Rocca compie 60 anni, “Kawasaki” continua a correre

Pubblicato il 01 agosto 2014 da redazione

ROMA. – Antonio Cabrini è arrivato dopo, Roberto Carlos e pendolino Cafù addirittura 20 anni più tardi. Ma a Roma negli anni ’70 avevano già visto qualcuno correre a perdifiato lungo la fascia, stravolgendo il ruolo del terzino e trasformandolo in un attaccante aggiunto: Francesco Rocca, 60 anni il 2 agosto, in quel ruolo è stato uno dei più forti dell’epoca, un atleta prima ancora che un semplice giocatore di pallone. Soprattutto un calciatore sfortunato. “La mia vita è cominciata in discesa, poi è diventata tutta una salita. Ho corso tanto ma è stata una bella cavalcata”, sintetizza alla vigilia del compleanno. Per tutti sarà sempre ‘Kawasaki’, appellativo coniato dagli Ultrà della Sud per quel suo modo di volare su e giù per il campo che tanto ricordava la moto simbolo di quegli anni. Figlio di un idraulico e di una casalinga, Rocca inizia a giocare nella parrocchia di S.Vito Romano, poi passa al Bettini Quadraro dove lo ‘pizzicarono’ gli osservatori della Roma del ‘Mago’ Herrera che a soli 18 anni lo fece debuttare nel torneo anglo-italiano Quel suo modo di giocare, di correre, di macinare chilometri sulla fascia – attaccava e difendeva con eguale disinvoltura – inebriò un po’ tutti, allenatore, compagni e tifosi ma anche Fulvio Bernardini, chiamato a ricostruire la Nazionale dalle macerie del 1974. Insomma, un fuoriclasse, uno dei migliori giocatori di sempre della storia della Roma che non a caso lo ha inserito nella sua Hall of Fame. Uno dei più amati, sicuramente uno dei più sfortunati. “Ma continuo a pensare che la vita è stata prodiga con me – dice oggi – E’ vero, ho convissuto col dolore ma tanta gente è stata più sfortunata di me. La vita mi ha riservato tante belle cose e tanti ostacoli, ho dovuto saltarli tutti. Nel dramma sportivo sono riuscito però a trasformare il dolore in un esempio per i giovani. Non era esasperazione la mia, solo non volevo che agli altri capitasse quello che era accaduto a me”. Pilastro della difesa della Roma con la quale esordì il 25 marzo 1973 a S.Siro (e “quello – confessa – resta il momento più bello della mia carriera da calciatore”), titolare in Nazionale, ‘Kawasaki’ ha davanti a sé una carriera luminosa. Ma il destino era lì ad aspettarlo, così come tanti ruvidi difensori avversari che cercavano di fermarlo in tutti i modi per non farlo arrivare fino in fondo. Come in quel Roma-Cesena del 10 ottobre 1976 che Rocca termina con il ginocchio gonfio. Ma c’è la Nazionale e i medici gli danno via libera. Tornato dal match azzurro, dopo pochi minuti di allenamento, i legamenti fanno crac. E’ l’inizio di un calvario che parla di due stagioni giocate a singhiozzo e di ben 5 operazioni al menisco e al ginocchio. Nell’ultima stagione colleziona solo 6 presenze, l’ultima il 26 marzo ’81 contro la Fiorentina. A fine partita il verdetto più amaro: basta calcio, tant’è che nella partita di addio contro il Porto Alegre il 29 agosto 1981, non giocherà più di 20 minuti. Quel destino crudele non ha scalfito ‘Kawasaki’ che ha reagito con durezza e disciplina; prima di tutto sempre rinnegando la sfortuna e ripetendo – ancora oggi – “di dover sempre, in fondo a tutto, ringraziare la vita”. Eppure è stato uno dei talenti più innovativi del calcio italiano, tanto che Nils Liedholm dopo la sconfitta in finale di Coppa Campioni del 1984 disse che se avesse avuto lui in campo molto probabilmente quella ‘maledetta’ partita avrebbe avuto un altro esito.  Terminata la carriera da calciatore, tutto l’entusiasmo che non aveva più potuto mettere in campo, Rocca ha provato a riversarlo sui ragazzi: “Cerco di trasferire loro le emozioni che vennero negare a me”, ripete oggi orgoglioso dei suoi 30 anni nei quadri tecnici della Federcalcio, “anche se sempre con contratto annuale”. E si prende anche qualche piccola soddisfazione come ct delle giovanili (4/0 posto ai Giochi di Seul con l’Olimpica, vicecampione d’Europa Under 19), sperando magari un giorno di “riprendere a far correre gli altri” seduto su qualche grande panchina. (di Sandro Verginelli/ANSA)

Ultima ora

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

Archivio Ultima ora