Ucraina: infuria la battaglia a Donetsk. Sostegno Nato a Kiev

Pubblicato il 07 agosto 2014 da redazione

MOSCA. – Infuria la battaglia a Donetsk. E la guerra in Ucraina orientale si macchia del sangue di altri civili. I proiettili dell’artiglieria di Kiev hanno cominciato ad abbattersi sul centro della città trasformata dai miliziani separatisti nella loro roccaforte e uno di loro ha colpito un ospedale uccidendo almeno una persona e ferendone altre due. Intanto, mentre le truppe ucraine provano a stringere in una morsa Donetsk e Lugansk, resta altissima la tensione al confine con la Russia, accusata da Kiev e dai suoi alleati occidentali di armare i separatisti. La Nato teme che con la scusa di una “missione di pace” Mosca possa inviare le proprie truppe sul territorio ucraino, e nei giorni scorsi ha denunciato un “pericoloso” aumento dei soldati russi alla frontiera, che sarebbero ora 20.000, 8.000 in più che a metà luglio. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, a Kiev in visita ufficiale, non ha nascosto la sua preoccupazione per la situazione e ha esortato il Cremlino a “fare un passo indietro” e ad allontanare i propri militari dal confine evocando in caso contrario “sanzioni economiche ancora più profonde” di quelle varate a fine luglio da Ue e Usa, e a cui Mosca ha risposto con il congelamento per un anno delle importazioni di prodotti agricoli e alimentari dall’Occidente. Ma Rasmussen ha anche avvertito la Russia che l’Alleanza atlantica è pronta a rafforzare la propria assistenza all’Ucraina, che non è un Paese Nato ma potrebbe partecipare “a breve” a esercitazioni militari dell’Alleanza. E ha accusato Mosca di continuare a sostenere i separatisti con ancora maggiore intensità. Il conflitto ucraino è iniziato circa quattro mesi fa e, stando a dati Onu aggiornati a fine luglio, ha già fatto più di 1.100 morti. Le vittime tra i civili negli ultimi giorni sono almeno nove. Secondo le autorità comunali di Donetsk – teatro da alcuni giorni di aspri combattimenti soprattutto nella periferia sud-occidentale – i colpi di artiglieria abbattutisi nella notte sulla città hanno ucciso almeno tre persone. Mentre il consiglio comunale di Gorlivka, una cittadina anch’essa sulla linea di fuoco, denuncia che un proiettile d’artiglieria è esploso vicino a una fermata dell’autobus uccidendo altri cinque civili e ferendone dieci. L’ultimo bilancio delle perdite tra le fila dell’esercito ucraino risale invece a ieri: sette morti in 24 ore. E in seguito è arrivata la notizia di un caccia abbattuto dai miliziani, ma il pilota sarebbe riuscito a paracadutarsi in tempo. L’inasprirsi dei combattimenti ha costretto gli esperti internazionali a interrompere le ricerche nell’area in cui sono disseminati i frammenti del Boeing 777 abbattuto il 17 luglio uccidendo 298 persone. Il governo ucraino ha annunciato la fine del cessate il fuoco decretato la settimana scorsa nella zona (attorno alla cittadina di Torez) per permettere ai periti di indagare in condizioni di relativa sicurezza. E mentre la guerra dilania l’Ucraina orientale, piazza Maidan torna a infiammarsi. A Maidan Nezalezhnosti – la piazza Indipendenza di Kiev cuore della rivolta che tra novembre a febbraio ha portato alla caduta del regime del presidente filorusso Viktor Ianukovich – i manifestanti hanno dato fuoco a montagne di pneumatici per impedire agli operatori comunali di rimuovere le tende e le barricate. I dimostranti – che sono comunque molto meno numerosi di qualche mese fa – hanno anche lanciato pietre e molotov contro soldati e poliziotti e contro i circa 300 operatori giunti in piazza stamattina per smantellare l’accampamento, ancora in piedi nel centro della capitale nonostante a febbraio – proprio in seguito alla rivolta di Maidan – sia salito al potere un governo filo-occidentale. La polizia ucraina ha sequestrato agli insorti armi da fuoco, coltelli, bombe a mano e molotov. (Giuseppe Agliastro/Ansa)

Ultima ora

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

21:42Calcio: Ranieri, vorrei meno premi e più punti

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - "Vorrei meno premi e più punti". Claudio Ranieri accetta con piacere l'ennesimo riconoscimento per la cavalcata vincente dell'anno scorso in Premier League, ma oggi il suo Leicester deve pensare a evitare la retrocessione. "L'anno scorso è stato incredibile, la squadra ha dato il 120% per un risultato insperato e lo stiamo pagando - ha notato l'allenatore degli inglesi a margine del 'Premio Gianni Brera - Sportivo dell'anno' -. La vittoria dell'anno scorso è stata possibile anche per l'unione fra i ragazzi e per le difficoltà delle grandi squadre, che non sono state continue. Se capita ai grandi campioni, figuriamoci a dei ragazzi che hanno giocato in serie B e lottato per non retrocedere. Ora le big sono continue e noi siamo tornati nella normalità: dobbiamo essere concentrati per raggiungere al più presto i 40 punti della salvezza".

21:39Cina: stretta sul golf, chiusi 111 campi ‘illegali’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Cina ha dichiarato guerra ai campi da golf "illegali", chiudendone 111 su 683 per violazioni che variano dall'utilizzo improprio di terreni agricoli o aree protette e fino all'eccessivo sfruttamento delle falde per l'irrigazione, senza dimenticare il peso che le strutture hanno come strumento di corruzione per i membri del Partito comunista. L'agenzia Nuova Cina, nell'annunciare il giro di vite deciso dalla National Development and Reform Commission (l'agenzia di programmazione economica), ha precisato che su altri 65 campi sono state imposte diverse restrizioni. La Cina ha formalmente lanciato lo stop ai nuovi green nel 2004 quando nel Paese ce ne erano meno di 200 che, al contrario, sono più che triplicati. Il golf è finito nel mirino della campagna anti-corruzione del presidente Xi Jinping al punto che il Partito comunista ha "invitato" nel 2015 i 88 milioni di iscritti a non calpestare il green, paragonando lo sport a cattive abitudini non conformi ai principi di condotta e morali del Pcc.

Archivio Ultima ora