità, addio edicole da 1 agosto, Pd “lo riapriremo”

Pubblicato il 29 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Fine della corsa. Dal primo agosto L’Unità sospende le pubblicazioni: per la terza volta nella sua storia – e a 90 anni esatti dalla sua nascita – il quotidiano fondato da Antonio Gramsci lascia le edicole. Gli azionisti della Nie in liquidazione non hanno trovato l’intesa su nessuna delle ipotesi sul tavolo. “Dopo tre mesi di lotta, ci sono riusciti: hanno ucciso L’Unità”, è l’affondo del cdr. “E’ sorprendente che il Pd non sia riuscito a trovare una soluzione”, è il j’accuse del direttore Luca Landò, che annuncia per domani “un numero speciale vuoto, in bianco”. Ma dal Pd Francesco Bonifazi replica: il partito “è impegnato al 100% per trovare una soluzione definitiva. Noi riapriremo L’Unità”. E il premier Renzi ritwitta le parole del tesoriere. I segnali arrivati dal Pd sono stati “un po’ ambigui: il riferimento all’Unità come brand conteneva l’indicazione di un interesse più al nome che al contenuto”, punta il dito Landò. E’ evidente il richiamo allo stesso Renzi che a giugno, all’assemblea del Pd, aveva parlato dell’opportunità di “tutelare il brand”, tornando a chiamare le feste del partito ‘feste dell’Unità’. “Se si voleva che L’Unità restasse in vita, c’era la possibilità di appoggiare la soluzione proposta da Fago, l’unica che garantiva un futuro al giornale e alla quale era favorevole anche la redazione”, insiste il direttore. Per Bonifazi, invece, la responsabilità è di chi ha gestito il giornale, in primis il “socio di maggioranza assoluta: gli azionisti “non hanno provveduto ad effettuare il finanziamento di 1,6 milioni di euro richiesto dai liquidatori per garantire la continuità della testata fino 30 settembre. Quindi per non far cessare l’attività era semplice: bastava che uno dei soci, magari anche chi tra loro aveva fatto un’offerta, versasse quanto richiesto. Ma nessuno ha provveduto”. In più, nessuna delle offerte “aveva un piano industriale né un piano editoriale, nessuna indicava un valore certo di acquisto della testata: un’azienda con 30 milioni di debiti non si salva con un affitto di 85mila euro al mese senza determinazione certa e garantita del valore d’acquisto della testata”. Lo strappo traumatico di oggi è il culmine di una crisi già evidente a inizio anno, aggravatasi negli ultimi tre mesi durante i quali gli 80 giornalisti e lavoratori non hanno percepito lo stipendio. Sul tavolo della Nie – si apprende – sono arrivate cinque lettere di interesse, di cui due definite ‘folkloristiche’, in quanto prive di dettagli credibili. A incontrare i favori della redazione era la proposta di Matteo Fago – socio di maggioranza della Nie e fondatore della nuova società Editoriale 90 – di affittare e poi, in una seconda fase – dopo la ristrutturazione dei conti entro sei mesi – acquistare il ramo d’azienda (cioè la testata, i giornalisti, i computer e tutto quello che serve a mandare in edicola il giornale). Una proposta giudicata però inadeguata dal Pd. L’assemblea dei soci ha scartato anche la proposta dell’imprenditore milanese Massimo Pessina – che si sarebbe fatto avanti per acquisire solo la testata – e quella di Daniela Santanché, la pasionaria del centrodestra, subito finita nel mirino del giornalisti in quanto considerata contraria alla storia politica del giornale. “I lavoratori agiranno in tutte le sedi per difendere i propri diritti”, annuncia il cdr. “Oggi è un giorno di lutto per la comunità dell’Unità, per i militanti delle feste, per i nostri lettori, per la democrazia. Noi continueremo a combattere guardandoci anche dal fuoco amico”. Accanto ai giornalisti la Fnsi, che auspica tutti gli sforzi possibili “per tentare il ritorno in edicola” e la Cgil, che con Susanna Camusso e gli ex segretari Cofferati, Epifani e Pizzinato chiede al Pd di mettere in campo “tutta la sua autorevolezza e il suo peso”. Appelli trasversali arrivano anche da Ncd e Sc, mentre #iostoconlunita è l’hashtag che rimbalza in rete, dove si moltiplicano i messaggi di solidarietà. Ma c’è anche chi scrive “finalmente”: una posizione probabilmente condivisa da Beppe Grillo, che nei suoi post ha ironizzato sulla possibile chiusura del giornale. (di Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

16:08Grillo ironizza, problema libertà stampa? Colpa mia… (2)

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Oggi ho scoperto di essere io la causa del problema di libertà di stampa in Italia. Lo afferma il rapporto di Reporters Sans Frontieres appena pubblicato. Mi ha aperto gli occhi". Così Beppe Grillo dal suo blog: "La colpa è mia", ironizza. "Io pensavo che fosse perché i partiti politici con la lottizzazione si sono mangiati la Rai piazzando i loro uomini nel management e nei telegiornali e dicendo loro che cosa dire e che cosa non dire. Pensavo che fosse per i giornalisti cacciati dai programmi RAI o per le minacce del partito di governo a quelli che sono indipendenti, come Report. Pensavo che fosse perché in Italia non ci sono editori puri e metà delle tv generaliste le controlla il capo di Forza Italia e perché la tessera numero uno del Pd controlla il secondo giornale più diffuso in Italia. No, la colpa è mia", scrive Grillo.

16:06Calcio: dg Frosinone, gol dello Spezia viziato da fuorigioco

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Premesso che da parte del Frosinone c'è il "massimo rispetto" per lo Spezia, esiste però "una verità incontrovertibile: il gol reclamato al 18' del primo tempo della gara del Comunale, lunedì scorso, era viziato da un evidente fuorigioco del calciatore numero 10 dello Spezia, Piccolo". Il direttore generale del Frosinone, Ernesto Salvini, in una dichiarazione interviene così sulla polemica seguita al 2-0 con il quale il club ciociaro ha battuto quello ligure nell'ultimo turno di serie B. Lo Spezia aveva duramente reclamato per un gol "non visto" dall'arbitro Pinzani, decretando il silenzio stampa. "Il fotogramma ripreso dalle telecamere di Sky è infatti eloquente - prosegue Salvini -: sul tiro dell'attaccante dei liguri con la maglia numero 29, Granoche, il giocatore dello Spezia, Piccolo, è posizionato al fianco del portiere Bardi, prima della linea di porta. In posizione quindi di fuorigioco mentre il pallone rimbalza oltre la linea bianca".

15:58Ostia, prefetto: bando su bagnini deserto

(ANSA) - ROMA, 26 APR - "Il primo maggio si apre la stagione balneare, finalmente trasparenza e legalità e il giusto merito a chi ha lavorato. Il progetto riguarda tutto il lungomare, questa è una spiaggia aperta e importante senza muri che può essere riconsegnata a romani e gestita in modo appropriato. Veniamo qui a vedere il mare". Lo ha detto il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara che con la sindaca Virginia Raggi ha raggiunto il mare di Ostia. Il prefetto Vulpiani ha sottolineato che "abbiamo avuto un bando per bagnini che è andato deserto perché qualcuno ha voluto che non partecipassero a questo bando, in una città che è piena... Ma non ci facciamo intimidire, i bagnini li troveremo, li abbiamo trovati e stiamo già facendo un piano". Raggi ha aggiunto: "Vulpiani ha iniziato a farci vedere la relazione sul litorale. Stanno lavorando molto sugli stabilimenti e sulle spiagge libere, su cui nel corso del tempo evidentemente ci sono state gestioni poco chiare. Stiamo ripristinando la legalità".

15:57Pd: Emiliano, grande coalizione? Sì con M5s, no con Fi

(ANSA) - ROMA, 26 APR - Un governo di larga coalizione potrebbe essere ipotizzato con M5s e non con Forza Italia. Lo ha detto Michele Emiliano a Repubblica.Tv. Interpellato sulla prospettiva di un Governo di grande coalizione, Emiliano ha osservato: "Berlusconi è un'alternativa secca al Pd, M5s no". Quindi, è stato chiesto, lei sarebbe disponibili a questo tipo di governo con i pentastellati? "Non c'è dubbio - ha risposto - perché in M5s ci sono milioni di elettori che vengono dalla sinistra".

15:53E’ morto l’ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca

(ANSA) - BOLOGNA, 26 APR - E' morto l'ex sindaco di Bologna Giorgio Guazzaloca. Da tempo malato, aveva 73 anni ed era ricoverato all'ospedale Sant'Orsola. Era stato alla guida del capoluogo emiliano per un mandato, dal 1999 al 2004. Guazzaloca è stato il primo e unico sindaco di Bologna non espressione della sinistra di tutto il dopoguerra. Fu eletto nel 1999 quando, alla guida di una lista civica e con il sostegno dei partiti di centrodestra, riuscì nella storica impresa di vincere al ballottaggio contro Silvia Bartolini, candidata per la sinistra. Cinque anni dopo venne sconfitto da Sergio Cofferati.

15:53Reporters sans Frontieres, tra i problemi Italia c’è Grillo

(ANSA) - ROMA, 26 APR - In Italia "il livello di violenze contro i reporter (intimidazioni verbali o fisiche, provocazioni e minacce) è molto preoccupante, mentre alcuni responsabili politici - come Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle - non esitano a comunicare pubblicamente l'identità dei giornalisti che danno loro fastidio". E' uno dei problemi indicati da Reporters sans Frontieres nella sua classifica annuale sulla libertà di stampa, che vede comunque l'Italia guadagnare 25 posizioni, dal 77esimo al 52esimo posto.

15:51Calcio: Maurizio Sarri vince il Premio Bearzot

(ANSA) - ROMA, 26 APR - E' Maurizio Sarri il vincitore della settima edizione del Premio 'Enzo Bearzot', riconoscimento promosso dall'Unione Sportiva Acli con il patrocinio della Figc. Il tecnico del Napoli è stato scelto dalla giuria, riunitasi stamane presso la sede Nazionale delle Acli a Roma, presieduta dal numero uno della Federcalcio, Carlo Tavecchio, oltre che, in qualità di presidenti onorari, dall'ex presidente della Figc, Giancarlo Abete, e l'ex numero uno dell'Us Acli Marco Galdiolo. Nell'albo d'oro del prestigioso premio Sarri succede a Cesare Prandelli, Walter Mazzarri, Vincenzo Montella, Carlo Ancelotti, Massimiliano Allegri e Claudio Ranieri, quest'ultimo vincitore della passata edizione. La cerimonia di consegna si svolgerà al Salone d'Onore del Coni a Roma il 30 maggio alle ore 15 e sarà ripresa dalle telecamere della Rai e trasmessa lo stesso giorno alle ore 23 su Rai Sport HD.

Archivio Ultima ora