Presidente degli ebrei tedeschi, i tempi peggiori dall’epoca del nazismo

Pubblicato il 08 agosto 2014 da redazione

BERLINO. – ”Per gli ebrei sono i tempi peggiori dall’era del nazismo”. Dalle pagine del britannico Guardian, il presidente del Consiglio centrale degli ebrei in Germania, Dieter Graumann, rinnova la sua denuncia sull’ondata di antisemitismo esplosa in Europa con gli scontri a Gaza facendo un riferimento esplicito all’olocausto. Il paragone non sfugge in Germania, e finisce sui siti delle principali testate, che lo riportano senza commento. La denuncia non è nuova. Charlotte Knobloch, numero uno della comunità ebraica di Monaco, è arrivata ad invitare gli ebrei a non rendersi riconoscibili come tali. E da giorni lo stesso Graumann ripete che la comunità giudaica ha di nuovo paura, a causa delle molte manifestazioni di odio raccolte in queste settimane. Al quotidiano di Londra, Graumann ha ripetuto che ”per strada senti urlare cose come ‘gli ebrei dovrebbero essere gasati’ ‘gli ebrei dovrebbero essere bruciati’ – slogan gridati durante le manifestazione pro-palestinesi -. Non avevamo avuto cose del genere in Germania da decenni. Chi pronuncia queste parole non sta criticando la politica di Israele, questo è puro odio contro gli ebrei: nient’altro”. ”E non è solo un fenomeno tedesco”, ha aggiunto. Una denuncia che riecheggia quanto ha sostenuto nei giorni scorsi a Berlino. Il riferimento esplicito al nazismo, invece, è un passo in più e definitivo di condanna della reazione che la comunità ebraica ha subito, in molti paesi d’Europa, in concomitanza dell’ultimo scontro sulla Striscia di Gaza. Non è il solo ad aver preso una posizione forte e a ribellarsi, segnala chi affronta l’argomento: contro l’antisemitismo si sono pronunciati l’Onu, Angela Merkel, – ha accusato chi accusa gli ebrei di ”attaccare la libertà la tolleranza e la democrazia in Germania” – e il premier francese Manuel Valls, ”chi attacca un ebreo in quanto ebreo attacca la Francia”. In Germania le manifestazioni anti-israeliane delle scorse settimana sono state l’occasione di portare in piazza slogan razzisti, e c’è stato anche l’attacco incendiario notturno a una sinagoga, quella di Wuppertal: 3 molotov contro l’ingresso. Subito dopo sono stati arrestati un diciottenne che ha detto di essere palestinese, e un profugo siriano. In Francia le sinagoghe attaccate sono state addirittura otto. In Italia sono state denunciate svastiche sulle vetrine dei negozi di commercianti ebrei – continua il drammatico ‘punto’ fatto dal Guardian – in Olanda la principale associazione che combatte l’antisemitismo, Cidi, ”ha ricevuto 70 telefonate di allarme in una settimana il mese scorso, la media in genere va da tre a cinque”. E in Belgio una donna è stata allontanata da un negozio con le parole ”al momento non vendiamo agli ebrei”. È accaduto altre volte che, con l’esplosione della violenza a Gaza, le comunità ebraiche abbiano subito atti di intimidazione e agguati. Ma quello che si registra in questi giorni è un fenomeno che sembra avere una portata diversa: ”Non stanno gridando a morte gli israeliani, stanno gridando a morte gli ebrei”, ha sottolineato il presidente della comunità ebraica francese Crif Roger Cokierman al giornale di Londra, che conclude: ”in Europa il conflitto di Gaza sta respirando nuova vita in un demone molto vecchio e orrendo”. (di Rosanna Pugliese/ANSA)

Ultima ora

20:01Morto l’ambasciatore russo all’Onu, attacco cardiaco

(ANSA) - MOSCA, 20 FEB - L'ambasciatore russo alle Nazioni Unite, Vitaly Churkin, è morto a causa di un attacco cardiaco. Lo riporta il ministero degli Esteri in una nota ripresa dalle agenzie russe.

20:00Calcio: Real prepara recupero col Valencia, Ramos al rientro

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Real Madrid ha cominciato a preparare la trasferta di mercoledì prossimo contro il Valencia di Simone Zaza, gara di recupero della 16/a giornata della Liga rinviata per l'impegno dei 'galacticos' nel Mondiale per club. Buone notizie per Zinedine Zidane: il capitano Sergio Ramos ha potuto allenarsi assieme ai compagni, dopo avere saltato la partita vinta sabato scorso al Bernabeu contro l'Espanyol: il difensore di origine andalusa era stato fermato da un infortunio alla schiena, subìto nella partita contro il Napoli, in Champions. Cristiano Ronaldo ha lavorato in palestra, come Danilo, ma dovrebbe essere a disposizione per dopodomani. Il figlio maggiore di 'Zizou', Enzo, si è allenato con la prima squadra e dovrebbe essere convocato per la trasferta nella Comunidad valenciana.

19:56Hollande, vertice Francia-Germania-Italia-Spagna il 6 marzo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente francese, François Hollande ha invitato i leader di Germania, Italia e Spagna ad un vertice a Versailles il 6 marzo prossimo. Lo riferiscono i media spagnoli. Al termine di un vertice franco-spagnolo oggi a Malaga, Hollande, secondo quanto scrive la stampa francese online, ha detto che "tra qualche giorno, il 6 marzo, riceverò il presidente del governo spagnolo, il presidente del governo italiano e la cancelliera tedesca a Versailles per preparare questo 60/mo anniversario che si svolgerà a Roma". Secondo il presidente francese "non si tratta di definire a quattro quello che deve essere l'Europa, non è la nostra concezione, ma siamo i quattro paesi più importanti e tocca a noi dire che cosa vogliamo fare con altri, insieme". La riunione di Versailles è in calendario tre giorni prima del Consiglio europeo, il 9 marzo a Bruxelles. I 60 anni del trattato di Roma verranno celebrati il 25 marzo.

19:50Lega A: Beretta “si va al 2 marzo con modifiche a statuto”

(ANSA) - MILANO, 20 FEB - La Lega Calcio si rivedra' il 2 marzo per modificare lo statuto con una nuova Governance: la notizia e' stata ufficializzata dal presidente Maurizio Beretta. "L'assemblea ha deciso all'unanimita' di continuare i suoi lavori aggiornandosi al 2 marzo - dice Beretta -, integrando l'ordine del giorno odierno con possibili modifiche allo statuto e al regolamento della Serie A".

19:45Migranti: 13 milioni di euro per fare nuovi Centri rimpatrio

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Costerà 13 milioni di euro realizzare i nuovi Centri di permanenza per i rimpatri previsti dal decreto Minniti-Orlando pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per le spese di gestione dei centri è previsto uno stanziamento di 3,8 milioni di euro nel 2017, 12,4 nel 2018 e 18,2 a decorrere dal 2019. Il decreto autorizza poi uno spesa di 19,1 milioni di euro per il 2017 allo scopo di garantire l'esecuzione delle procedure di espulsione degli stranieri irregolari, "anche in considerazione dell'eccezionale afflusso di cittadini stranieri provenienti dal Nord Africa". I fondi verranno prelevati dal programma Fami-Fondo Asilo, migrazione e integrazione cofinanziato dall'Unione europea.

19:44Perquisizioni nella sede del Front National

(ANSA) - PARIGI, 20 FEB - Gli inquirenti stanno perquisendo oggi pomeriggio la sede del Front National a Nanterre, periferia di Parigi, nel quadro dell'inchiesta degli assistenti parlamentari a Strasburgo. L'inchiesta era stata aperta il 15 dicembre per abuso d'ufficio, falso, truffa e lavoro nero e riguardava l'indagine avviata dal Parlamento europeo sull'impiego controverso di due assistenti parlamentari da parte di Marine Le Pen. In un comunicato il Front National conferma la "nuova perquisizione nella sede" del partito dopo quella due anni fa. "Per la seconda volta - si legge nel comunicato - vengono perquisiti gli stessi uffici e trattandosi degli stessi fatti presunti si desume che la prima perquisizione è stata infruttuosa". "Si tratta chiaramente di un'operazione mediatica il cui unico scopo è perturbare il corretto svolgimento della campagna elettorale presidenziale e tentare di nuocere a Marine Le Pen mentre la sua candidatura sta crescendo in modo importante quanto a intenzioni di voto, in particolare al secondo turno"

19:43Calcio: Siviglia vuol blindare Sampaoli, Barca può attendere

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il Siviglia è sospeso fra la sfida casalinga di mercoledì sera contro l'irriconoscibile Leicester e il rinnovo contrattuale dell'argentino Jorge Sampaoli. L'allenatore degli andalusi, come annunciato da Radio Sevilla, si è visto recapitare una proposta per proseguire il rapporto anche nell'immediato futuro, alla luce del gioco espresso dalla squadra e dai relativi risultato ottenuti nel corso della stagione. Il nome di Sampaoli è già stato accostato troppe volte al Barcellona, per il dopo Luis Enrique, per questo la dirigenza sivigliana vorrebbe blindarlo. "In questo momento penso solo al Siviglia", ha detto Sampaoli, che ha tuttavia lasciata aperta una porta, aggiungendo sul futuro "che non si sa mai cosa potrà succedere". Intanto, il Siviglia dovra' rinunciare al proprio sponsor, a causa del problemi del Governo di Porto Rico, la cui scritta è stata 'retrocessa' sul retro della maglia da gioco. (ANSA).

Archivio Ultima ora