Ucraina: infuria la battaglia a Donetsk. Sostegno Nato a Kiev

Pubblicato il 07 agosto 2014 da redazione

MOSCA. – Infuria la battaglia a Donetsk. E la guerra in Ucraina orientale si macchia del sangue di altri civili. I proiettili dell’artiglieria di Kiev hanno cominciato ad abbattersi sul centro della città trasformata dai miliziani separatisti nella loro roccaforte e uno di loro ha colpito un ospedale uccidendo almeno una persona e ferendone altre due. Intanto, mentre le truppe ucraine provano a stringere in una morsa Donetsk e Lugansk, resta altissima la tensione al confine con la Russia, accusata da Kiev e dai suoi alleati occidentali di armare i separatisti. La Nato teme che con la scusa di una “missione di pace” Mosca possa inviare le proprie truppe sul territorio ucraino, e nei giorni scorsi ha denunciato un “pericoloso” aumento dei soldati russi alla frontiera, che sarebbero ora 20.000, 8.000 in più che a metà luglio. Il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, a Kiev in visita ufficiale, non ha nascosto la sua preoccupazione per la situazione e ha esortato il Cremlino a “fare un passo indietro” e ad allontanare i propri militari dal confine evocando in caso contrario “sanzioni economiche ancora più profonde” di quelle varate a fine luglio da Ue e Usa, e a cui Mosca ha risposto con il congelamento per un anno delle importazioni di prodotti agricoli e alimentari dall’Occidente. Ma Rasmussen ha anche avvertito la Russia che l’Alleanza atlantica è pronta a rafforzare la propria assistenza all’Ucraina, che non è un Paese Nato ma potrebbe partecipare “a breve” a esercitazioni militari dell’Alleanza. E ha accusato Mosca di continuare a sostenere i separatisti con ancora maggiore intensità. Il conflitto ucraino è iniziato circa quattro mesi fa e, stando a dati Onu aggiornati a fine luglio, ha già fatto più di 1.100 morti. Le vittime tra i civili negli ultimi giorni sono almeno nove. Secondo le autorità comunali di Donetsk – teatro da alcuni giorni di aspri combattimenti soprattutto nella periferia sud-occidentale – i colpi di artiglieria abbattutisi nella notte sulla città hanno ucciso almeno tre persone. Mentre il consiglio comunale di Gorlivka, una cittadina anch’essa sulla linea di fuoco, denuncia che un proiettile d’artiglieria è esploso vicino a una fermata dell’autobus uccidendo altri cinque civili e ferendone dieci. L’ultimo bilancio delle perdite tra le fila dell’esercito ucraino risale invece a ieri: sette morti in 24 ore. E in seguito è arrivata la notizia di un caccia abbattuto dai miliziani, ma il pilota sarebbe riuscito a paracadutarsi in tempo. L’inasprirsi dei combattimenti ha costretto gli esperti internazionali a interrompere le ricerche nell’area in cui sono disseminati i frammenti del Boeing 777 abbattuto il 17 luglio uccidendo 298 persone. Il governo ucraino ha annunciato la fine del cessate il fuoco decretato la settimana scorsa nella zona (attorno alla cittadina di Torez) per permettere ai periti di indagare in condizioni di relativa sicurezza. E mentre la guerra dilania l’Ucraina orientale, piazza Maidan torna a infiammarsi. A Maidan Nezalezhnosti – la piazza Indipendenza di Kiev cuore della rivolta che tra novembre a febbraio ha portato alla caduta del regime del presidente filorusso Viktor Ianukovich – i manifestanti hanno dato fuoco a montagne di pneumatici per impedire agli operatori comunali di rimuovere le tende e le barricate. I dimostranti – che sono comunque molto meno numerosi di qualche mese fa – hanno anche lanciato pietre e molotov contro soldati e poliziotti e contro i circa 300 operatori giunti in piazza stamattina per smantellare l’accampamento, ancora in piedi nel centro della capitale nonostante a febbraio – proprio in seguito alla rivolta di Maidan – sia salito al potere un governo filo-occidentale. La polizia ucraina ha sequestrato agli insorti armi da fuoco, coltelli, bombe a mano e molotov. (Giuseppe Agliastro/Ansa)

Ultima ora

23:57Calcio: Sarri”Napoli incompiuto?Nel ritorno punti come Juve”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Avere terminato con un solo gol di vantaggio è uno dei pochi aspetti negativi, perché dovevamo chiuderla prima. Obiettivo 2/o posto? Io non ho mai fatto tabelle: la situazione è in mano agli avversari perché, se le vincono tutte, noi non abbiamo possibilità". Così Maurizio Sarri commenta la vittoria del Napoli sul campo dell'Inter. "Ci hanno definito una squadra incompiuta ma, nel girone di ritorno, abbiamo fatto gli stessi punti della Juve - aggiunge -. Qualche punto in maniera stupida l'abbiamo buttato, ma la capacità di fare meno errori possibile è una qualità e forse in questa qualità siamo ancora migliorabili. Cosa si può fare per colmare il gap? Si può andare a Lourdes. Scherzi a parte, è una domanda che bisognerebbe fare a molte altre società: siamo il quinto monte-stipendi, che non è nemmeno la metà di quello di altre squadre, eppure siamo terzi". "Lo scudetto al momento non è programmabile, ma noi siamo sognatori - conclude -. La mia situazione contrattuale? Non ho detto che voglio andarmene via".

23:44Calcio: Inter, Pioli “spirito giusto ma poco precisione”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Il Napoli è una squadra molto forte ma, da parte nostra, ci voleva maggiore precisione e non dovevamo commettere quel grave errore. Da quel momento la partita si è complicata". Stefano Pioli commenta così la sconfitta dell'Inter contro il Napoli. "Lo spirito è stato quello giusto - le parole del tecnico nerazzurro - stiamo vivendo un momento in cui siamo meno dinamici e meno precisi, ma la volontà c'è stata. E stata una partita diversa da quelle precedenti, dove ha inciso soprattutto l'alto livello degli avversari. Stasera spirito e compattezza non sono mancati, ma dobbiamo comunque continuare a lavorare". "L a rassicurazione ricevuta da Zhang? Questa fiducia l'ho sempre avuta - ha aggiunto - da quando sono arrivato. Stiamo lavorando: è vero che nelle ultime partite non siamo stati all'altezza, ma è un percorso cominciato molti mesi fa. Non c'è da rifondare la squadra, siamo all'inizio di un nuovo ciclo che è cominciato con il cambio di proprietà".

23:38Calcio: Francia, Balotelli trascina il Nizza e PSG sconfitto

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Un gol di Mario Balotelli dà il via alla vittoria del Nizza sul PSG, nella 35/a giornata della Ligue 1. Di 3-1 il risultato finale a favore dei padroni di casa sui campioni di Francia in carica: oltre a Balotelli, in gol Pereira al 3' della ripresa quindi, dopo la rete della bandiera firmato da Marquinhos al 19', è arrivato il tris di Donis al 93'. Finale convulso, con espulsione di Thiago Motta e Di Maria, ma soprattutto un violento alterco fra Balotelli e Cavani che, durante la partita, si erano già beccati diverse volte. Il Monaco resta da solo in testa alla classifica (83 punti), con tre lunghezze di vantaggio sul PSG e una partita in meno, mentre il Nizza si porta a -3 dai parigini (77 contro 80). (ANSA).

23:23Napoli: Callejon “vicini alla Roma, volevamo questo”

(ANSA) - ROMA, 30 APR - "Siamo lì vicino alla Roma ed era quello che volevamo: anche oggi si è visto un Napoli forte, con la fame giusta e dobbiamo continuare così. Noi ci crediamo nel secondo posto, adesso siamo a un punto, ma sono importanti tutte le partite. I cori razzisti contro Koulibaly? Purtroppo queste cose succedono: sono pochi quelli che fanno questi cori. Mertens? È un campione e vogliamo resti". Così Josè Maria Callejon, autore del gol-partita contro l'Inter, commenta la vittoria di misura del Napoli, che vale quasi il secondo posto in classifica.

23:22Tornado e alluvioni in Usa, bilancio vittime sale a 9

(ANSA) - WASHINGTON, 30 APR - Sale a 9 in Usa il bilancio delle vittime causate da tornado, violenti temporali e alluvioni nel Midwest e Southeast. Cinque i morti in Texas, due in Arkansas, uno in Mississippi e uno in Missouri.

23:07Calcio: Serie A, Inter-Napoli 0-1

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Una rete dello spagnolo Callejon nel primo tempo, dopo un clamoroso svarione difensivo di Nagatomo su cross dalla sinistra di Insigne, regala la vittoria al Napoli sul campo di un'Inter sempre più in crisi di gioco e di risultati. Grazie a questo successo i partenopei si portano a un solo punto dalla Roma, seconda in classifica. Nerazzurri contestati prima e durante la partita.

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

Archivio Ultima ora