Barman assalta la banca della Camera, ma non è una cosa seria

Pubblicato il 05 agosto 2014 da redazione

ROMA. – La filiale del Banco Di Napoli di Palazzo San Macuto, una blindatissima dependance della Camera, viene assaltata per la prima volta nella sua storia da un rapinatore solitario, un cameriere che lavora nel palazzo per una società che ha in appalto il bar interno. “Si è scatenata l’ira di Dio;l’Ispettorato della Polizia di Montecitorio, la scientifica, i carabinieri, e tutto per un poveraccio che conosciamo bene; uno che ha mille problemi e lavora alla caffetteria”, racconta un dipendente che chiede l’anonimato. Sono le 14 e la giornata della rapina alla banca di San Macuto, sede di delicati organismi bicamerali, è già finita. Visi tirati e bocche cucite nel Palazzo che fu sede del processo a Galileo Galilei e ospitò a lungo Santa Caterina da Siena. Al primo giorno di ferie un uomo di 38 anni, due figli e molti problemi economici, decide di sfruttare la diretta conoscenza del dedalo di porte, entrate e uscite del Palazzo dei Misteri che oggi ospita l’Antimafia e il Comitato per i servizi segreti. L’uomo lavora al bar interno; tutti lo conoscono bene. Serve tutti e tutti l’hanno davanti agli occhi ogni giorno. L’uomo, dicono le voci del Palazzo, ha debiti e un bambino molto piccolo; forse ad “aiutarlo” sono arrivati gli strozzini. L’uomo ha lavorato, come barista della società Milano 90, anche al ristorante che era all’ultimo piano del palazzo, il sesto, dove oggi ci sono gli appartamenti dei questori della Camera. Per portar su le derrate si usa un montacarichi che dà direttamente sulla strada, al numero 81 di via del Seminario, una ventina di metri prima dell’entrata principale. La succursale interna del Banco di Napoli è al piano terra, davanti alla Posta, a pochi passi dalla sala stampa. Il ‘nostro’ entra regolarmente poi nel corridoio si infila una maschera di carnevale da diavolo, entra in banca e minaccia la sbalordita dipendente con un temperino. Arraffa poco meno di 11mila euro. Il tutto dura meno di 3 minuti. Fuggendo getta per terra la maschera ma sono dei commessi e la stessa dipendente della banca a riconoscerlo. Invece di fuggire dalle due uscite controllate al piano terra il maldestro rapinatore prende l’ascensore al piano terra e sale al quinto piano, dove c’è la sede della commissione Antimafia, entra in un corridoio e sale di un piano passando per gli uffici del servizio tutela giuridica e arriva al montacarichi. Da lì scende e esce direttamente in strada. Un percorso che denuncia subito il carattere “interno” della rapina. Basta poco e la conferma arriva con i video delle telecamere: “Ma quello è….” dicono in tanti. Intanto il Palazzo è blindato; porte chiuse, controlli, sirene che si attivano perché il nostro ha violato anche una porta allarmata. Arriva mezzo mondo a San Macuto; polizia, carabinieri, uomini della sicurezza, commessi e funzionari della Camera. Il trentottenne aveva parcheggiato l’auto poco distante da San Macuto e poco dopo era già nel quartiere della Serpentara a Montesacro. Alla posta a fare un bonifico di 4 mila euro alla moglie con in tasca i 7mila rimanenti. Gli uomini dell’Ispettorato di Montecitorio lo fermano subito e la rapina che ha violato il Palazzo dei Misteri sembra la conclusione di un film di Totò o di Monicelli: “Non avrei mai voluto farlo, ma ero disperato. L’ho fatto perche’ non avevo i soldi per pagare le bollette”, dice mentre lo portano via. Se non fosse la Camera dei Deputati domani 10 righe in cronaca, ma il cameriere non ne ha azzeccata una. (di Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

13:16Camionista trovato legato e privo di sensi in cabina

(ANSA)- LENTATE SUL SEVESO (MONZA), 12 DIC - Legato e immobilizzato all'interno della cabina del suo mezzo, forse a scopo di rapina: così è stato trovato un camionista di 39 anni dagli operatori del 118, intervenuti su segnalazione di un passante, in una frazione di Lentate Sul Seveso (Monza). Durante il trasporto in ospedale a Desio (Monza), i soccorritori sono riusciti a rianimarlo. Non sarebbe in pericolo di vita. Proveniva da Reggio Calabria il camionista 39enne di origine indiana trovato legato e incosciente nella cabina del suo camion. L'uomo, che si era fermato in un'area di sosta, aveva i polsi legati con del nastro adesivo ma non aveva altri segni di violenza, quindi probabilmente è stato addormentato con del narcotico. Quando si è svegliato ha visto che non c'era più il rimorchio del camion. L'autista non ha saputo dire quale fosse il contenuto del carico.

13:16Incidenti ferroviari: due morti a Cesano Maderno

(ANSA)- CESANO MADERNO (MONZA), 12 DIC - Due persone - un uomo e una donna, entrambi pensionati - sono morte travolte da un treno regionale in transito, proveniente da Seveso (Monza) e diretto a Milano Bovisa, mentre stavano attraversando i binari a Cesano Maderno (Monza), intorno alle 10 di oggi. La dinamica dell'incidente ferroviario è ancora al vaglio della Polfer, che procede ai rilievi.

12:52Tennis: Itf Dubai, Errani al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Sara Errani si è qualificata per il secondo turno del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento) negli Emirati Arabi Uniti: la romagnola, numero 144 del ranking mondiale, ha superato per 6-2 6-1 la romena Alexandra Cadantu. Prossima avversaria di Sara la bielorussa Vera Lapko, numero 134 del ranking Wta ed ottava testa di serie del torneo.

12:45Trovato senzatetto semi carbonizzato in un appartamento

(ANSA) - GROSSETO, 12 DIC - Un ragazzo di circa 25 anni è stato trovato semi carbonizzato in un appartamento a Grosseto. Il giovane, un senzatetto, stando alla ricostruzione dei carabinieri, avrebbe accusato un malore e sarebbe morto asfissiato e bruciato dal fuoco che aveva acceso per scaldarsi. Gli amici hanno avvertito le forze dell'ordine la notte scorsa intorno all'una quando il 25enne non rispondeva dall'appartamento che aveva occupato abusivamente da qualche giorno. Sul posto anche il nucleo scientifico dei carabinieri.

12:34Maltempo: Enza rompe argini, evacuate mille persone

(ANSA) - BOLOGNA, 12 DIC - E' in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione. Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

12:29Sardo ucciso a Londra, ergastolo all’ex fidanzata bengalese

(ANSA) - NUORO, 12 DIC - E' stata condannata all'ergastolo Hasna Begum, la commessa di 25 anni originaria del Bangladesh, ritenuta responsabile dell'omicidio del nuorese Pietro Sanna, 24 anni, ucciso a coltellate nella sua casa di Londra il 23 giugno scorso. La giovane secondo i giudici londinesi avrebbe ucciso per gelosia dopo la fine della relazione con il 24enne di Nuoro. Una relazione durata un anno, ma poi dopo la separazione la giovane commessa avrebbe iniziato un'azione che i giudici londinesi definiscono di "stalking" nei confronti del giovane, che da alcuni anni lavorava a Londra come commesso e come deejay. Lo controllava attraverso i social, si era convinta che avesse una relazione con un'altra. Ed è a questo punto, secondo i giudici britannici, che sarebbe maturato il proposito di vendetta. Dopo aver indossato una parrucca bionda, lei scura di capelli, è arrivata con un taxi a casa di Pietro nel quartiere di Canning Town e lo avrebbe colpito con un coltellaccio da cucina con cui ha poi infierito con 36 colpi.

12:23Migranti: Amnesty, governi Ue complici torture in Libia

(ANSA) - BRUXELLES, 12 DIC - "I governi europei" ed "in particolare l'Italia" sono "consapevolmente complici delle torture e degli abusi su decine di migliaia di migranti detenuti dalla autorità libiche per l'immigrazione in orribili condizioni in Libia". Lo scrive Amnesty International in un rapporto. "Non solo non sono stati pienamente consapevoli di questi abusi ma, sostenendo le autorità libiche nel fermare le traversate e tenere la gente in Libia, sono stati complici di questi crimini" ha detto il direttore John Dalhuisen.

Archivio Ultima ora