Alitalia vede più vicino l’atterraggio di Etihad

Pubblicato il 30 luglio 2014 da redazione

ROMA. – Risolto il nodo Poste, Alitalia vede più vicino l’atterraggio di Etihad. Tra stasera e domani la compagnia invierà ad Abu Dhabi la risposta alle richieste formulate ieri nella lettera-ultimatum del ceo James Hogan. Per sbloccare la situazione, dopo l’impasse dei giorni scorsi (per le condizioni di Poste che hanno fatto indispettire gli altri soci), è dovuto scendere in campo il Governo: la quadra è stata trovata nella soluzione della mid-co in cui Poste investirà 65-70 milioni; mentre l’aumento di capitale potrebbe salire fino a 300 milioni. Un nuovo cda dovrebbe essere convocato a breve, probabilmente venerdì, per varare il nuovo impegno, che dovrà passare anche al vaglio dell’assemblea: quindi la firma del pre-accordo non arriverà prima della prossima settimana. La bacchettata arrivata ieri da Hogan, che ha chiesto risposte sui nodi ancora aperti e ricordato la deadline del 31 luglio, ha spinto il Governo ad intervenire per tentare una mediazione in extremis. In mattinata è stato convocato un vertice a Palazzo Chigi: intorno allo stesso tavolo azienda, soci e banche (Caio di Poste, il cfo di Atlantia, e collegati in conference call Unicredit e Intesa) e, per l’esecutivo, il sottosegretario Graziano Delrio, il ministro dei trasporti Maurizio Lupi e per il Tesoro Fabrizio Pagani. Dopo circa un’ora e mezza la fumata bianca, riassunta così in una nota di Palazzo Chigi: “Si è trattato di un incontro proficuo, che consentirà in brevissimo tempo ad Alitalia di formulare una risposta all’ultima lettera di Etihad, in modo da giungere al più presto ad un esito positivo”. La soluzione trovata, che l’a.d. della compagnia, Gabriele Del Torchio, sta mettendo in queste ore nero su bianco nella risposta per Etihad, prevede: l’impegno di Poste ad investire 65-70 milioni nella mid-co, una società intermedia tra la old Alitalia e la nuova compagnia; inoltre, per far fronte alle esigenze di liquidità, l’aumento di capitale da 250 milioni varato venerdì scorso dovrebbe essere portato fino a 300 milioni. Poste si dice “soddisfatta”, soprattutto per il fatto che il Governo ha condiviso la propria posizione sulla mid-co e si augura che ora che si arrivi al più presto alla firma dell’accordo con Etihad, per poter mettere in pratica le sinergie già individuate nei giorni scorsi tra Hogan e Caio. Ora si tratta di capire se la soluzione della mid-co andrà bene anche ad Etihad. Non a caso, gli altri soci, secondo quanto si apprende da fonti finanziarie, si sarebbero detti d’accordo a procedere con la mid-co, ma chiedendo a Poste di impegnarsi, nel caso in cui per motivi fiscali o tecnici ad Etihad questa soluzione non dovesse andare bene, a tornare al vecchio schema, investendo quindi nella old company. In tutto questo, intanto, il nodo sindacale è passato in secondo piano. I sindacati al momento rimangono sulle loro posizioni (con la Uil che ribadisce la propria richiesta di spalmare i tagli al costo del lavoro su 12 mesi) e attendono una convocazione

Ultima ora

16:28Russia: 007, sventato piano attentati kamikaze durante feste

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - I servizi di sicurezza russi (FSB) hanno sgominato un gruppo terroristico composto da persone originarie dell'Asia centrale che pianificava attacchi suicida, nel corso del periodo festivo e nelle settimane precedenti alle elezioni presidenziali. Lo ha detto il direttore dell'FSB Alexander Bortnikov citato dalle agenzie russe.

16:26Calcio: Gattuso, quarti di coppa Italia un obbligo

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Le vittorie fanno lavorare meglio, ma la salita è ancora lunga". Rino Gattuso non si monta la testa dopo la prima vittoria alla guida del Milan, e cerca subito conferme negli ottavi di coppa Italia contro il Verona. "Abbiamo il dovere di passare questo turno", ha spiegato a Milan Tv l'allenatore rossonero, confermando che "il modulo con la difesa a quattro dà più garanzie" e indicando alcuni aspetti da migliorare Nei pensieri di Gattuso ancora non c'è spazio per l'avversario di Europa League, i bulgari del Ludogorets. "Febbraio è lontano: non ha grandissimo nome ma è una squadra forte, con dieci brasiliani", ha notato, parlando delle sensazioni che sta vivendo a Milanello da allenatore: "Sembra di non essere mai andato via, ma a volte mi fa specie pensare di stare nella stessa stanza di Carlo (Ancelotti, ndr) - ha sorriso l'ex mediano -. Non vado nell'ufficio del mister, mi piace stare giù con la squadra, mi piace lo spogliatoio".

16:25Alfano, la diplomazia economica vale l’1,4% del Pil

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "La diplomazia economica ha aiutato le nostre imprese nell'ottenimento di contratti e commesse contribuendo lo scorso anno in modo diretto o indiretto all'1,4% del Pil e ha sostenuto 307mila posti di lavoro". Lo ha detto il ministro degli esteri Angelino Alfano alla Farnesina dove è stato presentato il rapporto Prometeia sull'impatto economico di gare e contratti ottenuti all’estero da imprese italiane, che hanno beneficiato del sostegno della rete diplomatico consolare. Il ministro ha sottolineato che questa azione è fondamentale per la diplomazia nel suo insieme a differenza di anni fa, quando la diplomazia economica "era considerata quasi una diplomazia di serie B".

16:24Usa: aperti seggi in Alabama, è un test per il 2018

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Aperte le urne in Alabama dove si vota oggi per il seggio in Senato lasciato vacante dalla nomina di Jeff Sessions a ministro della Giustizia nell' amministrazione Trump. Voto considerato strategico e un test per le elezioni di metà mandato del 2018. In corsa il repubblicano Roy Moore, sostenuto dal nazionalista ex stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e dallo stesso presidente degli Stati Uniti, nonostante le polemiche per accuse verso di aver molestato minorenni nei decenni passati. Sul fronte democratico il candidato e' Doug Jones.

16:23Migranti:lettera Tusk per stop quote, sherpa Ue contro

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - A molti sherpa dei Paesi Ue non è piaciuta l'idea di mettere da parte il meccanismo di quote obbligatorie, per la ridistribuzione dei richiedenti asilo in situazioni di crisi, che hanno trovato nella nota del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. Il documento, indirizzato ai leader, è mirato ad orientare la discussione sui migranti al vertice di giovedì e venerdì. Alcuni Paesi, spiegano fonti diplomatiche, hanno chiesto che la lettera fosse riscritta.

16:16Politici spiati: pm, oltre 3,5 milioni mail carpite

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Oltre tre milioni e mezzo di mail carpite e seimila persone spiate dal 2004. Questi i numeri della nuova inchiesta a carico dei fratelli Giulio e Francesca Maria Occhionero, già a processo con l'accusa di aver avviato un'attività di cyber spionaggio su larga scala, ai quali adesso la Procura contesta anche l'accusa di spionaggio politico. I numeri dell'attività svolta dai due fratelli romani, sono stati resi noti oggi dal pm Eugenio Albamonte, nel corso dell'udienza del processo. I dati sono emersi dal lavoro svolto dagli specialisti Cnaipic che, grazie anche alla collaborazione dell'Fbi, sono riusciti a "sbloccare" i server americani dei due indagati e a ricostruire la rete creata su almeno 9 pc riconducibili agli Occhionero.

15:42Calcio: Gattuso, Donnarumma? Lo vedo sereno

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - "Ora non c'è alcun problema da parte mia, Fassone e Mirabelli parleranno se ci sono problemi". Così Rino Gattuso su Gigi Donnarumma, che ha inviato al Milan un documento in cui sostiene di aver subito pressioni psicologiche per firmare il contratto. "Io non tocco con mano problemi con Gigio, ci parlo ogni giorno, lo vedo tranquillo - ha detto il tecnico del Milan al canale tematico rossonero a Milan tv -. Non l'ho mai sentito dire che saranno le ultime partite. Sta là e gli brucia se non arrivano i risultati. Dopo Benevento era molto triste, il gol al 96' gli brucia".

Archivio Ultima ora