La giornata politica: Riforme “costi quel che costi”

Pubblicato il 30 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Nella difficile partita a scacchi delle riforme, Matteo Renzi punta tutto sulla mossa del cavallo (che in termini parlamentari si traduce in quella del ”canguro”): scavalcare in pochi colpi la massa di emendamenti ostruzionistici dell’opposizione per approvare la riforma del Senato prima di Ferragosto. ”Costi quel che costi”. Tuttavia si tratta di vedere se la sua artiglieria riuscirà davvero ad inchiodare gli avversari alle loro posizioni. I trabocchetti sul cammino della maggioranza sono ancora molti e questa è una scommessa che il Rottamatore non può perdere: per dimostrare innanzitutto alle cancellerie occidentali – in vista dell’autunno caldo – che il governo fa sul serio e controlla le sue truppe; e poi per dare avvio alla ”fase due” che si muove su un doppio binario: discutere in Senato l’Italicum subito dopo l’estate, come preannunciato da Anna Finocchiaro, per offrire ai dissidenti la mediazione promessa, e avviare in concreto il ”programma dei mille giorni”. Per il momento la maggioranza allargata a Forza Italia ha retto all’urto del voto segreto. Il fatto che sul Senato non elettivo non abbia i due terzi dei voti significa poco: il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi ha già fatto sapere che il pacchetto delle riforme sarà comunque sottoposto a referendum. Più importante, per il premier, è la copertura a sinistra offerta dai fuoriusciti di Sel, capitanati da Gennaro Migliore, e gli spiragli di dialogo che i suoi continuano a lasciare aperti (al tavolo del negoziato ci si può ancora sedere, dice per esempio Andrea Marcucci). Nichi Vendola replica che la rottura del Pd comporterà serie conseguenze e chiede al Rottamatore di chiarire se l’alleanza con la destra è una scelta strategica della sua segreteria: ma l’impressione è che se le riforme saranno votate prima delle ferie, la sconfitta dovrà essere elaborata dai suoi. Non a caso Dario Stefano conferma la sua candidatura alla presidenza della Puglia e sostiene che i due piani, quelle delle modifiche istituzionali e quello della politica locale, devono rimanere distinti. Del resto è difficile immaginare che Vendola possa condividere la scelta del ”Parlamento in piazza” di Beppe Grillo. Significherebbe appiattire Sel sulle tattiche di un Movimento che contesta alla radice tutto il sistema. Anche all’interno dei 5 Stelle non sembra esserci l’unanimità sulla decisione di abbandonare le aule parlamentari: Grillo ha spiegato che non si tratterà di un Aventino perché i suoi saranno sempre pronti a tornare in aula quando necessario e Luigi Di Maio ancora spera in una trattativa sulla legge elettorale modello ”sindaco d’Italia” (primo turno con il proporzionale e secondo con ballottaggio tra i due partiti più votati). Si torna così, mano a mano che procedono le votazioni a palazzo Madama, al cuore politico dello scontro: l’Italicum. Renzi ha garantito che sarà modificato al Senato ed è la seconda volta che lo fa nel giro di pochi giorni. Assicurazioni che sembrano il frutto delle diplomazie di Pd e Fi al lavoro, sotto l’occhio attento del Quirinale, per trovare un punto d’equilibrio: si parla per esempio del ritorno alle preferenze di lista alla Camera con capilista bloccati e dell’abbassamento delle soglie. Il fatto che Maria Stella Gelmini, una delle donne più vicine al Cavaliere, si dica personalmente non contraria alle preferenze e dia atto al premier-segretario di aver fatto cadere a sinistra il muro dell’ antiberlusconismo, è un segnale del clima distensivo che si cerca di coltivare tra i due quartieri generali. Se Berlusconi voleva una prova della capacità di Renzi di tenere sotto controllo la situazione, non si può dire che non l’abbia avuta. La difficoltà è quella di incastonare nel Patto del Nazareno, che resta la bussola, il ruolo di Angelino Alfano: il Nuovo centrodestra è infatti decisivo per il sostegno del governo. Questo sarà il vero negoziato di cui il Cav non si vuole lasciare espropriare dal Pd. In attesa di capire come evolverà la situazione economica. Al netto delle critiche azzurre, che accusano premier e ministro dell’Economia di tenere coperti i conti pubblici, resta il nodo dei margini di manovra all’interno del fiscal compact. Renzi ha spiegato che l’Italia vigilerà perché Juncker passi dalle parole ai fatti sulla flessibilità e sui 300 miliardi di investimenti previsti per i prossimi mesi: dalle sue mosse dipenderà in gran parte la possibilità di scongiurare una manovra correttiva. (di Pierfrancesco Frerè/ANSA)

Ultima ora

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

17:03Donna incinta avvelenata: condanna a tre anni e sei mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 14 DIC - Tre anni e sei mesi per lesioni aggravate da premeditazione e uso di sostanza corrosiva. E' questa la pena a cui il Tribunale di Bologna ha condannato il 36enne dipendente pubblico che nel giugno del 2016 aveva avvelenato a Valsamoggia (Bologna) la compagna incinta alla 30/a settimana diluendo in una Coca Cola un detersivo per lavastoviglie. L'uomo è stato invece assolto da tentato procurato aborto perché il fatto non sussiste. "Siamo soddisfatti per l'assoluzione per il reato di tentato procurato aborto in accoglimento delle tesi difensive da sempre propugnate - hanno commentato gli avvocati Patrizio Orlandi e Simone Zambelli - Attendiamo le motivazioni della sentenza per le valutazioni circa l'impugnazione. Ora confidiamo che su questa triste vicenda cali al più presto l'oblio nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti". La donna dopo l'avvelenamento partorì. (ANSA).

Archivio Ultima ora