Onu contro Usa, arma Israele. Richiamati altri 16mila riservisti

Pubblicato il 31 luglio 2014 da redazione

TEL AVIV. – Israele per ora non si ferma nella sua operazione a Gaza. Almeno finché non avrà finito il lavoro di eliminare il pericolo dei tunnel dalla Striscia. Per questo ha annunciato il richiamo di altri 16.000 riservisti. Nella Striscia, al 23esimo giorno di guerra, la situazione registra un bilancio drammatico di 1.400 morti e oltre 8mila feriti. Ma non si fermano neanche i razzi su Israele, i colpi di mortaio da Gaza. In questo scenario, l’Alto Commissario Onu per i diritti umani Navi Pillay ha accusato oggi gli Usa di fornire “artiglieria pesante a Israele” con una spesa di “quasi un miliardo per creare una protezione contro i razzi a beneficio dei civili israeliani ma non di quelli palestinesi”. Poi ha detto che Hamas e Israele “commettono gravi violazioni dei diritti umani, che potrebbero costituire crimini contro l’umanità”. In particolare lo Stato ebraico, che “deliberatamente” viola il diritto internazionale. L’offensiva dell’Onu contro la guerra ha schierato anche una nuova riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza: “Israele, Hamas e gli altri gruppi – ha ammonito la responsabile per gli affari umanitari delle Nazioni Unite, Valerie Amos – devono rispettare gli obblighi derivanti dal diritto internazionale umanitario. Anche la guerra ha delle regole”. Israele – mentre i razzi sono tornati anche su Tel Aviv – ha respinto le accuse. “Hamas – ha detto il suo rappresentante alle Nazioni Unite Ron Prosor – è responsabile di crimini di guerra e usa i civili come scudi umani”. “Basta con questa idea di Hamas che combatte per la libertà”, ha aggiunto, ricordando che la fazione islamica “è un’organizzazione terroristica” e che “nessun soldato israeliano” spara “intenzionalmente sui civili”. Per questo – ha risposto da Gerusalemme il premier Benyamin Netanyahu nella seduta di governo – l’esercito va avanti per finire il lavoro e, “con o senza tregua”, continuerà a neutralizzare i tunnel. “Siamo determinati – ha proseguito – a proseguire nella nostra missione”. A giudicare dalle mosse sul campo – che hanno registrato una minore intensità di attacchi alla Striscia – l’esercito israeliano sembra stia avanzando, anche se di poco per ora, all’interno di Gaza: l’agenzia Maan ha riportato la morte di 5 palestinesi uccisi dal fuoco israeliano a Nusseirat e a Deir el-Balah, nel settore centrale della Striscia. L’esercito, che ha denunciato più volte l’uso di strutture civili da parte di Hamas, ha anche diffuso un filmato che mostra l’interno di una moschea di Gaza nel quale sono stati trovati vani con armi e due tunnel. La situazione umanitaria – come ha denunciato l’agenzia dei rifugiati dell’Onu, l’Unrwa – è catastrofica: i civili a Gaza “sono sull’orlo di un precipizio”, secondo il capo dell’organizzazione Pierre Krahenbuhl. Il presidente palestinese Abu Mazen ha informato il segretario generale Ban Ki-moon di aver dichiarato Gaza “area disastrata”, chiedendo la protezione delle Nazioni Unite. Gli sfollati nell’enclave – secondo dati forniti dal portavoce dell’agenzia su posto, Adnan Abu Hasna – sono 226mila nelle strutture dell’Unrwa. Ma cifre dell’Onu portano a circa 400.000 il numero complessivo e Amos ha sottolineato che “l’80% delle persone uccise finora sono civili, di cui 251 bambini”. La diplomazia – anche se al Cairo si continua a lavorare – sembra per ora essere impotente nel fermare la guerra. E la Casa Bianca, per bocca del portavoce Josh Earnest, ha definito “il bombardamento di edifici dell’Onu adibiti a rifugio totalmente inaccettabile e indifendibile”. “Non abbiamo alcun elemento che contraddica la versione sull’incidente fornita dalle Nazioni Unite”, ovvero che a sparare sia stato Israele, ha aggiunto. A spingersi ben più in là nell’attaccare lo Stato ebraico è stato il premier turco Erdogan, vicino a Hamas, che ha paragonato l’operazione militare israeliana a “quelle dei nazisti e di Hitler”: “Quanto avviene a Gaza richiamo lo spirito perverso del male di Hitler: è razzismo, è fascismo”, ha tuonato. Nonostante tutto questo, dall’India il segretario di Stato americano John Kerry, pur senza fare “promesse”, ha detto che “gli Usa conservano la speranza per un cessate il fuoco”. A restare ancora sul tavolo – dopo gli alti e bassi di questa settimana – sembra essere la proposta di mediazione egiziana, “l’unica carta da giocare”, l’ha definita il premier Matteo Renzi, che sabato arriva al Cairo per incontrare il presidente Sisi.  (Massimo Lomonaco/Ansa)

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora