L’app del Gambero Rosso: I ristoranti italiani nel mondo

ROMA. – 365 ristoranti di circa 40 paesi nel mondo, selezionati tenendo conto del rispetto della nostra identità gastronomica, a partire dalla materia prima. Olio extravergine di oliva, pasta, formaggi e salumi tipici prima di ogni cosa. Sono loro i protagonisti dell’app “Ristoranti italiani nel mondo” lanciata a Roma da Gambero Rosso, che l’ha realizzata in collaborazione con il Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Per il lancio dell’app – disponibile in italiano e una in inglese –alla Città del gusto di Roma c’erano Raffaele Borriello, Capo della Segreteria Tecnica del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso, gli chef Heinz Beck, Annie Feolde e Alfonso Iaccarino e il Presidente ICE Riccardo Monti.

Le App, scaricabili gratuitamente dall’App store di Apple, presentano l’elenco dei ristoranti con la ricerca per nome e per città, la funzione near by, la mappa con la possibilità di calcolare l’itinerario, i dati anagrafici, il sito, la mail e il testo di valutazione a cura di Gambero Rosso.

La cucina italiana è un organismo vivo e in continua evoluzione. È quindi importante coglierne gli aspetti più originari in un dialogo con la tradizione capace di reinterpretazioni o riproduzioni fedeli. Con le differenze date dai casi specifici, dallo stile dei ristoranti e dai luoghi di adozione, l’App è una finestra aperta sulle migliori espressioni della nostra cultura gastronomica all’estero. Non solo locali di alta cucina, ma anche trattorie e pizzerie per una vera e propria mappatura di quel che accade nel mondo.

“L’eccellenza dei prodotti del nostro paese è nota in tutto il mondo”, ha commentato il presidente di Gambero Rosso Paolo Cuccia. “Il Gambero Rosso è sempre stato attento alla ricerca e alla valorizzazione del meglio dell’enogastronomia italiana contribuendo all’affermazione della migliore cucina e dei migliori vini valorizzando al tempo stesso tradizione e novità. Con questa App, vogliamo dimostrare ancora di più di saper cogliere le opportunità della multicanalità e dei nuovi media, e di vedere nel mobile e nelle sue diverse piattaforme un importante alleato per la diffusione del Made in Italy”.

Condividi: