Papa: la Corea, il paese dove la Chiesa fu fondata da laici

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

CITTA’ DEL VATICANO. – Hanno tutti intorno ai vent’anni. E’ il 1770, nella Corea del confucianesimo, e per dieci anni si riuniscono tra le montagne, a Chon-jin-am, in conferenze spontanee, alla ricerca della verità. Grazie anche ai libri che Matteo Ricci aveva scritto in Cina, scoprono il cristianesimo e cominciano a fare vita di comunità, celebrando e pregando. A un certo punto si rendono conto che la nuova fede richiede dei sacerdoti, e capiscono di avere anche amministrato illegittimamente i sacramenti. Fermano il culto, che si era diffuso tra la popolazione e aveva cominciato a permeare di ideali cristiani la società fortemente classista dell’epoca, e spediscono una delegazione in Cina a parlare con il vescovo. Questi invia un sacerdote, si costituisce una comunità legittima, il cristianesimo si diffonde, rendendo anche più cosciente il popolo e favorendo la modernizzazione della società. La nuova religione entra in rotta di collisione con tradizioni, mentalità e cultura del Paese. Cominciano le persecuzioni, anche su quegli ex ventenni, anche da parte dei loro familiari. La nascita del cristianesimo coreano è una storia unica al mondo, e il confronto con i discendenti questi cristiani atipici è uno dei motivi di interesse dell’imminente viaggio del Papa nella Repubblica di Corea, l’unico paese in cui la chiesa cattolica è stata fondata da laici e il cristianesimo non è stato portato da missionari, ma scoperto da persone comuni che compivano una propria ricerca dei senso e verità. Non che in Corea nel Settecento potessero girare molti libri di Matteo Ricci; mandare una delegazione in Cina voleva dire accodarsi alla delegazione che una volta all’anno andava a rendere omaggio all’imperatore, percorrere migliaia di chilometri con mezzi anche di fortuna, passare da temperature polari a caldo soffocante e viceversa. Anche andare a studiare da prete in Cina, o a Macao, presentava incognite, e molti aspiranti sacerdoti non ce la facevano. Il cristianesimo coreano è fatto di questa grande avventura di laici, e questa prima generazione di cristiani sarà premiata da papa Francesco, che presiederà la beatificazione di un gruppo di loro martiri. Tra loro anche quello che è considerato il fondatore, Paul Yun Ji-Ching, che sarà beatificato – in un rito celebrato in latino e in corano – insieme a 123 compagni martiri, il prossimo 16 agosto presso la Porta di Gwanghwamun di Seul. Paul è stato martirizzato nel 1785. I ‘fondatori’ del cristianesimo coreano lo hanno mantenuto vivo una cinquantina d’anni prima dell’arrivo dei primi missionari francesi. Chon-Jin-Am, il luogo delle prime riunioni, è oggi un santuario ed è considerato il luogo di nascita della Chiesa coreana. Questa ha fatto ricerche storiche accurate negli ultimi anni su questa prima generazione di martiri. Alcune delle vittime delle successive persecuzioni, in parte missionari stranieri, sono già stati beatificati e canonizzati perché c’erano materiali storici attendibili. Per certi aspetti la avventura dei prossimi beati coreani ricorda la Chiesa giapponese che, ha ricordato papa Bergoglio, “è sopravvissuta per circa 250 anni senza neppure un prete e senza struttura”, una “storia importante”, da cui imparare, non solo per la resistenza alle persecuzioni, ma anche per il fatto che é il battesimo che fa la Chiesa, e “con la grazia del battesimo trasmesso di padre in figlio” anche in clandestinità e nelle persecuzioni, la Chiesa é rimasta “comunità”. I cattolici in Corea sono oggi 5 milioni e 393mila, il 10,7 per cento della popolazione, raddoppiati da quando nel 1989 Giovanni Paolo II aveva visitato il Paese. Si tratta di una comunità molto vivace, anche se alcuni lamentano una diminuzione della presenza di fedeli, soprattutto giovani, a messa. Tra origini avventurose e presente di minoranza attiva nella quarta potenza economica dell’Asia, i cattolici coreani avranno molto da dire a papa Francesco e al suo interesse per la diffusione del Vangelo in Asia.(giovanna.chirri@ansa.it)
CHR/

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora