Yazidi in fuga. “50 bimbi muoiono ogni giorno”

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

BAGHDAD/BEIRUT. – Migliaia di persone in marcia, molte a piedi scalzi, madri che hanno perso i loro figli nella calca, poche bottiglie d’acqua contese. Queste le immagini dell’esodo di migliaia di Yazidi iracheni che sono riusciti a sfuggire all’accerchiamento dei jihadisti dello Stato islamico (Isis) sulle montagne intorno a Sinjar, e che ora si dirigono verso il confine siriano sperando di riuscire poi a fare ritorno nel loro Paese. Hazim Said, un rappresentante della minoranza Yazidi che ieri ha incontrato il ministro degli Esteri francese Laurent Fabius a Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan, ha stimato che “solo il 40 per cento” delle decine di migliaia di rifugiati sulle montagne siano riusciti a ricevere gli aiuti di prima necessita’, in particolare cibo e acqua, paracadutati dagli aerei americani. “Cinquanta bambini continuano a morire ogni giorno”, ha riferito da parte sua Vian Dakhil, deputata appartenente a questa comunita’ di seguaci di una religione pre-islamica, perseguitati dai fondamentalisti. Circa 20.000 invece sarebbero riusciti a sottrarsi all’assedio, attraversando un corridoio aperto per loro fino al confine con la cooperazione delle forze curde della vicina Siria. Da qui sperano di rientrare nel territorio curdo iracheno. Ma anche per chi riesce a fuggire, i rischi rimangono. “Sono riuscita a far salire due dei miei figli su una macchina, poi mi sono allontanata per prendere il terzo, ma quando sono tornata l’auto era gia’ partita”, dice alla Tv Al Jazira una donna, Bayan Hajdr, tenendo in braccio l’unico dei tre bambini di cui per ora conosce la sorte. “Ho camminato per chilometri, poi qualcuno mi ha dato un passaggio in auto, ma non so niente degli altri due miei figli e di mio marito”. Alcuni uomini raccontano di essere arrivati al confine coprendo a piedi decine di chilometri sotto il sole cocente, riuscendo a bere solo di tanto in tanto qualche sorso d’acqua. Me per gli Yazidi non sembra esserci alternativa alla fuga. Il portavoce del ministero per i Diritti umani, Kamil Amin, ha confermato che secondo notizie raccolte dal suo dicastero almeno 500 persone sono state uccise e sepolte in fosse comuni intorno a Sinjar, alcune delle quali, tra cui donne e bambini, quando erano ancora vive. Amin ha inoltre ribadito le accuse agli uomini dell’Isis di violenze nei confronti delle donne. “Sono state stuprate, ridotte a schiave sessuali, alcune ragazze minorenni sono state costrette a sposare dei miliziani”. Secondo Vian Dakhil, le donne e ragazze rapite dai jihadisti sono 520-530. Alcune sono con i loro bambini e tutte sarebbero rinchiuse nel complesso del carcere di Badush, a nord di Mosul. Un abitante del villaggio di Khana, a nord-ovest di Sinjar, ha detto ad Amnesty International che i miliziani dell’Isis hanno ucciso 15 uomini di due famiglie di suoi parenti. “Poi – ha aggiunto – hanno portato via le donne e i bambini, e di loro non sappiamo piu’ niente”.

Ultima ora

13:17Moto: Fmi e VR46 Academy, a Misano i talenti italiani

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - I migliori giovani talenti italiani. Tutti in pista a Misano. Una giornata particolare quella andata in scena al World Circuit Marco Simoncelli, che ha visto presenti un gruppo di corridori supportati dalla Fmi e al via dell'ELF CIV 2017, accanto agli alfieri della VR46 Riders Academy, alcuni di rientro dalla prima prova MotoGP in Qatar. Tutti in pista per un'intensa mattinata di allenamento, il primo di una serie di appuntamenti che vedrà nel 2017 i piloti Fmi e VR46 girare insieme in giornate simili, esperienza che prosegue per il terzo anno di fila. A testimonianza della collaborazione tra le due realtà non sono mancati il Presidente della federazione motociclistica italiana, Giovanni Copioli, il responsabile della VR46 Riders Academy Alessio Salucci e lo stesso Valentino Rossi.

13:15Processo rating: tutti assolti imputati S&P a Trani

(ANSA) - TRANI, 30 MAR - Il Tribunale di Trani ha assolto dall'accusa di manipolazione del mercato 5 tra analisti e manager di Standard & Poor's e la stessa società di rating. La procura aveva chiesto la condanna a due anni per Deven Sharma, all'epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l'Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer. Per S&P era stata chiesta la condanna alla sanzione di 4,6 milioni

13:06Terremoto: lunedì agricoltori a Castelluccio

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - I trattori e gli altri mezzi agricoli saliranno a Castelluccio di Norcia lunedì mattina, per la semina della lenticchia. Che insieme alle specie selvatiche contribuirà in estate a dare vita allo spettacolo naturale della fioritura sull'altopiano. Due le "carovane" che, in percorsi differenti, raggiungeranno il borgo di montagna, completamente disabitato dopo la scossa di terremoto di cinque mesi fa. I trattori, una ventina con gli aratri al seguito, saranno fatti transitare attraverso la galleria di Forca Canapine che l'Anas riaprirà proprio per permettere il passaggio dei mezzi. All'interno della galleria transiteranno due trattori alla volta. Contemporaneamente i mezzi dell'esercito (che per le dimensioni non possono passare nella galleria) trasferiranno a Castelluccio la seminatrice e le sementi seguendo un percorso di 90 chilometri attraverso un lembo di Lazio, per poi rientrare nelle Marche e salire a Castelluccio passando per Pretare di Arquata del Tronto. A questa soluzione si è arrivati dopo un lungo confronto tra le istituzioni e gli agricoltori di Castelluccio. Questi ultimi, che in seguito alla scossa risiedono a Norcia, hanno ottenuto la possibilità di transitare quotidianamente per tutto il tempo necessario alla semina, in due finestre orarie e accompagnati dalla Protezione civile, sulla strada provinciale 477 che collega Norcia al borgo. Dove ora sono in corso lavori di ripristino della carreggiata fortemente danneggiata. Dalle scosse. La gran parte degli agricoltori rimarranno comunque a Castelluccio per tutti i 20 giorni necessari per la semina, alloggiando nelle strutture agrituristiche ancora agibili.

12:54Turchia:leader curdo Demirtas avvia sciopero fame in carcere

(ANSAmed) - ISTANBUL, 30 MAR - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto da quasi 5 mesi con accuse di "terrorismo" nel carcere di massima sicurezza di Edirne, al confine con la Grecia, ha iniziato oggi uno sciopero della fame per protestare contro le "pratiche illegali e inumane" in atto nella prigione. Lo fa sapere una nota dell'Hdp. Con Demirtas, ha avviato la protesta anche un altro deputato, Abdullah Zeydan, detenuto nello stesso penitenziario. I parlamentari, tra l'altro, accusano la direzione carceraria di ignorare uno sciopero della fame di altri detenuti, che prosegue da giorni.

12:49Violenze corteo Casapound: Roma, 4 arresti e obbligo firma 9

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sono tredici gli antagonisti sottoposti a misure cautelari nell'ambito di un'indagine su alcuni episodi di violenza avvenuti lo scorso 21 maggio in occasione di una manifestazione di Casapound e di un concerto nazi-rock nel cuore della Capitale. In particolare 4 sono finiti ai domiciliari e gli altri sottoposti all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L'operazione è stata condotta dalla Digos di Roma. Perquisite anche le abitazioni di alcuni degli indagati. Si tratta per lo più noti esponenti dei centri sociali capitolini e dei collettivi studenteschi dell'università La Sapienza. Rintracciati attualmente 10 dei 13; altri 2 sono stati individuati all'estero, mentre un ultimo è ancora ricercato.

12:42Siria: Unhcr, oltrepassata la soglia dei 5 milioni in fuga

(ANSAmed) - GINEVRA, 30 MAR - Il numero di uomini, donne e bambini in fuga dalla guerra in Siria ha passato la soglia di 5 milioni, ma un anno dopo la Conferenza internazionale per aumentare i posti di reinsediamento e offrire canali alternativi per l'ammissione dei rifugiati siriani, dei 500.000 posti richiesti è stata raggiunta la metà, ha affermato oggi l'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). La comunità internazionale deve fare di più, ha esortato il capo dell'Unhcr Filippo Grandi. "Abbiamo ancora una lunga strada da percorrere per accrescere il reinsediamento e i canali complementari per i rifugiati: sono necessari posti aggiuntivi" e serve accelerare "l'attuazione degli impegni esistenti", ha detto l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. Grandi si è espresso in una dichiarazione resa nota a un anno dalla Conferenza di alto livello per la condivisione della responsabilità per i rifugiati siriani del 30 marzo 2016.

12:39Trump: Vaticano, speriamo riveda le sue politiche

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Le decisioni del presidente Trump "preoccupano" il Vaticano, "ma per fortuna - dice il card. Peter Turkson, capo dicastero per lo Sviluppo umano integrale - anche negli Stati Uniti ci sono voci di dissenso, voci contrarie, in disaccordo esplicito contro le posizioni di Trump: il suo bando contro le immigrazioni è stato bloccato da un avvocato delle Hawaii". "E' un segno - spiega - che ci può essere un'altra voce e si spera che tramite i mezzi politici mano a mano Trump stesso cominci a ripensare alcune sue decisioni". Su temi come le migrazioni, le misure per il clima, le spese per gli armamenti, gli aiuti allo sviluppo, sottolinea il cardinale, "contiamo anche sull'azione di lobby della Chiesa Usa". Turkson rileva positivamente, inoltre, che "mentre gli Stati Uniti fanno marcia indietro sui provvedimenti contro il riscaldamento globale, abbiamo un'altra grande potenza nel mondo, come la Cina, che sta manifestando segni opposti, come se lo spostamento dell'America crei un vuoto che la Cina riempie".

Archivio Ultima ora