Ambulanti su spiagge romagnole, noi non rubiamo

Pubblicato il 11 agosto 2014 da redazione

RIMINI. – “Cosa devo fare se non vendo sulla spiaggia, le rapine? Devo andare a rubare? Devo spacciare? Non c’è lavoro e qualcosa per mangiare devo fare”. Più che disperazione c’è rabbia nella voce di All Sane, 40 anni, senegalese che vive a Torino e che a Rimini è arrivato per fare la stagione da venditore abusivo sulla spiaggia. Mentre tenta di convincere i poliziotti che gli hanno appena sequestrato la merce, gesticola indicando il borsone rosso accatastato nella cabina del bagnino. “Non ho merce contraffatta, solo oggetti in legno, ridammi almeno un portafoglio”, dice al poliziotto. Sono le 4 di pomeriggio, l’ora in cui i tanti senegalesi, cinesi e cittadini del Bangladesh scendono verso riva per sistemare le bancarelle di fortuna, fatte di scatoloni di cartoni e teli bianchi. E’ l’ora in cui i turisti cominciano a passeggiare sulla battigia e si fanno gli affari migliori. Collanine e braccialetti, ma anche borse, occhiali, cinture, orologi taroccati di note marche che porti via con 30 euro al massimo. Oggi però tra i bagni 66 e 68 di Rimini i venditori abusivi hanno trovato la squadra nautica della polizia ad attenderli e la merce è finita sotto sequestro. Ieri i poliziotti in acqua scooter sono passati due volte la mattina e due al pomeriggio, scatenando il fuggi fuggi degli abusivi tra gli ombrelloni. Copione che si ripete ogni giorno in quella che è diventata una guerra. Come in ogni guerra che si rispetti sui due fronti ci si organizza, si studia il nemico, si fa della diffidenza l’arma migliore. Per parlare con loro, con i senegalesi che oggi hanno perso una giornata di lavoro, è stato necessario mostrare il tesserino da giornalista. “Perché voi state con la polizia, voi siete sempre contro i vu cumprà”, dice All Sane usando le stesse parole, “vu cumprà”, che usate dal ministro Alfano hanno scatenato diverse reazioni contro le espressioni razziste. Alfano oggi ha presentato la direttiva per rafforzare i controlli in spiaggia contro l’abusivismo e la vendita di prodotti contraffatti e All Sane non lo sa, ma ha visto e capito che negli ultimi tempi la guerra si è fatta più dura. “Ho lavorato 12 anni in fabbrica e poi per la crisi ho perso il posto – dice – ora chiedo al ministro di riavere i contributi versati così torno in Senegal. I prodotti contraffatti? Lo sanno benissimo che li fanno in Italia, noi siamo solo rivenditori”. Non è facile farsi dire da chi si riforniscono, ma poi spunta un italiano che li fornisce e non vuole essere pagato in anticipo. “Si accontenta di un acconto, poi se vendiamo lo paghiamo. Ma se non lo paghiamo, allora è un problema”. “Se potessimo scegliere non saremmo qui”, dice Mody, 31 anni, arrivato in Italia dalla Francia e come l’amico Bubu di 24 anni vive a Milano d’inverno. Coi barconi no, giurano, anche se qualcuno che l’ha fatto lo conoscono. “Noi non rubiamo, non prendiamo la roba di nessuno, piuttosto sudiamo per chilometri a vendere la merce. Quando va bene in una giornata guadagniamo 20 euro. Mai 50, mai con le collanine. Perché non ci danno uno spazio per vendere. Saremmo disposti a pagare le tasse”. La merce contraffatta rende bene. “Ieri ho venduto ad uno delle forze dell’ordine un Rolex per 30 euro. Sai quanto costa uno così originale? 50 mila euro”. Samba dice di avere 30 anni, ma ne dimostra al massimo 20. E’ quello che fa la spola tra la spiaggia e la strada e chiama i connazionali più adulti quando ci sono problemi. Sono tanti, almeno una decina che discutono per capire cosa fare visto che la merce è stata sequestrata. “Gli italiani si comportano male con noi”, dice uno. “E’ una questione di ignoranza e di razzismo, quando saliamo sull’autobus si turano il naso”, risponde un altro. “Non è per il colore della pelle, ma solo di soldi. Razzisti contro i poveri”, è la conclusione di All Sane. (di Anna De Martino/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora