Altra strage migranti, 20 morti e un centinaio dispersi

Pubblicato il 30 luglio 2014 da redazione

CATANIA. – Nuova tragedia dell’immigrazione al largo della Libia: almeno 20 persone sono morte e un centinaio risulta disperso nel naufragio di un barcone al largo di Al Khums, a 100 chilometri a est di Tripoli. A fornire le cifre dell’ennesimo dramma dei ‘viaggi della speranza’ sono stati i migranti tratti in salvo dalla marina militare Libica, in tutto 22. Secondo la loro testimonianza erano tutti su un vecchio natante diretto in Italia, sul quale c’erano complessivamente circa 150 persone. Non è chiara ancora la dinamica dell’accaduto. Il naufragio potrebbe essere dovuto a uno spostamento improvviso dei ‘passeggeri’ o a un cedimento strutturale del natante.  La certezza è che i sopravvissuti “erano aggrappati ai resti della barca” e “una pattuglia della marina ne ha messo in salvo ventidue”, come ha spiegato il colonnello Kassem Ayoub, portavoce della marina libica, aggiungendo che “oltre venti corpi sono stati recuperati”. Secondo i migranti soccorsi, “a bordo dell’imbarcazione, diretta verso le coste italiane”, ha confermato l’ufficiale libico, c’erano “circa 150 persone, provenienti dall’Africa sub-sahariana”. I dispersi sarebbero quindi un centinaio, e nella zona della tragedia sono stati avviati soccorsi e ricerche di altri possibili sopravvissuti. Continuano intanto nel Canale di Sicilia le operazioni di soccorso e gli sbarchi in Italia: oltre ottocento sono i migranti arrivati oggi. A Porto Empedocle, nell’Agrigentino, a bordo del mercantile liberiano Perge, sono giunti 112 migranti.  A Pozzallo, nel Ragusano, su nave Vega della marina militare sono aprrodati 192 extracomunitari soccorsi al nord della Libia su due gommoni in difficoltà. Tra loro 25 donne, tre delle quali in stato di gravidanza e una quarta con un trauma alla gamba. Due donne sono state colte da malore durante il viaggio sulla Teesta Spirit, nave battente bandiera delle Bahamas che trasporta gas e petrolio, con a bordo 114 somali, diretti nel porto di Brindisi. In quello di Taranto, invece, approda nave Zeffiro con 404 migranti salvati nell’operazione ‘Mare nostrum’. Tra i profughi vi sono una donna incinta e quattro neonati. Infine sono arrivati nel porto di Roccella Ionica (Reggio Calabria) i 65 migranti di nazionalità siriana, tra cui nove donne, cinque bambini e un neonato, soccorsi dalla Guardia costiera a circa 120 miglia dallo Jonio reggino. Erano su una vecchia imbarcazione col motore in avaria partita dalla Turchia.

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora