Presidente degli ebrei tedeschi, i tempi peggiori dall’epoca del nazismo

Pubblicato il 08 agosto 2014 da redazione

BERLINO. – ”Per gli ebrei sono i tempi peggiori dall’era del nazismo”. Dalle pagine del britannico Guardian, il presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, Dieter Graumann, rinnova la sua denuncia sull’ondata di antisemitismo esplosa in Europa con gli scontri a Gaza facendo un riferimento esplicito all’olocausto. Il paragone non sfugge in Germania, e finisce sui siti delle principali testate, che lo riportano senza commento. La denuncia non è nuova. Charlotte Knobloch, numero uno della comunità ebraica di Monaco, è arrivata ad invitare gli ebrei a non rendersi riconoscibili come tali. E da giorni lo stesso Graumann ripete che la comunità giudaica ha di nuovo paura, a causa delle molte manifestazioni di odio raccolte in queste settimane. Al quotidiano di Londra, Graumann ha ripetuto che ”per strada senti urlare cose come ‘gli ebrei dovrebbero essere gasati’ ‘gli ebrei dovrebbero essere bruciati’ – slogan gridati durante le manifestazione pro-palestinesi -. Non avevamo avuto cose del genere in Germania da decenni. Chi pronuncia queste parole non sta criticando la politica di Israele, questo è puro odio contro gli ebrei: nient’altro”. ”E non è solo un fenomeno tedesco”, ha aggiunto. Una denuncia che riecheggia quanto ha sostenuto nei giorni scorsi a Berlino. Il riferimento esplicito al nazismo, invece, è un passo in più e definitivo di condanna della reazione che la comunità ebraica ha subito, in molti paesi d’Europa, in concomitanza dell’ultimo scontro sulla Striscia di Gaza. Non è il solo ad aver preso una posizione forte e a ribellarsi, segnala chi affronta l’argomento: contro l’antisemitismo si sono pronunciati l’Onu, Angela Merkel, – ha accusato chi accusa gli ebrei di ”attaccare la libertà la tolleranza e la democrazia in Germania” – e il premier francese Manuel Valls, ”chi attacca un ebreo in quanto ebreo attacca la Francia”. In Germania le manifestazioni anti-israeliane delle scorse settimana sono state l’occasione di portare in piazza slogan razzisti, e c’è stato anche l’attacco incendiario notturno a una sinagoga, quella di Wuppertal: 3 molotov contro l’ingresso. Subito dopo sono stati arrestati un diciottenne che ha detto di essere palestinese, e un profugo siriano. In Francia le sinagoghe attaccate sono state addirittura otto. In Italia sono state denunciate svastiche sulle vetrine dei negozi di commercianti ebrei – continua il drammatico ‘punto’ fatto dal Guardian – in Olanda la principale associazione che combatte l’antisemitismo, Cidi, ”ha ricevuto 70 telefonate di allarme in una settimana il mese scorso, la media in genere va da tre a cinque”. E in Belgio una donna è stata allontanata da un negozio con le parole ”al momento non vendiamo agli ebrei”. È accaduto altre volte che, con l’esplosione della violenza a Gaza, le comunità ebraiche abbiano subito atti di intimidazione e agguati. Ma quello che si registra in questi giorni è un fenomeno che sembra avere una portata diversa: ”Non stanno gridando a morte gli israeliani, stanno gridando a morte gli ebrei”, ha sottolineato il presidente della comunità ebraica francese Crif Roger Cokierman al giornale di Londra, che conclude: ”in Europa il conflitto di Gaza sta respirando nuova vita in un demone molto vecchio e orrendo”. (di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

17:08Calcio: Fiorentina, Kalinic invia certificato

(ANSA) - FIRENZE, 18 AGO - Tra la Fiorentina e Nikola Kalinic continua il braccio di ferro. L'attaccante croato, come confermato dalla stessa società viola, ha inviato un certificato medico della validità di 5 giorni per spiegare di essere 'emotivamente inquieto' e pertanto impossibilitato ad allenarsi. Insomma, stress da mercato. Kalinic smania di trasferirsi al Milan ma l'affare non si è ancora sbloccato per problemi economici: la Fiorentina non intende fare sconti e pretende dal club rossonero 28-30 milioni di euro con tanto di garanzie. Nell'attesa l'attaccante, ancora sotto contratto fino al 2019, ha scelto da ieri di non allenarsi più con i viola: ieri lo ha fatto senza giustificazione e per questo è stato multato dalla società, quindi l'invio del certificato mentre lui stesso si trova ancora a Firenze in attesa di notizie.

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

Archivio Ultima ora