Yazidi in fuga. “50 bimbi muoiono ogni giorno”

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – Migliaia di persone in marcia, molte a piedi scalzi, madri che hanno perso i loro figli nella calca, poche bottiglie d’acqua contese. Queste le immagini dell’esodo di migliaia di Yazidi iracheni che sono riusciti a sfuggire all’accerchiamento dei jihadisti dello Stato islamico (Isis) sulle montagne intorno a Sinjar, e che ora si dirigono verso il confine siriano sperando di riuscire poi a fare ritorno nel loro Paese. Hazim Said, un rappresentante della minoranza Yazidi che ieri ha incontrato il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius a Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan, ha stimato che “solo il 40 per cento” delle decine di migliaia di rifugiati sulle montagne siano riusciti a ricevere gli aiuti di prima necessita’, in particolare cibo e acqua, paracadutati dagli aerei americani. “Cinquanta bambini continuano a morire ogni giorno”, ha riferito da parte sua Vian Dakhil, deputata appartenente a questa comunita’ di seguaci di una religione pre-islamica, perseguitati dai fondamentalisti. Circa 20.000 invece sarebbero riusciti a sottrarsi all’assedio, attraversando un corridoio aperto per loro fino al confine con la cooperazione delle forze curde della vicina Siria. Da qui sperano di rientrare nel territorio curdo iracheno. Ma anche per chi riesce a fuggire, i rischi rimangono. “Sono riuscita a far salire due dei miei figli su una macchina, poi mi sono allontanata per prendere il terzo, ma quando sono tornata l’auto era gia’ partita”, dice alla Tv Al Jazira una donna, Bayan Hajdr, tenendo in braccio l’unico dei tre bambini di cui per ora conosce la sorte. “Ho camminato per chilometri, poi qualcuno mi ha dato un passaggio in auto, ma non so niente degli altri due miei figli e di mio marito”. Alcuni uomini raccontano di essere arrivati al confine coprendo a piedi decine di chilometri sotto il sole cocente, riuscendo a bere solo di tanto in tanto qualche sorso d’acqua. Me per gli Yazidi non sembra esserci alternativa alla fuga. Il portavoce del ministero per i Diritti umani, Kamil Amin, ha confermato che secondo notizie raccolte dal suo dicastero almeno 500 persone sono state uccise e sepolte in fosse comuni intorno a Sinjar, alcune delle quali, tra cui donne e bambini, quando erano ancora vive. Amin ha inoltre ribadito le accuse agli uomini dell’Isis di violenze nei confronti delle donne. “Sono state stuprate, ridotte a schiave sessuali, alcune ragazze minorenni sono state costrette a sposare dei miliziani”. Secondo Vian Dakhil, le donne e ragazze rapite dai jihadisti sono 520-530. Alcune sono con i loro bambini e tutte sarebbero rinchiuse nel complesso del carcere di Badush, a nord di Mosul. Un abitante del villaggio di Khana, a nord-ovest di Sinjar, ha detto ad Amnesty International che i miliziani dell’Isis hanno ucciso 15 uomini di due famiglie di suoi parenti. “Poi – ha aggiunto – hanno portato via le donne e i bambini, e di loro non sappiamo piu’ niente”.

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora