Segnali di ritiro da Gaza. Ma Netanyahu, andiamo avanti

Pubblicato il 02 agosto 2014 da redazione

TEL AVIV. – Segnali di ritiro da Gaza. Sul campo le prime forze israeliane sembra stiano arretrando dall’interno della Striscia verso il confine, mentre altre già lo hanno varcato. Ma Benyamin Netanyahu ha assicurato stasera alla nazione che “l’esercito continuerà ad agire a tutta forza” a Gaza “fino al completamento della sua missione”. E che quelle stesse forze “saranno dislocate secondo le esigenze di sicurezza”. Nel 25esimo giorno di guerra a Gaza, il premier è apparso essersi lasciato le mani libere non confermando – ma neppure smentendo – le indiscrezioni di stampa secondo cui Israele avrebbe scelto di non trattare più un cessate il fuoco con Hamas, ma penserebbe ad un ritiro unilaterale dalla Striscia, una volta ripristinata la “deterrenza” nei confronti della fazione islamica. Una strategia – se questa sarà – in qualche modo avvalorata dal fatto che l’esercito si appresta a distruggere, come hanno rivelato fonti militari, entro 24 ore gli ultimi tunnel “conosciuti”. L’arretramento delle forze israeliane è stato confermato anche in serata da fonti locali e dal fatto che oggi l’esercito ha avvisato la popolazione di alcune zone del nord della Striscia che poteva rientrare nelle proprie case. L’accelerazione alla decisione israeliana – mentre al Cairo sono arrivate stasera le delegazioni palestinesi con in testa l’Autorità nazionale palestinese (Anp) per trattare sulla proposta di mediazione egiziana – sarebbe stata data ieri dal Gabinetto di sicurezza (durato cinque ore) convocato dal premier Benyamin Netanyahu sulle mosse da prendere dopo la notizia del possibile rapimento di un ufficiale di Tzahal. “Faremo di tutto per riportarlo a casa”, ha sottolineato oggi il premier, dopo che l’atto è stato condannato da tutta la comunità internazionale. Anche il premier italiano Matteo Renzi – in visita nella capitale egiziana dal presidente Al-Sisi – ha chiesto l’immediato rilascio del soldato israeliano confermando la scelta di pieno appoggio alla proposta di mediazione egiziana. Su un punto Netanyahu è stato anche più preciso: “Chiederemo – ha avvisato – che ogni ricostruzione e sviluppo di Gaza sia legata al disarmo di Hamas e alla smilitarizzazione della Striscia”. La strategia che Israele avrebbe intrapreso – e che comprende la scelta di non andare al Cairo per i negoziati con Hamas – è stata spiegata così ai media da un’alta fonte: “Se avvertiremo che la deterrenza è stata raggiunta lasceremo la Striscia in base al principio di ‘calma in cambio di calma’. Se ci accorgeremo invece che la deterrenza non è stata ancora raggiunta, continueremo l’azione a Gaza, oppure lasceremo il terreno affidandoci agli attacchi aerei”. Per Netanyahu la distruzione dei tunnel “colpisce il progetto strategico di Hamas che gli avrebbe consentito di rapire e uccidere molti cittadini israeliani”. Ma su un possibile ritiro unilaterale di Israele, Hamas ha fatto sapere di non sentirsi “impegnata”: il portavoce dell’organizzazione Sami Abu Zuhri ha sottolineato che Hamas “è pronta a continuare a combattere se necessario”, ma si regolerà a seconda di quello che succederà sul terreno. “Proseguiremo la nostra resistenza fino a quando i nostri obiettivi saranno raggiunti”, gli ha fatto eco Fawzi Barhum, negando che Israele abbia vinto sul campo. Anche oggi nella Striscia si è combattuto, seppur con minore intensità rispetto ai giorni passati, mentre i razzi da Gaza sono continuati a piovere nel sud di Israele ed anche su Tel Aviv, dove alle 6 locali sono risuonate le sirene di allarme e sono stati intercettati tre razzi dal sistema di difesa antimissili Iron Dome. I morti nella Striscia – dove la situazione umanitaria resta molto pesante – tra la notte scorsa e oggi sono arrivati, secondo i media palestinesi, a 78, con un totale complessivo di oltre 1600 vittime e 8000 feriti: “Per nove ore – hanno raccontato testimoni locali a Rafah – dalle sette di sera di venerdì alle sei di mattina di sabato dal cielo sono piovute le bombe di Israele. Un inferno”. (di Massimo Lomonaco/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora